Stai leggendo: X Factor: tutto quello che è successo nella prima puntata di Audition

Letto: {{progress}}

X Factor: tutto quello che è successo nella prima puntata di Audition

Ci siamo: la nuova, attesissima, controversissima, edizione di X Factor Italia è arrivata alla sua prima puntata. Ecco cosa è successo nelle primissime audition dell'edizione 12, andate in onda su SKY Uno.

2 condivisioni 0 commenti

X Factor 2018 ha ufficialmente aperto i battenti agli oltre 40mila ragazzi che si sono candidati anche quest'anno, in occasione della 12esima edizione del programma di Sky Uno.

Il 6 settembre 2018 è quindi iniziata la prima fase di gara, con le prime Audition (che saranno in tutto 4), cui seguiranno 2 Boot Camp e 1 Home Visit per arrivare finalmente ai Live serali dal 25 Ottobre: dopo 8 live show di battaglia, il 13 Dicembre la Finale di X Factor 2018 decreterà il vincitore, il concorrente che ha davvero l'X Factor e merita di entrare a far parte dell'Olimpo dei vincitori di X Factor.

La posizione di X Factor 2018 rispetto alla vicenda Asia Argento

Asia Argento giudice di X Factor Italia, ma non farà i liveHDGettyImages

Prima di entrare nel vivo della gara, però, X Factor 2018 apre la trasmissione con Ale Cattelan su fondo bianco, con le mani in tasca, che chiarisce la posizione del programma rispetto alle vicende legate al neo giudice Asia Argento:

“Sta per partire X Factor. Come sempre iniziamo dalle audizioni che anche quest’anno hanno coinvolto più di 40 mila ragazzi che quest’anno hanno deciso di prendere parte a questa dodicesima edizione.

Quando 3 mesi fa abbiamo iniziato le registrazioni non potevamo immaginare che uno dei nostri giudici venisse coinvolto in una vicenda che nulla ha a che fare con lo spirito del programma e che sinceramente ci ha un po’ spiazzati.

Come vedrete saranno delle belle audition, cui seguiranno i boot camp e gli home visit, che abbiamo deciso di farvi vedere in versione integrale, proprio per rispetto e tutela nei confronti dei cantanti ma anche di tutte le persone che a X Factor lavorano con grande entusiasmo.

Come probabilmente saprete, al termine di queste puntate ci saranno i live, e ai live ci sarà un nuovo giudice, proprio perché vogliamo che nessuna polemica o fatto al di fuori del nostro programma possano distogliere l’attenzione dalla musica e dai talenti che per 8 puntate si daranno battaglia. Buona visione.”

Disclaimer e posizione presa, si entra subito nel vivo della gara.

Dare il 100%, mettersi in gioco, voglia di riscatto, ansia e coraggio: sono questi i pensieri che affollano la testa dei concorrenti salendo sul palco di X Factor 2018, davanti al tavolo dei giudici.

Asia Argento, Fedez, Mara Maionchi e Manuel Agnelli sono i 4 giudici di X Factor, e cercano artisti che li inducano a lavorare, che non siano troppo giovani e troppo fragili, talenti capaci di far vedere il film che c’è in ogni canzone, chiedono al pubblico di non giudicare solo le voci.

È così che si apre questa 12esima edizione di X Factor Italia, tra gli applausi e la grande emozione di vedere i primissimi istanti di questa lunga, appassionata, gara. 

I dati della prima serata di X Factor 2018 

La prima puntata di Audition ha raccolto davanti alla TV oltre 1 milione di telespettatori, raccogliendo più del 4% di share.

Sky Uno è stato il 4° canale nazionale più visto della serata da un pubblico eterogeneo composto da persone tra i 18 e i 54 anni (quasi il 7% di share). 

Emanuele Bertelli al pianoforte inaugura X Factor 2018

Un vero talento, onesto, che non vuole strafare, e che canta con il cuore. Un pianoforte a coda e una voce riconoscibilissima. Porta Human di Rag'n'Bone Man, e sin dalla prima nota che capiamo che ha l'X Factor, ci vediamo ai Live Emanuele (di solito però questa frase non porta tanto bene). 

Alex Cliff – 19 anni, L’uomo con la maschera

Alex Cliff il ragazzo con la maschera a X Factor 2018HDSKY

La maschera tra il mondo in cui sono e il mondo in cui vorrei essere. Alex Cliff porta la maschera perché ha 19 anni, ma vive in verità da 4.  L’infanzia difficile, un padre alcolizzato e le fughe notturne con una penna e un pezzo di carta lo hanno portato al rap. "Non so cosa sia l’amore di una mamma e di un padre, ho creato il mio mondo da capo". 

Il suo inedito, dal titolo Bambino, racconta la sua vita, breve, ma già così piena.

Sono nato un giorno non so quanto tempo fa, sotto un cielo fermo quasi fosse plastica, co sta facci ada bambino come dici ma se guardi da vicino forse non lo vedi più.

È standing ovation, e la maschera non l’ha vista più nessuno. Sono 4 sì. Ma la maschera non va via. 

Jennifer Milan – 30 anni, La ragazza di Los Angeles

La pettinatura a “orecchie di topo” introduce Jamie che viene da Los Angeles, dove vive da 10 anni alla ricerca della sua forma artistica. Rientrata in Italia per iniziare un nuovo capitolo della sua vita, decide di scegliere proprio il palco di X Factor come primo tentativo, e fa centro.

Con la sua Dusk Till Dawn di ZAYN le orecchio di topo spariscono e sono 4 sì. 

Sei una signora che canta.

come ha detto Mara Maionchi in chiusura. 

Dasrteller – La band di Foligno

Loro portano “Cuore matto” di Little Tony, in una chiave rock, ma non poi così tanto rivisitata. 

Il bassista canta meglio del cantante.

esordisce Asia, con il suo primo implacabile giudizio a X Factor.

Dividono il tavolo dei giudici (e forse anche la band, dato il commento piccato), ma proprio Asia li salva con il terzo indispensabile sì. L’unico restìo resta Fedez che comunque gli dice no.

Valentina Ciccone e Blanche

Lei, con una Giusy Ferreri che davvero non ce la fa. Il suo novembre diventa un mese interminabile, che viene messo a tacere da Fedez che stoppa l’esibizione sul più bello. 

La seconda, tropical trap  o piano bar trap? Manuel e Asia non sanno da dove cominciare a smontare l’esibizione.

Andrea Biondini Campolo, il 32enne di Grosseto

Porta i black sabbat, “che si ascoltava il mi babbo”. Tutto chiaramente espresso in un riconoscibilissimo dialetto toscano, e interpretato con una camicia fiorata. Esibizione condita dall’intramontabile “Su le mani tutti”.

Esibizione da aspirante capovillagio cantante.

è il commento altamente distruttivo di Fedez. Diciamo che neanche Mara e Manuel sono poi così convinti.  Chiude Asia che davvero non riesce davvero a trattenersi:

Come fai a cantare un brano di Ozzy Osbourne senza avere i suoi acuti o la sua disperazione?

Elena Piacenti, 18 anni, da Roma

Con la sua timidezza è arrivata su questo enorme palco per dimostrare a se stessa quanto vale.

Io che amo solo te di Sergio Endrigo, consigliato dalla mamma: "Conoscevo la canzone, ma è stata lei a farmi soffermare sulle parole, e quindi oggi la dedico a lei".

Asia e Mara sono ufficialmente disperate e piangono come bambine, come la mamma dietro le quinte.

Una standing ovation che non accenna a finire, terminata con un “È anche bello un momento così in un palazzetto”. 

Brava Elena, sono 4 a sì. 

Mokastone – la band rap toscana

La band toscana che nasce tra ragazzi che hanno lasciato la scuola presto per trovare la propria strada, da soli, contando solo su stessi probabilmente. Il cantante rap esordisce in video con un non molto umile: 

La mia rivincita sarà quando saremo famosi e i ragazzini canteranno i miei pezzi. 

Qualcosa nella loro rabbia colpisce sia Mara che Manuel, che si complimenta per l'attitudine e per

Le vostre facce brutte, facce brutte vere, che valgono un sacco in questo genere.

Smonta per un istante tutti Fedez, dicendo che il cantante sta imitando più o meno dichiaratamente Salmo, e questa sovrapposizione è il dubbio che si poterà dietro.

Alla fine sono 3 sì.

Con il “sembrate omo ma siete etero” di Ale Cattelan, arrivano sul palco 

Mattia e Francesco Portale, i gemelli di Messina 

Portano Rosso Relativo di Tiziano Ferro (sì, sul serio).

Un fantastico contro canto, non c’è che dire. Grande intonazione anche in effetti. Una bizzarra coppia, un coro degli alpini con una bomboletta di elio in gola.

La versione meno sexy del pezzo che io abbia mai sentito.

Asia premia la tenerezza, ma tutti gli altri, implacabili, li rimandano a prendere il traghetto per la loro meravigliosa isola. 

Mattia Lezi, 34 anni di Spoleto

Continua a ripetere "sedano carote, sedano e lattuga" mentre si prepara nel backstage.  Mattia è l’imprenditore agricolo con uliveto e asini che porta un inedito che non poteva che chiamarsi “L’orto”

Voce e chitarra, occhi blu e un sound inconfondibile in effetti: cerca di riportare le persone in campagna, lasciando la vita nei palazzi.

Appena arriva maggio, vedrai sarà uno spasso.

Asia lo ama già: "dobbiamo tornare tutti alla natura e all’orto". MAra lo definisce un "cantautore campestre" ma Fedez ci riporta sulla terra ferma “Faccio fatica a vedere uno sbocco sul mercato”.

Ricominciamo subito coi dissing arte/vendite, ma quest'anno il nostro Manuel Agnelli ha trovato un’alleata in Asia contro Fedez. Siamo al primo vero scontro di questa nuova edizione. 

Manuel secca Fedez dicendo che lo scopo di vendere è il suo, non quello del programma. Fedez di sicuro dice no. Manuel è convintamente convinto. 

Mara e Asia cercano l’arte, no matter what, quindi Mattia e le sue verdure sono dentro. In bocca al lupo. 

Momento dei no 

Sale Ekaterina Morozova (in arte Katrin Moro) la DJ russa “intransanale":  per non offendere la sua internasalità Manuel non si pronuncia proprio, ma sempre 4 no restano. 

Sergio Melone invece è l'uomo che finalmente anche quest'anno salta su e giù dal palco cantando Bon Jovi ma con un “Neanche Kledi ai tempi d’oro” Fedez lo rimanda dietro le quinte. 

Rossella Zitiello con la What's Up dei 4 Non Blondes non convice, un mood un po' demodé che ormai non basta più.

Martina Attili, 16 anni, la vocina dolce di Roma 

Cresciuta a “pane, acqua e Renato Zero” arriva dalla Capitale con la sua vocina timidina e il suo genere “indefinito”. 

Porta però un inedito parla della Cherofobia, la paura di essere felice. 

Ha già scritto 12 canzoni che parlano per la maggior parte di problemi mentali, ma appena si siede al pianoforte e apre quella piccola boccuccia inizia a raccontare che nessuno capisce quello che sta vivendo, e il tavolo dei giudici, il pubblico in sala e noi tutti restiamo attoniti.

Tu sei l’esempio di quello che significa essere speciali, la canzone è carina, ma tu la tua persona e la tua personalità siete davvero speciali.

per Manuel.  

Sei un’anima bellissima.

commenta Asia. "La tua maturità si rispecchia in tutto", Fedez.  Sono i 4 sì più convinti della serata. 

Sherol Dos Santos Da Veiga, la 21enne tuttofare 

Da Capo Verde, ora lavora in un centro spoertivo, fa la baby sitter e la cameriera in un ristorante per non gravare sulla mamma sola, con un fratello minore e senza papà, che li ha lasciati quando lei aveva 10 anni. ah sì, studia anche chimica e tecnologie farmaceutiche. 

Porta Jennifer Hudson - And I Am Telling You I'm Not Going: la standing ovation con una voce forte potente e un fiato così lungo era garantita.

Perfetta sotto tutti gli aspetti.

riassume Mara tra un complimento e l’altro. 4 sì, ovviamente. 

I casi disperati di X Factor

Ok già dalle presentazioni capiamo che finalmente arriviamo in quel momento della puntata in cui ci aspettiamo di vedere qualsiasi cosa sul palco. 

E arriva così Alessandra che con i capelli blu fa cucù con le mani, il pubblico la fischia. Poi Valentina, l’animatrice vera fan di JLo, solo di JLo, che con l’ultimo let's get loud ha fatto rivivere a Fedez quell’energia che solo una lezione di aquagym a Riccione ti può dare.

No, abbiamo capito che il villaggio vacanze non funziona a X Factor.

Sale Atun Smiriyatun, da Ischia, che ha il sogno di cantare, ma neanche i suoi familiari vogliono ascoltarla per cui canta in macchina. Potrebbe essere una storia di riscatto ma purtroppo non stasera: quando perdere una donna diventa Perdere un uomo, seguito da una serie di vocalizzi non ben identificati, non capiamo più se la standing ovation del pubblico sia per lei o per il fatto che il brano è finalmente terminato.

Il pubblico chiede 4 sì e quindi, come spesso capita sul palco di X Factor, non si sa bene come Atun prosegue la sua corsa verso i live. Sono 4 sì!

Seveso Casino Palace, la band di Milano

"Noi facciamo un genere che è come prendere i Metallica e i Guns N' Roses e mandarli avanti nel tempo con un capsula del tempo. Siamo venuti qui, quindi dovevamo cantare in italiano, ma non potevamo fare Giorgia rock, non potevamo fare Elisa rock, e quindi abbiamo deciso di portare la trap metal". 

Ok il loro discorso di presentazione non è molto chiaro, ma con Ricchi per sempre di Sfera Ebbasta, le loro magliette bianche e pantaloni neri, una frontwoman coi capelli rossi, il cocktail per i 4 sì è preannunciato. Standing ovation citofontassima, giudici concordi, grandi complimenti per il graffio e la rabbia della voce di Silvia. Sì, sì, sì e sì, e via. 

Disturbando Jannacci e Bob Dylan i giudici di X Factor ci danno appuntamento alla prossima settimana, la storia si ripete amici. 

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.