Stai leggendo: Cynthia Nixon di Sex and the City perde le elezioni primarie a New York

Letto: {{progress}}

Cynthia Nixon di Sex and the City perde le elezioni primarie a New York

La star di Sex And The City Cynthia Nixon era candidata alle elezioni primarie di New York per il partito democratico, ma ha perso contro il governatore in carica Andrew Cuomo.

1 condivisione 0 commenti

Cynthia Nixon avrebbe potuto diventare governatrice nello stato di New York, ma il suo sogno politico è stato infranto dalla vittoria alle primarie di Andrew Cuomo, che ricopre al momento la carica.

Al momento in cui era iniziata la corsa alle elezioni, Cuomo godeva di maggior supporto dal partito democratico rispetto alla sua avversaria, oltre che risorse finanziare più ingenti, ed i sondaggi pre-elezioni mostravano una maggiore inclinazione del popolo di New York a votare per lui. Durante lo spoglio, quando si era arrivati al 50% del totale dei voti registrati, il politico 60enne vantava già un margine irriducibile: 66,3% rispetto al 33,7 della Nixon.

Dopo i risultati, la star di Sex and the City ha voluto ringraziare i propri seguaci sui canali social: “Grazie a tutti per averci creduto e aver combattuto senza risparmiarvi. Abbiamo dato origine a qualcosa di importante qui a New York, e non finisce oggi”.

Questo è solo l’inizio. E so che, insieme, vinceremo questa lotta.

Cynthia Nixon aveva annunciato la sua candidatura lo scorso marzo presentandosi contro il governatore ormai in carica da due mandati, e lo aveva fatto con un video in cui spiegava le sue motivazioni ed ispirazioni. “New York è casa mia. Non ho mai vissuto altrove. Da piccola, eravamo solo io e mia madre in un monolocale al quinto piano senza ascensore. New York è il posto in cui sono cresciuta e in cui sto crescendo i miei figli. Sono un’orgogliosa ex-alunna laureata alla scuola pubblica, e ancora di più orgogliosa madre di studenti della scuola pubblica. Mi sono state date chance che non mi sembrano disponibili alla maggior parte dei ragazzi di New York al momento”.

La 51enne proseguiva: “I nostri leader ci stanno deludendo. Ora siamo lo stato più disuguale di tutta la nazione. Ci sono al contempo incredibile ricchezza ed estrema povertà… come abbiamo potuto lasciare che succedesse?”.

Amo New York. Non ho mai voluto vivere altrove. Ma qualcosa deve cambiare.

Ed aveva concluso: “Vogliamo che il nostro governo si occupi di nuovo di sanità, che termini le incarcerazioni di massa, aggiusti la nostra metro. Siamo stanchi dei politici che si interessano solo dei titoli dei giornali”.

All’epoca della candidatura, la Nixon aveva ottenuto subito il sostegno della co-star di Sex and the City Sarah Jessica Parker, che su Instagram aveva condiviso una foto dell’amica e collega, scrivendo: “Una madre. Un’attivista. Un avvocato. Un difensore. Una combattente. Una New Yorker. Una cara amica. Si candida come Governatore del nostro fantastico stato. Sorella sullo schermo e fuori, hai il mio affetto, il mio sostegno ed il mio voto”.

Chissà come proseguirà la carriera politica di Cynthia Nixon.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.