Stai leggendo: Le ninfee di Monet: un evento esclusivo al cinema

Letto: {{progress}}

Le ninfee di Monet: un evento esclusivo al cinema

Il 26, 27 e 28 novembre arriva al cinema il racconto di un’ossessione: quella di Monet per le ninfee. Un evento imperdibile per gli amanti dell’arte.

Locandina dell'evento Nexo Digital

10 condivisioni 0 commenti

Gli amanti di Monet devono assolutamente segnarsi queste date in calendario: il 26, 27 e 28 novembre sarà trasmesso il film evento dedicato al padre dell’impressionismo, che si concentrerà sull’interesse del pittore per le ninfee. Il film, dal titolo Le ninfee di Monet. Un incantesimo di acqua e luce, è prodotto da Ballandi Arts e da Nexo Digital e arriverà nelle sale cinematografiche in collaborazione con TIMVISION Production. La pellicola si inserisce nel progetto La grande arte al cinema, di Nexo Digital, distribuito in collaborazione con i media partner Radio Capital, Sky Arte e MYmovies.it.

Il film Le ninfee di Monet

La locandina del filmHDNexo Digital

Il film condurrà gli spettatori tra alcuni dei luoghi simbolo dove la passione di Monet per le ninfee è sbocciata e dove sono conservate oggi le tele frutto di questa ossessione: il Musée Marmottan, il Musée de l’Orangerie e il Musée D’Orsay, Giverny con la Fondation Monet, la casa e il giardino dell’artista, e tra i magnifici panorami di Étretat. Un viaggio che comincia a Le Havre, dove Monet passa i primi anni della propria vita artistica, e che prosegue risalendo la Senna fino a Giverny, dove Monet dedica anima e corpo al compimento della sua opera, che si può oggi ammirare a Parigi, nel Musée de L’Orangerie, nelle magnifiche sale ovali da lui stesso disegnate.

A far da guida in questi luoghi ci sarà Elisa Lasowski, nota al pubblico per l’interpretazione di Maria Teresa d’Asburgo nella serie TV Versailles.

Accanto alle immagini e alle parole scorre la colonna sonora firmata da Remo Anzovino, già autore delle musiche per altri film dedicati all’opera di grandi artisti, come Van Gogh - Tra il grano e il cielo.

Le ninfee di Monet. Un incantesimo di acqua e luce getta nuova attenzione sull’opera dell’artista anche grazie alle collaborazioni e agli interventi di numerose personalità legate alla sua figura: lo storico e scrittore Ross King, autore del best seller Il mistero delle ninfee. Monet e la rivoluzione della pittura moderna, edito in Italia da Rizzoli, che si è occupato della consulenza scientifica, la fotografa fiamminga Sanne De Wilde e la giardiniera della Fondation Monet, Claire Hélène Marron.

Le ninfee di Monet. Un incantesimo di acqua e luce permette al pubblico di scoprire il ruolo fondamentale che ebbe il progetto della Grand Décoration nella vita e nell’opera del pittore: è dipingendo i carnosi petali delle ninfee morbidamente adagiate sulle acque degli stagni che Monet esce dalla depressione in cui è sprofondato e che non gli permette più di dipingere.

Come spesso accade il destino si prende però gioco delle speranze dell’artista: Monet muore cinque mesi prima che il suo sogno si trasformi in realtà. Forse è un bene, visto che inizialmente i francesi screditano l’opera. Bisogna aspettare trent’anni, quando le ninfee di Monet arrivano negli Stati Uniti perché il pubblico si innamori di queste opere in grado di profondere calma e sospendere l’aria intorno a sé.

Ecco la gallery con il backstage del film:

Dopo il successo da record della mostra romana Monet. Capolavori dal Musée Marmottan, che ha richiamato oltre 460mila visitatori, questa esclusiva proiezione cinematografica si preannuncia un successo.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.