Stai leggendo: Lethal Weapon: Damon Wayans lascerà la serie a dicembre

Letto: {{progress}}

Lethal Weapon: Damon Wayans lascerà la serie a dicembre

Dopo che gli attriti con il co-protagonista Clayne Crawford hanno causato l'uscita di scena di questi dalla serie, Damon Wayans si è reso conto di non voler più lavorare in Lethal Weapon, perché ciò comporta un eccessivo sacrificio della vita privata.

Damon Wayans Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Damon Wayans ha annunciato la decisione di abbandonare la serie Lethal Weapon, dopo aver ultimato i primi 13 episodi della terza stagione, al momento in onda negli States.

Dopo aver causato l'uscita di scena della co-star Clayne Crawford, l’attore ha dichiarato di non poter più sostenere il ritmo delle riprese, in un’intervista con Jill Monroe di Electronic Urban Report rilasciata proprio sul set delle riprese.

Munroe infatti si trovava negli studios per parlare con l’attrice Keesha Sharp (Trish Murtaugh), la quale durante la terza stagione si trova anche dietro la telecamera in veste di regista. Quando la giornalista era sul set è apparso Wayans, la cui presenza quel giorno non era prevista, e l’attore ha colto l’occasione per rivelare la scottante - ma forse non del tutto inattesa - notizia.

Secondo quanto riportato nell’intervista, Wayans era “visibilmente addolorato nello spiegare che, in quanto 58enne e diabetico, lavorare turni di 16 ore al giorno era diventato troppo”. L’articolo prosegue: “Ha anche accusato la pressione che questo ingaggio stava esercitando sulla sua vita privata. La madre e la figlia hanno subito di recente delle operazioni cui l’attore dice di non aver potuto assistere perché stava lavorando”.

È difficile per me interpretare questo padre/marito/amico pieno di attenzioni e affetto in TV e poi essere quello che nella vita vera dice a tutti ‘Non posso, devo lavorare’.

L’attore ha anche spiegato che, finendo di girare i 13 episodi che sono stati commissionati da FOX, la produzione avrà tutto il tempo necessario per trovare un rimpiazzo. “Devi guardarti dritto allo specchio e chiederti ‘Chi sei?’ Non si può vivere solo per il lavoro. Vengo da una grande famiglia, una famiglia amorevole. A ogni riunione con i parenti, non li vedo. Sono troppo stanco, oppure non coincide con il lavoro".

Ho sette nipoti. Mi sono perso recite e cerimonie scolastiche. Per me non vale la pena. C’è un modo migliore di vivere la vita.

Wayans ha anche aggiunto che l’anno prossimo intende tornare a lavorare nel mondo della commedia, dove “cercherà di ritrovare il sorriso”. Difficile non pensare che se solo si fosse reso conto prima di questi bisogni impellenti, magari non ci sarebbe stato bisogno di cacciare Clayne Crawford dalla serie, che ora si ritrova priva dei due protagonisti e con un nuovo personaggio appena arrivato a rimpiazzare Riggs, ovvero lo sciapo Wesley Cole di Sean William Scott.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.