Stai leggendo: Le scene più emozionanti e amate della saga di Harry Potter

Letto: {{progress}}

Le scene più emozionanti e amate della saga di Harry Potter

Dal 15 novembre 2018, in sala arriverà Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald e torneremo nel Wizarding World creato da J.K. Rowling. Nell'attesa, per rientrare nell'atmosfera, i 10 momenti più emozionanti nella saga di Harry Potter

La saga di Harry Potter Warner Bros Italia

7 condivisioni 0 commenti

Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald, la seconda delle cinque nuove avventure del Wizarding World creato da J.K. Rowling, dal 15 novembre 2018 sarà nelle sale cinematografiche italiane. Per l'occasione, Sky e Premium Cinema ci preparano a rientrare nel mondo magico di Harry Potter e di Animali Fantastici con una maratona il 10 e l'11 novembre.

Per poter ricreare l'atmosfera giusta e tornare a respirare incanti Patronus, mortali incantesimi come l'Avada Kedavra e trasformarci con le pozioni Polisucco, uno sguardo ai 10 momenti più emozionanti nella saga di Harry Potter

1. 'Sei un mago Harry' - Harry Potter e la pietra filosofale, 2001

La magia non era ancora iniziata ma già la storia di un orfano costretto a dormire in un sottoscala, privato di ogni minimo gesto di affetto ci aveva conquistato. Come si può non empatizzare con un ragazzino di 11 anni che ne ha già passate tante e nonostante tutto conserva dietro gli occhiali rotti uno sguardo pieno di speranza?

Se poi la notte del 31 luglio, il suo compleanno, un gigante buono arriva con una torta e una nuova vita all’orizzonte, allora è inevitabile emozionarsi. “Sei un mago Harry” gli rivela Hagrid e all’improvviso la parola riscatto riecheggia silente. Al compimento del suo 11esimo anno, Harry Potter scopre il suo destino, la sua natura, l’amore dei suoi genitori ma soprattutto finalmente capisce di essere speciale e unico.

2. Lo specchio delle Brame - Harry Potter e la pietra filosofale, 2001

Al suo primo anno alla scuola di magia e stregoneria di Hogwarts Harry Potter si imbatte nello Specchio delle Brame, quello che il preside Albus Silente più tardi gli spiegherà avere la proprietà di mostrare "quello che desideriamo più profondamente e più irresistibilmente in cuor nostro".

Non c’è nient'altro che Harry vorrebbe di più del conoscere i suoi genitori. L’incontro di sguardi seppur immaginario tra il piccolo mago e i suoi genitori attraverso quello specchio dei desideri è una scena che ti entra dentro e non ti abbandona più.

3. La macchina volante - Harry Potter e la camera dei segreti, 2002

Gli amanti del Wizarding World creato dalla penna di J.K Rowling sanno bene che sono veramente poche le parti che la scrittrice ha riservato ai momenti di vita ordinaria dei protagonisti, soprattutto quelli dalle babbane fattezze. Ed è per questo che uno dei momenti più memorabili della saga resta quello del viaggio verso Hogwarts di Ron e Harry a bordo di una Ford Anglia modificata anni prima da Arthur Weasley, il padre di Ron, per poter volare e diventare invisibile.

Avventura indimenticabile e perfetto mix tra fantasia e adrenalina conditi dalle mille facce della paura pura che tanto rappresentano Ron.

4. L’incanto Patronus - Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban, 2004

Harry Potter e Sirius BlackHDWarner Bros italia
Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban

Ci sono gusti e gusti e tutti i film ed i libri della saga di Harry Potter sono emozionanti e li si ama come figli indistintamente ma, non si può negare che Il prigioniero di Azkaban, terzo film e terzo libro delle avventure del maghetto spicca tra i più amati di sempre per due ragioni: è diretto dal premio Oscar Alfonso Cuarón (dopo i primi due diretti da Chris Columbus, qui in veste di produttore) ed è quello più fedele ai libri ed al loro tono, più adulto, più dark e attento alle sfumature, i dubbi e le battaglie che deve affrontare Harry.

C’è però una terza ragione: Il prigioniero di Azkaban introduce un nuovo personaggio, quello interpretato dal premio Oscar 2018 Gary  Oldman, il padrino di Harry, Sirius Black. Alzi la mano chi non ha pianto, almeno durante la lettura del libro, quando Harry scopre che il migliore amico dei suoi genitori, il ricercato Sirius, non li ha traditi ma è stato anzi in prigione per sbaglio e vorrebbe tanto che Harry andasse a vivere con lui. Non bisogna essere stati nella stessa situazione di Harry per affogare nelle lacrime di commozione. Secondo solo a questo momento catartico, c’è l’incanto Patronus di Harry, quello che serve a scacciare i terrificanti dissennatori, che si rivela un cervo proprio come quello di suo padre: un’eredità di quelle piene d’amore.

5. Il ritorno di Voldemort - Harry Potter e il calice di fuoco, 2005

Harry Potter e Il calice di fuocoHDWarner Bros Italia
Harry Potter contro Voldemort

Se dal Prigioniero di Azkaban inizia la virata veramente dark della saga, Il calice di fuoco attinge fin dai primi minuti a questa oscurità. Dal misterioso omicidio alla Coppa del Mondo di Quidditch fino alle lezioni di Difesa contro le Arti Oscure tenute da Malocchio Moody incentrate sulle tre Maledizioni Senza Perdono, tra cui l'Anatema che Uccide, l'Avada Kedavra, il quarto film diretto da Mike Newell si distingue per una scena essenziale per il corso degli eventi: Harry Potter e Voldemort si scontrano bacchetta contro bacchetta per la prima volta, poco dopo che il mago oscuro ha ucciso il malcapitato Cedric Diggory (Robert Pattinson).

Se nei precedenti capitoli Voldemort rappresentava una minaccia immateriale solo per Harry e non era ritornato alla sua forma corporea, alla fine del Torneo Tremaghi, la minaccia di "colui che non deve essere nominato" diventa concreta e prende letteralmente corpoDallo scontro tra questi due maghi e dalle loro bacchette il cui nucleo è costituito da piume della stessa fenice, un flusso di proiezioni astrali delle persone che Voldermort ha ucciso arrivano a supportare Harry nella battaglia, da Cedric fino ai suoi genitori che affiancandolo gli danno forza. “Sei stato così coraggioso” gli dice sua madre e vai di lacrime a fiumi. Per quanto spettacolare sia la scena sullo schermo, nel libro J.K Rowling la descrive in maniera minuziosamente struggente.

6. La morte di Sirius - Harry Potter e l'Ordine della Fenice, 2007

Dal Prigioniero di Azkaban in poi, la sola esistenza di Sirius Black, padrino di Harry ci rassicurava sul fatto che il giovane mago avesse finalmente qualcuno di “famiglia” a vegliare su di lui più di quanto non facessero già gli altri. Sarà che i momenti di interazione tra i due aumentano grazie alle riunioni dell'Ordine della Fenice proprio nella residenza Black ma la morte di Sirius, per mano di sua cugina Mangiamorte Bellatrix Lestrange (Helena Bonham Carter) spezza il cuore di ogni affezionato potteriano ogni singola volta che la si rivede sullo schermo. Ad aggravare il tutto, il senso di colpa di Harry per aver se non altro creato le condizioni per la battaglia e la fine prematura del suo amato zio.

7. L'addio di Albus Silente - Harry Potter e il principe mezzosangue, 2009

La qualifica di emozionante è riduttiva se applicata ad una delle scene, dei momenti, degli avvenimenti più commoventi, dolorosi e catartici dell’intera saga dedicata al mago inglese. La morte di Albus Silente per mano di Severus Piton segna la fine di un’era, quella della saggezza e della protezione di Silente non solo su Harry ma sull’intero mondo della magia. Il suo funerale, o per meglio dire il modo con cui viene onorato, sono le luci delle bacchette proiettate nell’oscurità in segno di rispetto, amore e lutto.

Ed anche se sappiamo a posteriori che anche questa morte apparteneva ad un grande disegno più grande, Silente è nei nostri cuori e non vediamo l’ora di rivederlo, giovane e potente in Animali Fantastici - I crimini di Grindelwald con il volto dell’amatissimo Jude Law.

8. La Battaglia ad Hogwarts - Harry Potter e i doni della Morte - parte 2

Voldermort ed HarryHDWarner Bros Italia
Harry Potter e i doni della morte

Siamo arrivati alla resa dei conti, Silente è morto e nonostante gli sforzi di Harry, Hermione e Ron e di tutto l’Ordine della Fenice, Voldemort sta per espugnare l’ultima grande fortezza, il posto più sicuro al mondo per un mago: Hogwarts. Proprio in quel castello ogni personaggio che abbia amato e amiamo si confronta con le sue più grandi paure, tra cui non solo la morte ma anche una vita di schiavitù nell’oscurità e i sentimenti più profondi: l’amore, la fratellanza, l’amicizia.

Lì tra dimostrazioni estreme di coraggio, a partire dall’insospettabile Neville all’impavida Ginny, ci sono i morti sul campo: Remus Lupin e Nymphadora Tonks che lasciano un figlio orfano e Fred Weasley, gemello di George. Emozionante, commovente, indimenticabile, si respira tutto ciò che provano i personaggi, da rivedere e rileggere. 

9. Il sacrificio di Piton

“Dopo tutto questo tempo? Sempre”: risponde Piton alla domanda di Albus Silente dopo che il Preside ha scoperto che il suo Patronus è uguale a quello dell’amata Lily, madre di Harry. Tutto ciò che ha fatto Piton negli anni, anche quando sembrava che odiasse Harry, faceva parte di un disegno per proteggerlo perché lui era tutto ciò che gli rimaneva della sua amata... aveva persino i suoi occhi.

Non bisogna dire altro, la storia di Piton, i suoi ricordi di infanzia ed il suo sacrificio rimangono tra i motivi per cui la saga di Harry Potter non invecchia e perdura nel mutamento. Nel 2016, la morte di Alan Rickman, attore che lo interpretava, ha inferto anche una nuova ferita nell’animo dei potteriani nel mondo.

10. La rinascita di Harry

I ricordi di PitonHDWarner Bros Italia
Harry Potter e i Doni della Morte parte 2

Prima che Piton muoia, attraverso le lacrime lascia ad Harry i suoi ricordi. È così che il mago adolescente scopre che la sua morte è inevitabile e deve avvenire per mano di Voldemort stesso poiché in Harry risiede l’ultimo horcrux, l’ultimo pezzo in cui il mago oscuro ha diviso la sua anima per rimanere immortale. Attraverso Harry percorriamo la più grande prova, quella di abbandonarsi ad un destino segnato per permettere la sopravvivenza di tutto il genere umano e magico.

Oltrepassando la morte, Harry rinasce per la battaglia finale, tra le braccia di Hagrid, suo amico fraterno. Per sconfiggere Voldemort non è solo, Neville con la spada di Godric Griffondoro uccide il serpente Nagini, l'ultima parte di anima del signore oscuro e della famiglia di Harry composta dagli amici di sempre fa parte ora anche lo spettatore che ama il mago come se fosse una persona reale.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.