Stai leggendo: Real Bodies: a Milano la mostra che svela il corpo umano

Letto: {{progress}}

Real Bodies: a Milano la mostra che svela il corpo umano

Una versione ampliata e rinnovata della mostra che celebra il corpo umano, esponendo cadaveri plastinati, organi umani e animali e aprendo le porte al futuro del corpo.

Banner della mostra Venice Exhibition Srl

2 condivisioni 0 commenti

Torna a Milano, per l’ultima tappa itinerante nel nostro Paese, la mostra Real Bodies, con un sottotitolo che desta curiosità: “Oltre il corpo umano”. Un appuntamento che ha già destato l’interesse di tantissime persone, tanto che le prevendite a un mese dall’apertura erano già arrivate a quota tremila.

Dal 6 ottobre fino a marzo 2019, presso lo Spazio Ventura XV, saranno ospitati circa 500 fra corpi e organi conservati con il metodo della plastinazione, uno dei metodi più moderni di imbalsamazione, che consiste nel sostituire tutti i liquidi presenti in una salma con polimeri che ne rispettino forma e dimensioni. In questo modo, il corpo in mostra è esattamente come quando era in vita.

La mostra, prodotta da Venice Exhibition srl e patrocinata dal Comune di Milano, dall’Accademia di Brera, da Admo, Avis, Aido e Telethon, si propone in una veste rinnovata rispetto alle precedenti tappe itineranti: saranno esposte le novità tecnologiche nel campo della biomedicina, ci sarà una sezione dedicata all’immortalità del corpo e una che omaggia gli studi di anatomia di Leonardo Da Vinci. Così anticipa il professor Alex Pontini, responsabile dell’area dedicata a biomedicina e biomeccanica:

Per la prima volta nella sezione di biomeccanica e biomedicina saranno visibili al pubblico novità tecnologiche applicate alla medicina presentate in anteprima mondiale, come il prototipo della hypercar elettrica guidata con sistemi neuronali Prometheus realizzata da Zava Hypercars, ma anche tecnologie d'avanguardia già disponibili come il bisturi rigenerativo a risonanza quantica molecolare Vesalius realizzato da Telea Electronic Engineering Srl, pelle e nervi sintetici di Integra LifeSciences.

E le novità dal futuro nella scienza non sono ancora finite! Il professor Alex Pontini continua dicendo:

E ancora l'efficientissimo esoscheletro Phoenix messo a disposizione da Ortopedia Orthomedica Variolo, la mano bionica iLimb Quantum di Officine Ortopediche Maria Adelaide con 36 prese personalizzabili e programmabile in bluetooth, infine l'occhio bionico Argus della Second Sight Medical Products.

Una mostra dall’indiscutibile valore scientifico e dai ricchi contenuti interdisciplinari: tutto quello che riguarda il corpo umano viene presentato e approfondito. Ci saranno aree dedicato a temi quali la prevenzione delle malattie, la lotta alle dipendenze, il benessere, la chirurgia. Insomma, Real Bodies porta in mostra l’atlante del corpo umano: il percorso espositivo è infatti organizzato per sezioni, dedicate ai vari apparati:

  • Il sistema scheletrico, che approfondisce le ossa e il midollo.
  • Il sistema muscolare, dedicato ovviamente al ruolo che hanno i muscoli nel movimento e nella protezione del corpo.
  • Il sistema nervoso, un universo affascinante e fondamentale per la nostra vita.
  • Il sistema cardiovascolare, comprensivo di cuore, vasi sanguigni, vene e arterie.
  • L’apparato respiratorio, che governa il meccanismo che ci mantiene in vita: la respirazione.
  • L’apparato digerente, che trasforma il cibo in energia.
  • L’apparato riproduttivo, che approfondisce la fisicità ma anche il processo di creazione della vita.
  • L’apparato urinario, che filtra le impurità dal nostro sangue.
  • Un’ultima sezione sarà dedicata all’anatomia sezionale, quella branca della medicina che utilizza le più moderne tecnologie che permettono lo studio del corpo umano in un modo completamente innovativo. Con questa tecnica i corpi plastinati vengono tagliati a fette sottilissime, così da poter studiare in modo molto dettagliato le strutture anatomiche ed i vari rapporti che queste hanno tra di loro.

Edizione a tema Leonardo da Vinci

L'uomo vitruvianoHDVenice Exhibition srl

Questa edizione vuole celebrare il genio fiorentino di Leonardo Da Vinci (l'anno prossimo ricorreranno i cinquecento anni dalla morte), il cui contributo alla medicina e all’anatomia è innegabile. Trenta corpi plastinati interpreteranno le pose dei più celebri disegni anatomici di Leonardo, dall’Uomo vitruviano allo Studio embiologico.

Proprio un’opera di questa sezione ha destato non poche polemiche: si tratta di Figura in orgasmo, che ripropone con la forza realistica tipica dell’esposizione Real Bodies lo studio leonardesco che raffigura un rapporto sessuale fra un uomo e una donna. L’opera in mostra, del valore di circa un milione di euro, è stata tacciata di pornografia e quindi gli organizzatori della mostra stanno valutando quale possa essere la sua giusta collocazione all’interno del percorso espositivo.

Potrebbe essere esposta in una sezione dedicata, dove verrà spiegato che l’opera potrebbe urtare la sensibilità dei visitatori e in cui l’ingresso ai minori dovrà essere autorizzato da un adulto. Un’altra, più estrema possibilità, è che l’opera non venga esposta per timore di atti di vandalismo.

L'opera coitus interruptusHDVenice Exhibition srl

Gli organizzatori di Venice Exhibition srl commentano così:

In questa situazione ci sentiamo un po' come Da Vinci, che proprio qui a Milano cinque secoli fa doveva farsi proteggere dalla corte degli Sforza per continuare a fare autopsie e accrescere le sue conoscenze di anatomia.

Uomo e Animale

Cervello umano e della scimmiaHDVenice Exhibition srl

Un’altra grande novità è la sezione in cui verranno comparate le anatomie umane e animali. Fra le specie presenti con reperti anatomici non mancheranno quelle la cui relazione con gli esseri umani si è consolidata nei millenni così come saranno in mostra anche organi di animali che non hanno mai ceduto alla tentazione di assoggettarsi al dominio umano, rimanendo allo stato selvatico.

Focus sul movimento

Fra le grandi attese dell'edizione di Milano anche la sezione riguardante la biomeccanica, che permetterà ai visitatori di approfondire i principi fisici e meccanici al di là dei movimenti del corpo. In questa sezione verrà evidenziato anche lo stretto rapporto che intercorre tra biomeccanica, bioingegneria, ortoprotesica, chinesiologia e ingegneria tissutale. In questa sezione sarà quindi presente la Galleria degli atleti, dove osservare cadaveri plastinati messi in pose sportive, in modo da enfatizzare la risposta muscolare e scheletrica a ogni tipo di movimento.

Il futuro della scienza

Capsule di criogenazione dal film AliensHDVenice Exhibition srl

Infine, la sezione forse più innovativa della mostra, quella legata all’immortalità del corpo, come la Crionica, la tecnologia che permette di conservare i corpi grazie alle temperature di congelamento garantite dall'azoto liquido, in attesa che tra decenni o secoli ci si possa risvegliare.

Questa prospettiva raggiunge il massimo del suo interesse scientifico quando si parla di viaggi nello spazio: conservare in questo modo i corpi degli astronauti permetterebbe loro di affrontare lunghissimi viaggi spaziali, aggirando il problema delle scorte di cibo e della schermatura dai raggi cosmici nocivi, da cui l’ibernazione sembra costituire una protezione.

L’intero processo sarà spiegato attraverso le sue fasi principali: la perfusione, cioè la progressiva sostituzione del sangue con numerosi solventi crioprotettori, prima del raffreddamento simultaneo, il raffreddamento programmato e infine la crioconservazione definitiva a -196 gradi centigradi. L'Amministratore Delegato di Venice Exhibition srl, Mauro Rigoni ha così raccontato questa parte della mostra dal sapore decisamente futurista:

Una multinazionale russa leader nella crioconservazione ha scelto Real Bodies per mostrare da vicino, per la prima volta in Europa, le capsule di crioconservazione per esseri umani e animali da compagnia, mai uscite prima dai suoi laboratori.

E non è tutto! Continua così Mauro Rigoni:

Inoltre, la mostra fornirà ai visitatori informazioni sul modo in cui è già possibile scegliere, affinché venga adottata dopo la morte, questa metodologia di conservazione.

Un Miss bionica come madrina

Chiara Bordi Madrina dell'eventoHDVenice Exhibition srl

A fare da madrina a questa mostra ricca di contenuti sarà Chiara Bordi, la coraggiosa 18enne Miss Etruria in carica arrivata di recente terza nel concorso di Miss Italia. Nota anche come la Miss bionica, Chiara non è solo il simbolo della bellezza della rinascita in seguito a un incidente, ma anche la dimostrazione che la ricerca e il suo futuro potranno davvero cambiare la vita di molti. La giovane miss ha così commentato il suo ruolo di madrina a Real bodies:

Sono felicissima e sinceramente onorata di aprire una mostra interessante come Real Bodies. Per me è un doppio orgoglio perché immagino il mio futuro e la mia realizzazione professionale studiando medicina per diventare chirurgo ortopedico oppure tecnica di laboratorio biomedico, per sostenere poi un master in tecniche diagnostiche e occuparmi di autopsie.

La giovane Miss continua dicendo:

Anche per questi motivi ho accettato di partecipare alla nuova edizione di Real Bodies e soprattutto sono felice di essere con la mia protesi un esempio vivente dei miracoli della biomedicina, testimoniando di persona che la tecnologia in campo biomedico ha fatto passi da gigante e offre a molti una speranza di vita soddisfacente.

Con tutti questi contenuti, Real bodies promette di essere una mostra in grado di istruire, ispirare e coinvolgere il pubblico. Per qualsiasi altra informazione, visitate il sito ufficiale dell’evento.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.