Stai leggendo: Camila Mendes di Riverdale parla della sua lotta alla bulimia e svela di ispirarsi a Rihanna

Letto: {{progress}}

Camila Mendes di Riverdale parla della sua lotta alla bulimia e svela di ispirarsi a Rihanna

La bulimia è stata un incubo per Camila Mendes. Fortunatamente, l'attrice di Riverdale è uscita dal tunnel dei disturbi alimentari e oggi si ispira a icone del body positivism come Rihanna.

Camila Mendes Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Camila Mendes è diventata nota al grande pubblico con il ruolo di Veronica in Riverdale.

La serie, giunta alla sua terza stagione, è stata un'autentica rivelazione e ha reso i suoi giovani protagonisti icone delle nuove generazioni, modelli a cui potersi ispirare. Consapevole della forte influenza scaturita dalla sua popolarità, Camila ha deciso di impegnarsi attivamente contro i disturbi alimentari, uscendo allo scoperto e svelando al pubblico di aver sofferto in prima persona di bulimia.

L'ha fatto lo scorso anno con un post su Instagram annunciando di aver aderito a Project HEAL, un'organizzazione senza scopo di lucro che assiste le persone affette da disturbi alimentari e le supporta economicamente garantendo loro un'adeguata terapia.

"Posso dire dalla mia esperienza che i disturbi alimentari sono una malattia mentale seria", ha scritto Camila sui social.

View this post on Instagram

link in bio ♥️

A post shared by camila mendes (@camimendes) on

Camila Mendes ha parlato ancora una volta della sua lotta alla bulimia durante un'intervista concessa al magazine Shape riportata da People. I suoi problemi con il cibo risalgono ai tempi del liceo e si sono protratti per molti anni:

Ero così spaventata dai carboidrati da non mangiare mai pane e riso. Se mangiavo un dolce pensavo cose tipo: 'Non mangerò per almeno cinque ore adesso'. Mi punivo e mi sentivo in colpa anche mangiando del cibo sano, come se stessi facendo qualcosa di sbagliato.

A salvarla è stato l'incontro con un terapeuta e un nutrizionista, avvenuto circa un anno fa. Mediante la terapia e la consulenza con un esperto, la giovane attrice ha imparato ad alimentarsi in modo sano ed equilibrato, senza aver paura di ingrassare o di aver voglia di abbuffarsi.

Tuttavia, dichiara, continua ancora oggi a sentire "quelle vocine" nella testa:

Non se ne sono andate via completamente, ma ora sono più silenziose.

Camila si tiene in forma facendo pilates e yoga, ma soprattutto sta cercando di amare il proprio corpo senza aspirare a ideali utopici, irraggiungibili. Il suo modello adesso è Rihanna, una donna bellissima e fiera delle sue curve, incurante del fatto di essere ingrassata:

Il momento di body positivism che stiamo vivendo è sorprendente e mi sta aiutando così tanto. Vedo tutte queste persone a cui mi ispiro, come Rihanna, che parlano dei loro sbalzi di peso tranquillamente e si amano per come sono.

Camila Mendes ha trovato un forte sostegno nella sua collega Lili Reinhart, a sua volta alle prese con problemi di accettazione del proprio corpo. Lili (Betty in Riverdale) soffre di dismorfismo, ossia vede il suo corpo in modo diverso da quello in cui realmente appare.

Camila Mendes e Lili ReinhartHDGetty Images
Camila Mendes e Lili Reinhart sono molto amiche nella vita

Come Camila, anche Lili è una paladina della lotta al bodyshaming, in tutte le sue forme. Le due sono insorte quando, alcuni mesi fa, una nota rivista ha ritoccato con Photoshop le foto che avevano realizzato insieme per la copertina. Ancora oggi, Camila si dice incredula circa quell'episodio:

Sono così felice di come sono e non penso fosse necessario modificare le foto. Non è mai necessario cambiare il proprio corpo. Le persone sanno come sono, mi faccio spesso foto da sola e non le modifico in modo che la gente lo sappia. Bisognerebbe smetterla di mentire alla gente.

Continua così, Camila!

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.