Stai leggendo: Tom Hardy, Gemma Arterton e altre star all'evento benefico per l'11 settembre

Letto: {{progress}}

Tom Hardy, Gemma Arterton e altre star all'evento benefico per l'11 settembre

Attori, star della musica e della TV, ma anche atleti e persino membri della famiglia reale hanno preso possesso dei telefoni di una compagnia di brokeraggio che ogni anno ricorda le centinaia di colleghi morti nell'attacco alle Torri Gemelle.

Tom Hardy Getty Images

2 condivisioni 0 commenti

Ogni anno la compagnia di brokeraggio BGC Partners e la banca Cantor Fitzgerald commemorano la morte di oltre 700 dipendenti nell’attacco terroristico alle Torri Gemelle dell’11 settembre 2001 con un evento benefico, il Charity Day.

Si tratta di una giornata in cui celebrità nel mondo dello spettacolo, dello sport, della politica e oltre, si improvvisano broker per un giorno, cimentandosi con il trading i cui proventi vengono devoluti interamente al Cantor Fitzgerald Relief Fund e a dozzine di altre organizzazioni benefiche in giro per il mondo. Quest’anno, tra i volti famosi che hanno aderito all’iniziativa, c’erano anche gli attori Tom Hardy, Amber Heard, Gemma Arterton, Bill Nighy, Clive Owen e molti altri.

Il presidente di BGC Partner Howard W. Lutnick ha dichiarato: “Il Charity Day rappresenta il profondo impegno della nostra compagnia nell’aiutare gli altri e contribuisce a trasformare il tragico anniversario dell’11 settembre in una giornata positiva ed edificante”. Stando ai dati rilasciati dalla compagnia stessa, questo evento è riuscito a raccogliere oltre 101 milioni di dollari nel mondo, fin da quando è iniziato, nel 2011.

Tra le altre star che hanno invaso gli uffici della BGC nelle Docklans di Londra quest’anno c’erano anche Samuel L. Jackson, Melanie C delle Spice Girls, la star di Homeland Damian Lewis e ancora Stephen Fry, Jack Whitehall, Jennifer Saunders, Jonathan Ross, le All Saints ed altri personaggi della TV o atleti, fino addirittura alla principessa Beatrice ed il supermodello David Gandy.

Tutti loro hanno assunto il ruolo di brokers, dopo che negli anni scorsi altri personaggi quali i principi Harry e William e tanti volti famosi di Hollywood avevano fatto lo stesso.

Un’iniziativa assolutamente ammirevole.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.