Stai leggendo: Bisessualità: cosa significa essere bisex al giorno d'oggi?

Letto: {{progress}}

Bisessualità: cosa significa essere bisex al giorno d'oggi?

Nina Palmieri ha incontrato un gruppo di adolescenti alternativi per scoprire qualcosa sulla loro vita sessuale. Ed ha imparato che la bisessualità è un fenomeno piuttosto comune, una tappa quasi obbligata nell'esplorazione della propria sessualità.

3 condivisioni 1 commento

Per la serie, "momento gioventù", la nostra Nina Palmieri ha deciso di vedere 4 adolescenti - nello specifico due uomini e due donne - per indagare e scoprire qualcosa in più sulla vita sessuale dei ragazzi di questi anni, ed in particolare sulla bisessualità.

Nina non ha scelto dei ragazzi diciamo comuni, bensì quattro teenager alternativi che le hanno raccontato quanto la bisessualità sia diffusa nel loro ambiente.

Da una semplice chiacchierata sono emersi alcuni elementi parecchio interessanti. Vediamoli insieme!

Bisessualità e adolescenza

Innanzitutto una ragazza ha immediatamente spiegato a Nina come, molto frequentemente la bisessualità faccia parte di un periodo di transizione per poi capire che cosa si è davvero. Insomma, può accadere che un adolescente non si senta ben definito, ma piuttosto immerso in un percorso di curiosità e conoscenza. E a quanto pare, è qualcosa che capita molto spesso. Infatti, ben 3 ragazzi su 4 si sono dichiarati bisex, o meglio in una fase che - a detta loro - è un passaggio obbligato, all'interno di un viaggio disinibito alla scoperta della propria sessualità.

Dunque conoscere, scoprire e formare la propria personalità anche attraverso il sesso e le svariate esperienze che vi ruotano intorno.

Secondo questi ragazzi, collezionare partner di entrambe i sessi non è quindi un problema. Una diciannovenne ha ammesso di aver avuto oltre 20 esperienze ed ha anche rimarcato l'intenzione - piuttosto comune nel loro gruppo - di non volersi fidanzare per paura di perdere la propria libertà.

Giovani e bisessualitàHDPixabay, StockSnap

Discutendo, Nina ha scoperto un'altra cosa molto interessante. Ovvero che promiscuità non fa rima con irresponsabilità. I 4 ragazzi hanno infatti dichiarato con convinzione di praticare sesso sicuro, insomma di adoperare metodi anticoncezionali. Fortunatamente, non c'è alcuna vergogna al riguardo: le ragazze hanno specificato di non farsi nessun problema nel tenere i preservativi in borsa. Insomma, alternativi, libertini, ma almeno responsabili.

Riassumendo, quest'incontro ha messo in luce come la bisessualità sia un fenomeno piuttosto comune nel corso dell'adolescenza. Un modo per scoprire e conoscere meglio se stessi, insomma una fase di ricerca. Durante la quale le definizioni contano veramente poco. 

Cosa ne pensate?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.