Stai leggendo: J.K. Rowling si scaglia contro la vignetta razzista che denigra Serena Williams

Letto: {{progress}}

J.K. Rowling si scaglia contro la vignetta razzista che denigra Serena Williams

Le celebrità sui social sono dalla parte di Serena Williams: J.K. Rowling ed altri nomi famosi infatti si sono schierati contro una vignetta satirica dai toni razzisti pubblicata dall'Herald Sun riguardo la controversa finale degli US Open.

Serena Williams Naomi Osaka J.K. Rowling Getty Images

1 condivisione 1 commento

Dopo le ammonizioni e la conseguente sconfitta agli US Open, Serena Williams è stata denigrata da una vignetta di cattivo gusto, e subito si sono fatte sentire le voci di tante celebrità, tra cui l’autrice J.K. Rowling.

Durante la finale del torneo di tennis, giocata lo scorso sabato 8 settembre contro la giapponese Naomi Osaka, Serena Williams ha ricevuto una serie di ammonizioni da parte dell’arbitro che proprio non le sono andate giù: l’atleta è dunque insorta contro di lui, accusandolo di sessismo e per questo è stata multata.

Senza perdere troppo trmpo, il vignettista Mark Knight dell’Herald Sun ha ritratto la Williams nei momenti successivi alla fine della partita, vinta dalla giapponese, esagerandone le caratteristiche fino a farne una satira grottesca e indubbiamente razzista, mentre salta infuriata con alle spalle l’arbitro che si rivolge all’altra tennista chiedendole: “Ma non puoi lasciarla vincere?”.

La scrittrice di Harry Potter ha reagito a questa vignetta sul suo account Twitter dicendo:

Ben fatto, hai ridotto una delle più grandi atlete in vita ad un tropo razzista e sessista ed hai fatto dell’altra grande atleta un oggetto di scena senza faccia.

Anche la giornalista di ESPN Jemele Hill si è scagliata contro l’immagine: “Discreto proprio come la voce di Fran Drescher”, mentre la comica Kathy Griffin ha suggerito a Mark Knight di cambiare il suo username di Twitter “Knighcartoons” con “KKK Cartoons”, aggiungendo in calce un epiteto colorito.

Serena Williams non ha ancora risposto alla vignetta offensiva

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.