Stai leggendo: Carey Mulligan: 'Keira Knightley mi ha mostrato come essere una star senza essere diva'

Letto: {{progress}}

Carey Mulligan: 'Keira Knightley mi ha mostrato come essere una star senza essere diva'

Nonostante la carriera costellata di titoli acclamati dalla critica e diversi riconsocimenti molto importanti, Carey Mulligan non ha lasciato che il successo le andasse alla testa, e per questo ringrazia l'amica Keira Knightley.

Carey Mulligan e Keira Knightley Getty Images

1 condivisione 0 commenti

Carey Mulligan sta promuovendo il suo ultimo film, Wildlife, in cui recita al fianco di Jake Gyllenhaal, e in un’intervista si è trovata a commentare la sua carriera e la sua fama, riconoscendo la grande influenza che su di lei ha avuto l’esempio dell’amica e collega Keira Knightley.

La Mulligan è apparsa in molti titoli acclamati dalla critica (Drive, Mudbound, Suffragette), è stata nominata all’Oscar per il film An Education (che le è valso molti riconoscimenti importanti) e all’attivo ha anche diversi ruoli in opere teatrali di enorme successo sia a Londra che a New York. Insomma, questa attrice britannica, classe 1985, ha tutte le carte per essere considerata una star, ma di certo non la si può accusare di divismo.

Infatti, come sottolinea anche il titolo della cover story del numero di W Magazine di ottobre 2018, l’atteggiamento di Carey Mulligan in ambito professionale è uno di “sfida quieta”, diremmo una caparbietà composta ed elegante: rischia in ruolo che la mettono sempre alla prova, difficilmente in film commerciali, e vince sempre la scommessa senza che il successo le dia alla testa.

Nelle interviste la moglie del frontman dei Mumford & Sons (col quale ha due figli) è simpatica e senza pretese, proprio come la collega e amica Keira Knightley, che infatti lei ha considerato il modello da emulare: “Keira era stata ne I pirati dei Caraibi, ed era incredibilmente famosa”.

Ho dovuto attendere anni prima di metterlo in pratica, ma lei è stata il modello di come essere una protagonista sul set.

Ed ha spiegato: “Era bravissima, ma anche così generosa e dolce, e ha rimosso la possibilità di avere mai una scusa in futuro per essere nient’altro che adorabile. Guardavo le persone non solo per apprendere come recitare, ma anche come comportarsi. L’ho fatto per anni”.

Carey e Keira si sono conosciute nel 2005 sul set di Orgoglio e pregiudizio, in cui la Knightley interpretava la protagonista austeniana, Elizabeth Bennet, mentre l’altra era una delle sorelle minori, Kitty. Qualche anno dopo si sono ritrovata a condividere il set di Non lasciarmi, adattamento del fortunato romanzo di Kazuo Ishiguro, e negli anni sono rimaste amiche.

Ora Carey Mulligan sta promuovendo Wildlife, il film presentato a Cannes lo scorso maggio, diretto da Paul Dano e scritto dalla compagna di questi, Zoe Kazan: in esso l’attrice interpreta una casalinga nel Montana degli anni ‘60, sposata con Jake Gyllenhaal. Il film parla del modo in cui lo sfaldarsi del matrimonio dei genitori colpisca il figlio, che vede la madre innamorarsi di un altro.

Wildlife uscirà nelle sale americane il 19 ottobre, mentre ancora non sappiamo quando arriverà nei nostri cinema.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.