Stai leggendo: Fertilità: come verificare le probabilità di rimanere incinta

Letto: {{progress}}

Fertilità: come verificare le probabilità di rimanere incinta

Mettere in cantiere un bambino richiede del tempo. Ma cosa fare se dopo diversi mesi non succede ancora nulla?

3 condivisioni 1 commento

Oggi trattiamo un argomento con il quale - se decidessimo di intraprendere una gravidanza - dovremo prima o poi confrontarci: la fertilità.

Quando si mette in cantiere un bambino, è sempre bene prendersi del tempo. A tale proposito, ricordatevi una cosa: mai come in questo frangente, è importante che la donna raggiunga l'orgasmo durante i rapporti sessuali. Le contrazioni uterine che ne conseguono, fanno sì che il collo dell'utero porti direttamente gli spermatozoi nella tuba, creando una sorta di auto inseminazione. Una specie di effetto aspirapolvere, per capirsi.

Insomma, cerchiamo di tenere conto che un bambino non arriverà necessariamente dall'oggi al domani. Ma se dopo qualche mese non dovesse succedere nulla, sarà utile sottoporsi ad una consulenza di coppia per l'infertilità. Di coppia, perché non è detto che il problema sia necessariamente ovarico. Infatti anche l'uomo dovrà svolgere alcuni esami di base per accertare un'eventuale condizione di infertilità. Attraverso lo spermiogramma saranno valutate le caratteristiche, il colore, la viscosità, il numero e la forma degli spermatozoi. E si potrà determinare se ci troviamo in presenza di un caso di azoospermia, ovvero di assenza di spermatozoi nel liquido seminale. 

Infertilità femminile: l'ormone antimulleriano

Per quanto riguarda noi donne, è possibile fare un controllo della nostra fertilità - che nello specifico significa verificare la capacità di un ovaio di produrre ovuli - partendo dall'esame dell'ormone antimulleriano, che sarà poi integrato da tutta un'altra serie di indagini diagnostiche.

Si tratta di un semplice prelievo del sangue ed è un esame qualitativo e non quantitativo. Non ci dice infatti quanti ovociti abbiamo, ma mette in luce le potenzialità di diventare madri. Purtroppo infatti, anche una donna sui 30 anni può avere delle problematiche sulla capacità residua delle ovaie di generare ovuli fecondanti.

Si parla di menopausa anticipata ed è di una condizione irreversibile, che non permette di avere figli con i propri gameti. In un'eventualità del genere, si potrà ricorrere ad una banca estera per utilizzare gli ovociti di una donatrice. Questo perché in Italia, la Legge 40, non permette la fecondazione eterologa. 

Infertilità HDPixabay, DrKontogianniIVF

Insomma, per chi ha tempo, soldi e voglia, la soluzione in questo caso è quella di preparare la valigia e mettersi in viaggio verso altri paesi la cui legislazione al riguardo è meno restrittiva.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.