Stai leggendo: 'Ogni canzone mi parla di te': viaggio nella musica e nell'amore

Letto: {{progress}}

'Ogni canzone mi parla di te': viaggio nella musica e nell'amore

Innamorati di musica e di amore? Ecco il libro che fa per voi!

Ogni canzone mi parla di te Free Image

2 condivisioni 0 commenti

Vi sarà capitato almeno una volta: siete all'inizio della vostra nuova, sconvolgente storia d'amore. Alla radio sta passando quella canzone così romantica. Ascoltandola, non riuscite a fare a meno di notare come sembri scritta proprio per voi. Ogni canzone mi parla di te: così si intitola l'ultimo libro di Stefania Carini, edito da Sperling & Kupfer, nelle librerie dal 16 ottobre. E se siete convinti che scegliere una nuova playlist significhi aggiornare la colonna sonora della vostra vita, dovete assolutamente leggerlo. 

Attenzione, però: Ogni canzone mi parla di te non è un libro sulla storia della musica. È altro, ma alla musica è strettamente legato e lo si intuisce fin dall'inizio, dando un'occhiata all'indice. Il libro non è composto da capitoli, ma da una selezione musicale di 25 canzoni. Tutte italiane, tutte sull'amore. Da sfogliare nell'ordine cronologico con cui l'autrice le ha organizzate o saltando da una pagina all'altra, "skippando" una canzone per passare subito a quella seguente. 

Scegliere 25 tracce (più una bonus track): il pretesto ideale per iniziare un viaggio alla scoperta del nostro immaginario amoroso, cantato e sublimato da un'infinità di artisti nostrani. Un viaggio diverso, scrive Carini nell'introduzione:

Parte da una nota e arriva fino al like che l’altro giorno lui/lei ti ha messo su Facebook, e che tu credi possa voler dire chissà cosa. 

 Ogni canzone mi parla di te, d'amore e di musica

Avete mai pensato a quanto potere abbia la musica, in grado di superare barriere linguistiche e spaziali, unendo le persone da un capo all'altro del mondo per costituire un patrimonio che sia davvero popolare? E cosa c'è di più pop dell'amore? Sono stati versati litri di inchiostro per narrarlo, chilometri di pellicola per rappresentarlo.

A volte, però, l'amore può far male: "Io ascoltavo la pop music perché ero un infelice. O ero infelice perché ascoltavo la pop music?", si chiede Rob Gordon, il protagonista di Alta Fedeltà di Nick Hornby. Eppure, la musica non scoperchia solo il vaso di Pandora che racchiude i nostri ricordi più nostalgici o dolorosi.

Ogni canzone mi parla di te HDGetty Images

Sa anche assumere un valore terapeutico. Quel "canta che ti passa" (da cui prende nome l'introduzione al libro) che diventa una sorta di medicina, quando con il cuore a pezzi, senza trovare pace, la cerchiamo chiedendo asilo alla nostra canzone preferita. Urlata più che cantata, per sentirsi decisamente meglio dopo, quando la musica è finita.

Percorrendo l'itinerario selezionato da Stefania Carini, si attraversa tutto il nostro immaginario amoroso, di cui la canzone d'amore italiana è artefice e complice. I brani si concentrano maggiormente negli ultimi due decenni del secolo scorso. Non poteva essere altrimenti: il dna musicale dell'autrice si forma assorbendo gran parte di quello che spunta dalla televisione, Mtv e Sanremo in primis. 

Da Mina a Lucio Dalla, passando per Claudio Baglioni e Albano e Romina: una raccolta di sole "canzonette"? Non chiamatele così. Anzi, scrive nella prefazione Ivan Cotroneo, a pensarci bene fatelo pure: "Stefania Carini ha toccato in queste pagine qualcosa di estremamente potente, di cui magari possiamo vergognarci, ma che non possiamo negare. Quando parliamo di «canzonette», stiamo facendo una diminuzione verbale di qualcosa che invece ci prende molto.

Proprio come a volte nella vita neghiamo, anche a noi stessi, la forza di un’attrazione che ci trascina; e abbiamo bisogno di sminuire con il linguaggio, anche inconsapevolmente, per non ammettere che invece siamo travolti.

Ogni canzone mi parla di te: un itinerario italiano

Con leggerezza e ironia, Carini trascina il lettore nel suo personalissimo viaggio nella musica, che è anche un viaggio nei suoi ricordi e in quelli del costume e della società italiani, ricostruiti attraverso frammenti ripescati dagli archivi dei quotidiani. Il tragitto inizia dalla musica e arriva a raccontare l'amore, o meglio, i tanti modi in cui è possibile declinarlo oggi, tra app per incontri e messaggini su WhatsApp. Soprattutto, i modi in cui il nostro immaginario - nutrito da decenni trascorsi ad assorbire musica leggera - ha iniziato a colorarlo.

Ogni canzone mi parla di teHDFree Image

Ci sono il giallo, l'azzurro e il rosso delle calzette, simbolo dell'innocenza annidata nella memoria e persa per sempre, rimpianta nella Canzone del Sole. C'è il buio doloroso de La notte cantata da Arisa, la Malinconia di Marco Masini e quella di chi si impone masochisticamente i dolci ricordi del passato, come in Marmellata #25 di Cesare Cremonini.

Ci sono le farfalle nello stomaco di Come Mai degli 883, la rarefatta perfezione dei sentimenti di Io che amo solo te di Sergio Endrigo, ma anche il disimpegnato e spudorato gesto tecnico di 24 mila baci, quando Adriano Celentano cantava la semplicità di un fisico schiocco di labbra senza "bugie meravigliose" o "frasi d'amore appassionate". Ogni sezione si conclude con una raccolta di pillole, la 'playlist' collegata al brano, con nuovi spunti, idee sull'amore "e qualche consiglio, anche se il migliore resta: canta che ti passa!".

Ogni canzone mi parla di teHDGetty Images

Per esempio, come reagire a quella piaga moderna delle relazioni affettive: il ghosting. Ignorare ogni tentativo comunicativo, scomparire agli occhi del nostro (non più) amato. Carini non manca di osservarlo: se ci pensate bene, Se Telefonando si mette proprio nei panni di chi lascia senza fare rumore, non trovando le parole e quindi decidendo di esclissarsi senza utilizzarle, lasciando l'altro solo, in confusione, a raccogliere i pezzi. Ne parlano Ghigo De Chiara e Maurizio Costanzo. Ma anche Ghali: "Sono settimane che ti provo a chiamare, fai la presa male, posti foto col cane, scrivi e dici che è il tuo unico amore, così non vale".

Ogni canzone mi parla di te: l'autrice

Stefania Carini è una giornalista, critica televisiva e docente all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Si occupa prevalentemente di cinema e televisione, ma si interessa anche di altri linguaggi comunicativi: la musica, ovviamente, ma anche l'animazione, i fumetti e la sceneggiatura.

Ogni canzone mi parla di teHDFree Image

Scrive soprattutto per Il Corriere della Sera, sul quale cura la rubrica TvUsa, ma collabora anche con Link, Linus, Rivista Studio e persino Topolino. Tra i volumi precedentemente pubblicati, ci sono I misteri di Les Revenants, nel quale svela curiosità e retroscena della popolarissima serie tv francese, e il Il Testo Espanso. Ogni canzone mi parla di te è il suo ultimo libro. 

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.