Stai leggendo: La favola della principessa Ayako che si sposa per amore (e indossa un abito stupendo)

Letto: {{progress}}

La favola della principessa Ayako che si sposa per amore (e indossa un abito stupendo)

A Tokyo la principessa Ayako, ricercatrice universitaria, ha sposato il borghese Kei Moriya, per il quale ha deciso di rinunciare al suo titolo. Ecco la loro favola coronata.

9 condivisioni 0 commenti

Sembra una favola, in stile Il principe cerca moglie, ma è tutto vero. La principessa giapponese Ayako ha sposato Kei Moriya a Tokyo, nel santuario scintoista di Meiji Jingu,con una suggestiva cerimonia sotto un cielo azzurro.

La principessa ha ventotto anni e per amore ha rinunciato al proprio titolo, come impone la Legge sulla Casa imperiale, in base a cui le donne sono costrette ad abbandonare il loro titolo se decidono di sposare una persona non di sangue blu.

Ma Ayako non sembra avere rimpianti: in kimono rosso, felice e raggiante, e con un ventaglio in mano, la principessa ha portato a termine il rito e, di seguito, gli sposi hanno ricevuto applausi, felicitazioni e nella folla si è riconosciuta la parola “Banzai”, un augurio di buon auspicio.

Il suo look non è passato inosservato: la principessa ha indossato il tradizionale kimono di corte e ha scelto un'acconciatura speciale denominata osuberakashi, una sorta di chignon in mood orientale.

Poi la principessa ha cambiato kimono e ha optato per un bellissimo modello bianco, un vero look regale.

La cerimonia è avvenuta in forma privata – gli ammessi erano circa 30 in tutto - ma fuori dal santuario i curiosi e i conoscenti si sono assiepati per sbirciare gli sposi.

Con un giuramento ufficiale, Ayako ha rinunciato per sempre al trono. In cambio riceverà un indennizzo di 107 milioni di yen (circa 840mila euro).

Lo sposo della principessa, Kei, ha 32 anni ed è un impiegato, un funzionario della compagnia di spedizioni Nippon Yusen. Ayako l’ha conosciuto circa un anno fa tramite amici dei genitori. La principessa lavora come ricercatrice all’Università Josai di Chiba e continuerà la propria attività anche dopo il matrimonio.

Che ne pensate? Non è un gesto romantico?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.