Stai leggendo: Le donne sono inQuiete: in arrivo la seconda edizione del festival di scrittrici a Roma

Letto: {{progress}}

Le donne sono inQuiete: in arrivo la seconda edizione del festival di scrittrici a Roma

Torna, dal 4 al 7 ottobre, il festival dedicato al talento delle scrittrici. Quattro giorni in compagnia di grandi autrici come Michela Murgia, Jhumpa Lahiri e Chiara Gamberale. Abbiamo intervistato Barbara Leda Kenny, una delle ideatrici del festival.

Il manifesto di inQuiete 2018 inQuiete

4 condivisioni 0 commenti

Un festival dedicato alle donne che scrivono e alle loro lettrici, un festival che mette al centro l’intelligenza e il talento delle donne, un festival di scrittrici a Roma. Questo sarà inQuiete dal 4 al 7 ottobre lungo l’isola pedonale del Pigneto. La seconda edizione di inQuiete si presenta ricca di ospiti e appuntamenti (gratuiti e aperti a tutti): due i palchi su cui si alterneranno scrittrici, giornaliste e attrici che ricorderanno le voci delle grandi autrici del passato come Jane Eyre, Louisa May Alcott, Sylvia Plath e Natalia Ginzburg, dialogheranno sui nuovi libri in uscita e si confronteranno sulla letteratura di genere, in uno spazio in cui le donne saranno le vere protagoniste.

Il logo di InQuiete 2018HDinQuiete

Tra le ospiti di questa edizione, le scrittrici Michela Murgia, Jhumpa Lahiri, Chiara Gamberale, Nadia Terranova, Simonetta Agnello Hornby, le giornaliste Concita De Gregorio e Loredana Lipperini, e ancora Serena Dandini, Cristina Comencini, Daria Deflorian, le attrici di Dissenso Comune e tante altre.

FoxLife ha intervistato Barbara Leda Kenny, ideatrice e organizzatrice del festival insieme a Viola Lo Moro, Francesca Mancini, Barbara Piccoli e Maddalena Vianello, cinque ragazze appassionate e tenaci che hanno dato vita a un evento imperdibile.

Perché avete scelto di chiamare il vostro festival inQuiete?
Cercavamo un gioco di parole in una parola che contenesse il suo contrario. Inquiete ha un bellissimo rimando, infatti per essere quieta devi prima essere inquieta. Questa tensione a un movimento interiore come stato di benessere è in qualche modo rappresentativo, anche del rapporto con la letteratura e la lettura.

Quanto è importante incontrare le scrittrici in un festival come il vostro?
Le donne sono quelle che leggono i libri, da un punto di vista economico e commerciale, sono le donne che muovono il settore editoriale. Abbiamo creato un festival che mettesse in primo piano la scrittura delle donne, mostrandone il talento e la capacità di portata, dando spazio ai temi e le istanze delle autrici. Abbiamo voluto creare un momento in cui il loro talento esploda in un dialogo con le lettrici e i lettori.

Letture, presentazioni e incontri a inQuieteHDinQuiete

Qual è il peggior pregiudizio sulle donne nel mondo letterario?
Che scrivano solo per le altre donne, che il loro messaggio non sia universale ma che possa essere connotato con delle specificità legate al genere di chi scrive.

Quale autrice sogna di poter ospitare a inQuiete?
Se venisse Annie Ernaux saremmo tutte contente! E poi sarebbe molto bello se Elena Ferrante decidesse di palesarsi al pubblico al nostro festival.

Tre libri scritti da donne da consigliare alle lettrici e ai lettori.
Sono una grandissima fan di Letizia Muratori, trovo che abbia una prosa sofisticata e allo stesso tempo leggera, un’ironia e una capacità di raccontare mondi interiori davvero rara. Evelina Santangelo che ha scritto Da un altro mondo, un libro molto attuale e duro sul nostro presente, estremamente politico. E poi un libro di poesia della giovane Francesca Genti, che ha un approccio molto divertente e interessante nel raccontare l’amore.

Nadia Terranova tra gli ospiti del festival inQuieteHDinQuiete

Sul sito inQuietefestival potrete scoprire tutti gli appuntamenti in programma.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.