Stai leggendo: Luca Guadagnino vuole Dakota Johnson nel sequel di Chiamami col tuo nome

Letto: {{progress}}

Luca Guadagnino vuole Dakota Johnson nel sequel di Chiamami col tuo nome

Il regista ha affermato di avere una parte perfetta per la sua attrice feticcio, già protagonista di A Bigger Splash e Suspiria.

Dakota Johnson Getty Images

2 condivisioni 0 commenti

Luca Guadagnino ha già diretto Dakota Johnson in A Bigger Splash e l’atteso remake di Suspiria presentato allo scorso Festival di Venezia, ma il connubio tra il cineasta e la splendida attrice potrebbe non concludersi qui.

Guadagnino ha infatti confessato al New Yorker che, qualora il sequel di Chiamami col tuo nome dovesse divenire realtà, vorrebbe la Johnson nelle vesti della moglie di Oliver (Armie Hammer).

Luca Guadagnino e Dakota JohnsonHDGetty Images

Alla fine della pellicola, che è stata candidata a ben 4 premi Oscar vincendo quello per la Migliore sceneggiatura non originale di James Ivory, infatti il personaggio di Hammer confessa per telefono al giovane Elio (Timothée Chalamet) di essere in procinto di sposarsi, dando così il via allo struggente sfogo finale del ragazzo.

Timothée Chalamet e Armie Hammer agli OscarHDGetty Images

Intanto Timothée Chalamet ha confermato che sia lui che Hammer sono assolutamente certi di voler essere i co-protagonisti di Chiamami col tuo nome 2, pellicola che potrebbe essere il secondo atto di una trilogia:

Ho sentito Armie Hammer al telefono: io e lui siamo disponibili al 1000%. Penso che André [Aciman, l’autore del libro da cui il film è stato trasposto n.d.r.] sia d’accordo con un sequel. Conosco Luca e lui lo vuole davvero. Mi piace l’idea di sfruttare una struttura narrativa alla Boyhood. Non capita molto spesso.

A quanto pare quindi, a parte lo sceneggiatore James Ivory, tutta la crew di Chiamami col tuo nome è assolutamente convinta di dare un seguito alla storia di Elio e Oliver e il cast, almeno nella mente del cineasta siciliano, è praticamente al completo. L’unica cosa che manca a questo film, come ha sottolineato lo stesso Guadagnino, è un titolo convincente:

Questo sequel non può di certo chiamarsi Chiamami col tuo nome 2.

Voi che ne pensate?

Via TimeNew Yorker

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.