Stai leggendo: Chris Hemsworth a disagio per la sua ricchezza: 'Non voglio che i miei figli si sentano privilegiati'

Letto: {{progress}}

Chris Hemsworth a disagio per la sua ricchezza: 'Non voglio che i miei figli si sentano privilegiati'

Il successo e il denaro mettono spesso in difficoltà Chris Hemsworth, specialmente circa l'educazione dei suoi figli: l'attore non vuole che si sentano "speciali" per via del loro patrimonio.

Chris Hemsworth Getty Images

6 condivisioni 0 commenti

Chris Hemsworth è attualmente uno degli attori di Hollywood più influenti e richiesti.

Il successo riscosso sul grande schermo ha portato Hemsworth ad accumulare un ingente patrimonio, ma spesso la ricchezza lo fa sentire a disagio, specialmente con i suoi figli. Lui e la moglie Elsa Pataky hanno tre bambini, Sasha, India Rose e Tristan, e non hanno dubbi su come crescerli ed educarli: per loro, la priorità e responsabilizzarli circa il reale valore delle cose ed escludere che possano sentirsi dei privilegiati in quanto figli di personaggi famosi.

L'attore di Bad Times at the El Royale ne ha parlato nel corso di un'intervista concessa a GQ Australia.

A volte mi sento disgustato. Ricordo di aver risparmiato tanto per una tavola da surf quando ero ragazzo. Costava 600 dollari e ho messo da parte i soldi per un anno intero con l’aiuto di mio padre. Non volevo nemmeno usarla, per paura di rovinarla. Mi ha insegnato così tante cose sull’apprezzamento e sul duro lavoro per ottenere qualcosa.

“Quando penso ai miei figli, non voglio che perdano questo tipo di gioia”, ha dichiarato.

Elsa e io parliamo molto di come instilliamo in loro lo stesso apprezzamento e il rispetto per le cose. Non voglio che si sentano privilegiati in alcun modo perché il fatto che abbiamo i soldi non significa che siamo speciali.

Chris Hemsworth ed Elsa PatakyHDGetty Images
Chris Hemsworth ed Elsa Pataky agli Australia Open

Questa filosofia ha ispirato anche la loro scelta di vivere a Byron Bay, in Australia, lontani da Hollywood.

L'attore ha inoltre condiviso con GQ Australia alcune riflessioni circa la sua carriera e il modo in cui prova a conciliare vita privata e lavoro: "A volte mi chiedo come sarebbero andate le cose se Elsa e io non ci fossimo incontrati. Ho preso decisioni in base a questo? Come mi ha influenzato?", ha continuato facendo poi riferimento al suo ruolo di padre.

Ci sono sicuramente un paio di film in cui avrei potuto fare di più, ma preferisco stare con i miei figli.

Come dargli torto? I suoi figli lo adorano, proprio come il pubblico.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.