Stai leggendo: Michelle Obama si racconta a Oprah Winfrey: dalla terapia di coppia con Barack al diventare la prima First Black Family

Letto: {{progress}}

Michelle Obama si racconta a Oprah Winfrey: dalla terapia di coppia con Barack al diventare la prima First Black Family

L'autobiografia di Michelle Obama, Becoming - La mia storia, esce il 13 novembre nelle librerie, e per l'occasione Oprah Winfrey ha intervistato la ex First Lady, che ha raccontato com'è stata la vita durante la presidenza del marito.

1 condivisione 0 commenti

Michelle Obama è sulla cover del numero di dicembre 2018 di Elle USA ed è stata intervistata da Oprah Winfrey in occasione dell’uscita della propria autobiografia, intitolata Becoming - La mia storia, parlando di come è stato far parte della First Family durante il mandato del marito e anche del fatto che lei e Barack hanno seguito un percorso di terapia di coppia.

Commentando ad esempio le accuse fomentate da Donald Trump secondo le quali Barack Obama non sarebbe nato in territorio americano e dunque non avrebbe avuto diritto a diventare presidente degli Stati Uniti, oltre che essere una presenza minacciosa, la ex First Lady ha raccontato le conseguenze di questa assurda cospirazione (conosciuta come "birther claim"): “Perché le mie figlie abbiano una vita normale, anche se hanno dovuto sempre essere accompagnate da agenti della sicurezza, potevano vivere nel mondo in un modo che a noi era precluso. Pensare che un folle possa essere portato a credere che mio marito fosse una minaccia per la sicurezza del paese; e sapere che le mie figlie, ogni giorno, dovevano andare a scuola, alle partite di calcio, alle feste e viaggiare; e pensare che questa persona non ha mai preso in considerazione che non era un gioco - è qualcosa che voglio che il paese tutto comprenda.

Voglio che il paese ci rifletta, non l’ho detto prima a gran voce, ma lo dico ora: è stato incosciente, ha messo in pericolo la mia famiglia, e non era vero. E lui sapeva che non era vero.

View this post on Instagram

Living in the White House for eight years, @MichelleObama had staffers providing everything she could have possibly needed, except for time. "What I came to realize is that there was absolutely no time to reflect in the White House,” she tells @oprah for ELLE’s cover interview. “We moved at such a breakneck pace from the moment we walked in those doors until the moment we left. It was day in and day out because we, Barack and I, really felt like we had an obligation to get a lot done.”⁣⁣ ⁣⁣ Now, with time to process two terms in office—a historic run of accomplishments and struggles—Obama has released her highly anticipated memoir, “Becoming.” Ahead of her book release, the former FLOTUS gets real about her marriage to Barack, the threats made against her children, and life after the White House.⁣⁣ ⁣⁣ ELLE December 2018 credits:⁣⁣ ⁣⁣ Editor-in-chief: @ninagarcia⁣⁣⁣⁣ Photographer: @millermobley⁣⁣ Stylist: @meredithkoop⁣⁣ Hair: @yenedamtew⁣⁣ Makeup: @carlraymua⁣⁣ Wearing: @Dior Chief photography director: @alixbcampbell

A post shared by Elle Magazine (@elleusa) on

Michelle Obama ha spiegato poi il motivo per cui ha seguito incontri di terapia di coppia con il marito: “Si trattava per me di esplorare il mio senso di felicità. In me era scattata la consapevolezza di avere bisogno di sostegno, e che un po’ doveva venire da lui. Ma dovevo capire come costruire la mia vita in un modo che funzionasse per me”.

Il doppio mandato di Barack Obama alla guida degli Stati Uniti è stato un traguardo storico fondamentale: la famiglia Obama è stata la prima di colore ad arrivare a ricoprire quella posizione, e ovviamente è stato un fattore di cui nessuno ha minimizzato l’impatto, già in fase di campagna elettorale. “Abbiamo sentito la pressione fin dal primo istante che abbiamo iniziato la campagna. Innanzitutto, dovevamo convincere i nostri seguaci che un uomo di colore potesse vincere. Non si trattava di conquistare l’Iowa”.

Dovevamo prima di tutto conquistare le persone di colore. Perché gente di colore come i miei nonni… non hanno mai creduto che potesse succedere.

Michelle Obama ha proseguito: “Lo volevano, per noi. Ma le loro vite gli dicevano: ‘No, mai’. Hillary era una scelta più sicura per loro, perché era una figura nota. Aprire i propri cuori alla speranza che l’America avrebbe messo da parte il razzismo per un uomo di colore... credo che gli facesse troppo male. Solo quando Barack ha vinto in Iowa la gente ha cominciato a pensare, Ok, forse si può”.

Già in passato Michelle Obama ha spiegato che ricoprire quella posizione, politicamente e nella storia, ha sempre comportato una consapevolezza inequivocabile: quella di avere la responsabilità di incarnare un ideale cui ambire, perché per una famiglia di colore i parametri di giudizio sarebbero stati sempre più spietati, ma senza presentare agli occhi del popolo una versione posticcia di se stessi.

Uno dei modi in cui gli Obama hanno conquistato l’opinione pubblica ben oltre i confini degli States - e badate bene, parliamo di immagine, non di effettivo merito politico - è stato quello di mostrarsi aperti, comunicativi e veri. Una formula vincente che Michelle Obama ha seguito anche nella sua autobiografia, in cui mette a nudo molti lati della propria vita. Quando Oprah Winfrey le ha dunque chiesto se fosse stato spaventoso esporsi in questo modo, la ex First Lady ha detto: “In realtà no, perchè ho capito una cosa: la gente mi chiede sempre ‘Come fai a essere così autentica? Come fanno le persone a entrare in sintonia con te?”.

Credo che tutto derivi dal fatto che mi piaccio. Mi piace la mia storia e tutti gli ostacoli e le ferite. Credo che sia ciò che mi rende unica.

E ha aggiunto: “Quindi sono sempre stata molto schietta col mio staff, con i giovani, con gli amici. E l’altra cosa, Oprah: sono cosciente del fatto che, che ci piaccia o no, Barack e io siamo dei modelli”.

Da leggere

Garzanti Libri

La mia storia
Da leggere

Garzanti Libri

La mia storia

€ 21,25

Becoming - La mia storia, è acquistabile in tutti i negozi e store online a partire da oggi, 13 novembre.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO