Stai leggendo: Jamie Lee Curtis: 'Mia sorella mi ha salvato dalla dipendenza da oppiacei'

Letto: {{progress}}

Jamie Lee Curtis: 'Mia sorella mi ha salvato dalla dipendenza da oppiacei'

Sono passati 20 anni da quando Jamie Lee Curtis si è disintossicata dagli oppiacei. L'attrice, ancora oggi, ricorda quando sua sorella le ha salvato la vita: è stata lei la prima a cui ne ha parlato e nel suo amore ha trovato la forza di reagire.

Jamie Lee Curtis Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Jamie Lee Curtis ha cominciato a soffrire di dipendenza da oppiacei alla fine degli anni '80, un segreto che ha saputo tenere nascosto anche alle persone a lei più care per oltre 10 anni. Nel corso di una recente intervista concessa a People, l'attrice di Halloween ha raccontato di essere arrivata a un punto di svolta nel 1998, grazie all'amore incondizionato di sua sorella Kelly. La Curtis accolse a casa sua la sorella per le vacanze estive e lei porto con sé in valigia degli oppiacei che le erano stati prescritti per un infortunio alle costole: l'attrice glieli rubò e solo a quel punto, quando la sorella era ormai vicina a scoprire da sola la verità, si sentì pronta per confessarle tutto sulla sua dipendenza.

Ecco come ricorda quel momento:

Praticamente presi tutti i suoi oppiacei. Poi compresi che avrebbe fatto le valigie accorgendosi delle pillole mancanti. Sapevo che dovevo dirle quello che avevo fatto, e così le ho scritto un biglietto. Quel giorno sono tornata a casa e lei mi ha abbracciato dicendomi che mi amava tanto ed era preoccupata per me, non era disposta a guardarmi mentre mi uccidevo.

Jamie Lee Curtis e sua sorellaHDGetty Images
Jamie Lee Curtis con la sorella Kelly

Jamie Lee Curtis non ha dubbi: per chi è dipendente da droga o alcool, la sensazione di vergogna che deriva dal riconoscere di avere un problema è pesantissima, difficile da scacciare. Tuttavia, complice il sostegno della sorella, l'attrice riuscì a prendere parte al suo primo incontro con un gruppo di recupero:

Ho lavorato molto duramente per cancellare la vergogna e riconoscere che sono un essere umano. Ciò che rende la ripresa così speciale è quando un tossicodipendente o un alcolista parla della cosa con un altro. Si tratta davvero di liberarsi e poi di trovare i programmi di riabilitazione che funzionano per ognuno.

Dalla sua prima seduta, risalente al 3 febbraio 1999, Jamie Lee Curtis è completamente sobria. Sono passati 20 anni e ancora oggi l'attrice frequenta il suo gruppo di recupero per preservare il proprio equilibrio e aiutare chi, come ha fatto lei per tanti anni, lotta contro il demone della dipendenza. 

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.