Stai leggendo: Lady Gaga si racconta su Vogue America, dallo stupro alla sua esperienza con il dolore cronico

Letto: {{progress}}

Lady Gaga si racconta su Vogue America, dallo stupro alla sua esperienza con il dolore cronico

Sulla scia dell'incredibile successo riscosso in tutto il mondo da A Star Is Born, Lady Gaga ha deciso di mettersi a nudo in una lunga intervista concessa a Vogue America.

3 condivisioni 0 commenti

Lady Gaga è stata la rivelazione di Venezia 75 e continua a riscuotere consensi con A Star Is Born, il film con Bradley Cooper che la sta consacrando come attrice a livello internazionale.

La popstar ha più volte sottolineato quanto sia stato importante per lei lavorare con Cooper: la collaborazione con l'attore e regista le ha fatto esplorare lati nascosti della sua anima, aver debuttato sul grande schermo praticamente senza alcun filtro - non indossa make-up per tutto il film - ha fatto sì che potesse trovare maggiore fiducia in se stessa.

Questo è un periodo importante sotto ogni aspetto per Lady Gaga e lei ha voluto parlarne su Vogue America, che le ha dedicato la copertina del numero di ottobre.

Sono felice. Mi sto concentrando sulle cose in cui credo. Mi sto sfidando, mi sto imbarcando in un nuovo viaggio, con un po' di ansia e tanta gioia.

View this post on Instagram

Thank you @VogueMagazine. 📸: @inezandvinoodh

A post shared by Lady Gaga (@ladygaga) on

Di ansia, disturbi emotivi e problemi mentali, Lady Gaga ha parlato molto spesso di recente, specialmente dopo aver confessato di essere stata vittima di violenza sessuale quando aveva solo 19 anni. L'artista ha svelato questo capitolo così amaro del suo passato nel 2014 e due anni dopo ha raccontato per la prima volta di soffrire di Disturbo da stress post-traumatico:

Nessuno lo sapeva, era quasi come se cercassi di cancellarlo dal mio cervello e quando finalmente è venuto fuori era come un mostro bruttissimo ed enorme, e devi affrontarlo per guarire.

"Mi sentivo come se mentissi al mondo perché provavo tanto dolore ma nessuno lo sapeva", ha dichiarato Gaga.

Ecco perché sono uscita allo scoperto dicendo di soffrirne, non voglio nascondermi più di quanto non sia già necessario.

View this post on Instagram

When asked what has changed for her over these last ten years, October cover star @LadyGaga, who’s 32, says, “A galaxy,” and laughs. “There has been a galaxy of change.” She pauses for a moment. “I would just say that it’s been a nonstop whirlwind. And when I am in an imaginative or creative mode, it sort of grabs me like a sleigh with a thousand horses and pulls me away and I just don’t stop working.” Another pause. “You . . . make friends, you lose friends, you build tighter bonds with people you’ve known for your whole life. But there’s a lot of emotional pain, and you can’t really understand what it all means until ten years has gone by.” Tap the link in our bio to read the full interview. Photographed by @inezandvinoodh, styled by @tonnegood, Vogue, October 2018.

A post shared by Vogue (@voguemagazine) on

L'eccentricità nel vestire è stata la prima armatura di Gaga, uno dei mezzi più potenti per nascondersi: "Per me, la moda, l'arte e la musica sono sempre state una forma di protezione", ha svelato.

Mi sono creata continuamente fantasie in cui scappare, nuove pelli da indossare. E ogni volta che ne perdevo una, è stato come fare la doccia quando sei sporco: liberarti, lavarti, lasciare indietro tutto il male e diventare qualcosa di nuovo.

Per la prima volta senza sovrastrutture, la cantante e attrice ha riferito nel dettaglio quali sono i sintomi di cui soffre da quando è stata vittima di violenza sessuale:

Mi sento stordita, sai quando sei sulle montagne russe e stai per scendere? Il mio diaframma si blocca, faccio fatica a respirare, il mio corpo diventa un unico spasmo e comincio a piangere. Dico sempre che il trauma ha un cervello e si fa strada in tutto ciò che fai.

Lady GagaHDGetty Images
Lady Gaga nel suo vestito di piume a Venezia 75

La lotta quotidiana di Gaga si è fatta ancora più dura quando è subentrata la fibromialgia, di cui ha ampiamente parlato nel documentario Gaga: Five Foot Two (2017). Ciò che più la disturba è la scarsa considerazione della gente nei riguardi del dolore cronico:

Mi sento così irritata dalle persone che non credono che la fibromialgia sia reale. Per me, come per molti altri, è davvero un ciclone di ansia, depressione, trauma e disturbo di panico, che manda il sistema nervoso in tilt. Quindi, come conseguenza, si ha un dolore ai nervi di tutto il corpo.

"Le persone devono essere più comprensive, perché il dolore cronico non è uno scherzo", ha concluso Lady Gaga.

Ancora una volta, Stefani Germanotta ha dimostrato di essere non solo una grande artista, ma prima di tutto una donna straordinaria.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.