Stai leggendo: Nudo integrale per Batman in una nuova serie di fumetti, ma DC lo censura

Letto: {{progress}}

Nudo integrale per Batman in una nuova serie di fumetti, ma DC lo censura

Nella miniserie Batman Damned appare un nudo integrale del Cavaliere Oscuro che la casa editrice ha censurato per il web e per la seconda ristampa.

Batman Getty Images

1 condivisione 0 commenti

La DC Comics ha di recente lanciato una linea di fumetti dedicata ad un pubblico prettamente adulto, la Black Label e la prima e attesissima miniserie di questa nuova collana è Batman: Damned, scritta dall’ottima penna di Brian Azzarello sui disegni dello straordinario Lee Bermejo

Il primo numero di Batman: Damned, uscito in America il 19 settembre, ha già creato tantissimo scalpore in quanto in una delle meravigliose tavole di Bermejo appare un Cavaliere Oscuro totalmente nudo.

Batman: Damned copertinaHDDC Black Label

Il motivo per il quale l’Uomo pipistrello nella scena in questione scene decide di togliersi il suo costume prima di entrare nella Bat-Caverna, mostrandosi quindi al lettore totalmente indifeso, è perfettamente coerente con la narrazione e la storia che Azzarello racconta. In Batman: Damned, infatti, il Joker (antitesi per eccellenza del supereroe) è stato assassinato e il protagonista, affetto da una perdita di memoria, ha paura di essere accusato dell’omicidio per questo si spoglia e decide di far scansionare le sue ferite nella speranza di poter ricostruire cosa è accaduto.

Le polemiche che in pochissime ore si sono create intorno al nudo di Batman, soprattutto da dopo che Seth Meyers ne ha parlato nel suo The Late Night Show in onda su NBC, hanno convinto la DC Entertainment a censurare la tavola “incriminata” nelle prossime ristampe di Batman: Damned No. 1, dopo che già nella versione digitale del volume il pene del supereroe è stato oscurato.

Attenzione! Possibili spoiler!

Batman: DamnedHDDC Black Label

Questa decisione è priva di senso per diversi motivi, tra i quali il fatto che in giro ci sono già 115.000 copie dell’albo, ed è stata giustificata in maniera alquanto fumosa dalla casa editrice: secondo l’Hollywood Reporter in DC sono convinti che la nudità di Batman non abbia aggiunto niente alla trama.

Attenzione! Possibili spoiler!

Tale affermazione, senza considerare il fatto che non vi è alcuna oggettivazione sessuale fine a se stessa del corpo dell’eroe (anzi!) e che nel 2018 non può essere visto come uno scandalo mostrare gli organi genitali di un personaggio di fantasia, è alquanto inesatta. Il membro a riposo di Bruce Wayne che si intravede tra i chiaro scuri che caratterizzano la tavola di Lee Bermejo è in netta contrapposizione col il corpo ultra muscoloso dell’eroe ed è importantissimo per far trasparire l’umanità del personaggio. Elemento fondamentale della scena. Come lo era, nella scena della ricomposizione di Dr. Manhattan di Watchman, graphic novel di Alan Moore del 1985 mai censurata.

Che ne pensate?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.