Stai leggendo: Victoria's Secret non vuole modelle transgender e curvy nelle sue sfilate? Il brand chiarisce la propria posizione

Letto: {{progress}}

Victoria's Secret non vuole modelle transgender e curvy nelle sue sfilate? Il brand chiarisce la propria posizione

Mai come quest’anno il Victoria's Secret Fashion Show ha scatenato polemiche sulla (non) inclusività dello spettacolo e del brand, complici anche le parole - poi chiarite - del direttore marketing Ed Razek.

Gli angeli di Victoria's Secret Getty Images

2 condivisioni 0 commenti

Gli angeli di Victoria’s Secret sono stati qualche giorno fa i protagonisti del fashion show più atteso dell’anno, incantando il mondo dall’Hotel Plaza di New York dove il brand sfilò per la prima volta già nel 1995.

Ma mentre le supermodelle di Victoria’s Secret, tra cui spiccavano - tra e atre - le sorelle Hadid e Adriana Lima, varcavano con le loro inimitabili falcate la magica passerella dell’incantata sfilata, fuori dall’ovattato paradiso degli angeli in sexy lingerie si consumava una pungente polemica. In occasione dello spettacolo, infatti, Ed Razek il direttore marketing del marchio ha rilasciato a Vogue un’intervista che, soprattutto oltreoceano, ha creato parecchio scalpore.

Parlando delle modelle considerate dai più (fin troppo) perfette di Victoria’s Secret, Razek in particolare ha sottolineato: “nel 1999/2000 dopo che lo show è andato avanti per qualche anno nessun designer che lo ha visto voleva ingaggiare le ragazze. Erano troppo grasse: questo era il mantra della moda all’epoca. Probabilmente lo ricorderete” ha sottolineato Razek “a quel tempo ci dicevano ‘sono troppo in carne per noi, non potremmo in nessun modo farle sfilare per noi'”. 

Poi ci sono stati dei progressi e ciò che è accaduto è che le ragazze hanno cominciato ad essere sempre più in forma. Non abbiamo detto loro di farlo: loro sono in costante competizione, lavorano sodo… non dovrebbero scusarsi per questo. Tutti parlano dello show di Rihanna [Savage x Fenty] ma se noi avessimo fatto come lei saremmo stati accusati di ‘assecondare le mode’. Perché il nostro marchio ha un’immagine specifica, un punto di vista. Ha una sua storia. 

“È difficile costruire un brand” ha spiegato il direttore marketing di Victoria’s Secret “le ragazze che si sono guadagnate un posto all’interno delle sfilate hanno lavorato duro. In ogni caso noi abbiamo avuto tre modelle incinte che hanno sfilato sulle nostre passerelle. Tutti hanno parlato di Savage x Fenty e della modella incinta nello show. L’abbiamo vista, ci ha divertito ma non ci ha sorpreso. Tutte queste cose che sembra siano state appena ‘inventate’ noi le abbiamo fatte e le continuiamo a fare.”

Noi teniamo conto di un mondo in cui il mercato cambia costantemente. Abbiamo preso in considerazione l’idea di far sfilare una modella transgender o una modella plus-size, ci abbiamo pensato. Noi abbiamo inventato le sfilate di modelle plus-size con il nostro brand ‘gemello’ Lane Bryant. Lane Bryant ancora produce lingerie plus-size ma ha un target specifico, come chiunque altro. Noi ci riferiamo a un mercato ben preciso non a tutto il mondo.

Oltre a queste parole che spiegano benissimo i motivi oggettivi delle scelte "da passerella" di Victoria’s Secret (passate e presenti), la dichiarazione di Ed Razek che ha fatto, più di ogni altra, rivoltare il web è stata:

Non penso che dovremmo avere dei transessuali nello show. Perché lo show è una messa in scena di fantasia. Sono 42 minuti di intrattenimento speciale. È unico al mondo e qualsiasi nostro competitor farebbe a scambio con noi con in un minuto.

Quelle di Razek sono state frasi decisamente forti, facilmente tergiversabili ma coerenti, e per le quali, dopo molti attacchi, lo stesso Razek si è pubblicamente scusato con un post diramato dal profilo Twitter ufficiale di Victoria's Secret in cui si legge:

Il mio discorso riguardo all’inclusione di modelle transgender negli show di Victoria's Seecret è venuto fuori un po’ troppo intenso. Chiedo scusa. Tanto per essere chiari noi vorremmo modelle transgender nello show. Si sono presentate ai casting modelle transgender… e come altre non ce l’hanno fatta. Ma non è stato un problema di ‘genere’. Rispetto e ammiro il loro percorso per diventare ciò che realmente sono.

Che ne pensate?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE