Stai leggendo: È morto il co-fondatore di Microsoft Paul Allen

Letto: {{progress}}

È morto il co-fondatore di Microsoft Paul Allen

A soli 65 anni il socio di Bill Gates ha perso la vita a causa del linfoma non Hodgkin contro il quale combatteva da tempo.

Paul Allen e Bill Gates Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Nel pomeriggio di lunedì scorso, 15 ottobre, il co-fondatore di Microsoft Paul Allen è morto dopo anni di lotta contro il linfoma non Hodgkin, che gli è stato diagnosticato nel 1983, la stessa patologia che lo costrinse più volte ad abbandonare la direzione della società che aveva creato insieme al socio Bill Gates nel 1975.

A dare la notizia della sua morte è stata il sito ufficiale della sua società, la Vulcan Inc., e la sorella Jodie Allen:

Aveva sempre tempo per la sua famiglia e i suoi amici in questo momento di dolore siamo profondamente grati per le attenzioni che ci ha dimostrato ogni giorno.

 Considerato da Forbes il 21esimo uomo più ricco al mondo, Paul Allen e Gates si sono conosciuti alla Likeside School di Seattle e fin da giovanissimi avevano iniziato a lavorare nel campo dell’informatica per la società Computer Center Corporation.

Tra alti e bassi di salute, Paul Allen lasciò Microsoft nel 2000 mantenendo comunque una quota azionaria pari all’8%. Per tutta la sua vita, esattamente come Gates, Allen ha da sempre devoluto parte del suo patrimonio in beneficenza, fondando nell’86 Paul G. Allen Family Foundation.

Appassionato di tecnologia fantascientifica e sport, Paul Allen investiva moltissimo in questi campi. È anche grazie al suo contributo infatti che è stato costruito il primo veicolo spaziale privati in grado di raggiungere lo spazio sub-orbitale, lo SpaceShipOne.

Bill Gates stesso ha ricordato il suo ex socio in una toccante dichiarazione

Ho il cuore spezzato dalla morte di uno dei miei più vecchi e cari amici, Paul Allen. Dai primi giorni insieme alla Lakeside School, attraverso la nostra partnership nella creazione di Microsoft, ad alcuni di i nostri progetti filantropici comuni nel corso degli anni, Paul è stato un vero partner e un caro amico: il personal computing non sarebbe esistito senza di lui.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.