Stai leggendo: New York, arriva il Gender X sui documenti e certificati di nascita

Letto: {{progress}}

New York, arriva il Gender X sui documenti e certificati di nascita

Dal 2019, i newyorkesi potranno indicare un terzo genere sui documenti. Certificati di nascita compresi

Donna incinta free images

4 condivisioni 0 commenti

Una decisione storica, quella presa a grande maggioranza dal City Council di New York. Dal 2019, i cittadini della Grande Mela potranno indicare una "X" sui propri documenti accanto alla voce "gender", genere. Una misura volta a tutelare coloro che non si riconoscono nell'identità di genere maschile o femminile. 

Ragazza al Gay Pride in AmericaHDGetty Images

La norma entrerà in vigore il primo gennaio 2019: a partire da questa data, chi lo vorrà potrà modificare il genere indicato sui documenti senza ricorrere alla certificazione del medico. Inoltre, questa nuova legge prevede anche la possibilità, per i neogenitori, di scegliere la "X" per il certificato di nascita dei propri figli, così che da adulti siano loro a determinare l'identità di genere in cui riconoscersi al di là del sesso biologico.

L'introduzione di questa norma è stata accolta tra la felicità della comunità Lgbt newyorkese e le polemiche dell'opinione pubblica più conservatrice, facendo discutere anche Oltreoceano.

Gender X sui documenti

Carrie Davis, l'avvocato trangender promotore della campagna a favore del terzo genere sui documenti, ha definito "decisione storica" quella presa oggi dal City Council, aggiungendo come sia significativo che questa novità venga introdotta "in tempi di pericolo e di incertezza sul fronte dei diritti dei transgender americani a livello nazionale”.

Lo speaker del City Council che ha portato la proposta in assemblea, Corey Johnson, ha commentato: “New York è sempre più campione mondiale sul fronte dell’inclusività e dell’uguaglianza e ora i newyorkesi non saranno più trattati come se la loro identità fosse una questione medica”.

Sindaco de Blasio al PrideHDGetty Images

Anche il sindaco della Grande Mela, Bill de Blasio, si era espresso a favore dell'introduzione di questa norma, che avrebbe "permesso ai transgender e ai gender non conforming di vivere con la dignità e il rispetto che meritano". 

Dal primo gennaio, dunque, New York si allineerà agli stati (Oregon, California, Washington D.C. e New Jersey) che già prevedono la possibilità di indicare il gender x sui documenti, aggiungendo questa opzione al genere maschile e femminile. 

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.