Stai leggendo: Bradley Cooper parla dei tanti rifiuti durante la sua carriera: 'L'importante è andare avanti'

Letto: {{progress}}

Bradley Cooper parla dei tanti rifiuti durante la sua carriera: 'L'importante è andare avanti'

Incredibile, ma assolutamente vero: Bradley Cooper è stato spesso respinto ai provini durante le prime fasi della sua carriera. L'attore e regista, inoltre, ha confessato di aver ricevuto scarso supporto quando ha deciso di dirigere A Star Is Born.

0 condivisioni 0 commenti

L'esordio alla regia di Bradley Cooper è stato trionfale.

L'attore ha diretto A Star Is Born in modo magistrale, riscuotendo un enorme successo di pubblico e di critica. Il film con protagonista Lady Gaga - rivelazione dell'anno nelle vesti della cantante esordiente Ally - debutterà al cinema in Italia il prossimo 11 ottobre e c'è da scommettere sul fatto che gremirà le sale.

Cooper è stato intervistato proprio in queste ore da WMagazine per la promozione del suo film di debutto e ha rilasciato alcune interessanti dichiarazioni in merito alla sua esperienza da regista e alle prime fasi della sua carriera. Inizialmente, nessuno a Hollywood lo prendeva sul serio e in molti lo reputavano inadatto ai ruoli da protagonista:

Sono sempre stato un perdente, non mi hanno mai visto come protagonista all'inizio. Non mi affidavano le parti perché non ero sexy, non 'facevo abbastanza sesso'. Alla fine, però, devi concentrarti solo sul tuo lavoro e non dare retta a nessuno.

Lady Gaga e Bradley CooperHDGetty Images
Bradley Cooper posa con Lady Gaga alla prima londinese di A Star Is Born

Difficile pensarlo, specialmente ricordando alcuni dei suoi film più celebri, da Limitless a Il lato positivo, e tenendo presente che nel 2011 venne eletto da People "l'uomo più sexy del mondo".

Bradley Cooper ha anche raccontato di non aver ricevuto da parenti e amici il sostegno che si aspettava quando ha annunciato loro di voler dirigere il remake di A Star Is Born:

Le persone a cui tengo mi hanno detto di non dirigerlo. Dicevano che sarebbe stato troppo difficile e che avrei dovuto iniziare a dirigere qualcosa di più semplice. Fortunatamente, non li ho ascoltati. Sì, è stato davvero impegnativo realizzare questo film, ma se fosse stato diversamente non avrebbe lo stesso valore.

Come dargli torto?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.