Stai leggendo: Dolores O’Riordan è morta per intossicazione da alcol e annegamento

Letto: {{progress}}

Dolores O’Riordan è morta per intossicazione da alcol e annegamento

A distanza di quasi otto mesi dalla morte di Dolores O'Riordan, il coroner ha rivelato le cause del decesso: un incidente nella vasca da bagno causato da un'intossicazione alcolica.

 Dolores O’Riordan e i Cranberries Getty Images

15 condivisioni 1 commento

Sono passati quasi otto mesi dalla morte della talentuosissima Dolores O'Riordan, cantante del gruppo dei Cranberries, ritrovata senza vita a Londra il 18 gennaio 2018, e di cui da allora i fan piangono la voce inimitabile.

Le cause del decesso non erano state chiarite immediatamente alla notizia della morte. Ora però, meno di un anno dopo, si potrà archiviare il caso. Il coroner incaricato di portare a termine le indagini di medicina legale ha presentato giorni alla Westminster Court i risultati proprio nel giorno del compleanno di Dolores, il 6 settembre.

Come riporta Daily Mail, il coroner ha stabilito che la morte della cantante è stata accidentale, a seguito di un’intossicazione alcolica.

Dolores O’Riordan è annegata nella propria vasca da bagno, dov’è caduta con addosso il pigiama dopo una nottata passata da sola all’hotel Hilton Park Lane, dove ha assunto una grande quantità di alcolici.

Il funerale di Dolores O'Riordan HDGetty Images
I funerali di Dolores O'Riordan in Irlanda

Dalle analisi è risultato che Dolores aveva consumato una quantità di champagne e altri alcolici quattro volte superiore a quella-limite, con il rilievo di 330mg per 100ml di sangue. Nella stanza sono state trovate diverse bottiglie in miniatura e una di champagne, oltre a tracce di fumo e a medicinali, nello specifico tranquillanti come il Tavor.

Dolores O'Riordan mentre cantaHDGetty Images
Dolores O'Riordan manca a tutti gli appassionati di musica

In ogni caso, le autorità possono rivelare con certezza che Dolores O’Riordan non si è suicidata e, determinata assenza di qualunque segnale di autolesionismo, che non si è fatta del male intenzionalmente. 

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.