Stai leggendo: Venezia 75, Valeria Bruni Tedeschi presenta I villeggianti

Letto: {{progress}}

Venezia 75, Valeria Bruni Tedeschi presenta I villeggianti

Valeria Bruni Tedeschi ha presentato a Venezia 75 (fuori concorso) I villeggianti, nuovo film da lei diretto e interpretato. Nel cast anche Valeria Golino e Riccardo Scamarcio.

Valeria Bruni Tedeschi a Venezia 75 Getty Images

1 condivisione 0 commenti

Venezia 75 si tinge ancora più di rosa grazie a I villeggianti, il nuovo film diretto e interpretato da Valeria Bruni Tedeschi, presentato fuori concorso.

Una storia raccontata con un occhio e una sensibilità prettamente femminili, ma che vanta anche un cast di grandi donne e attrici come Noémie Lvovsky e Yolande Moreau, ma soprattutto Valeria Golino, che qui si trova a condividere il set con il suo ex Riccardo Scamarcio.

Però non è finita qui, perché Valeria Bruni Tedeschi ha voluto ancora una volta coinvolgere la madre Marisa Borini, la zia Gigi Borini e persino la figlia Oumy (che aveva adottato ai tempi in cui stava con il collega Louis Garrel).

Il cast del film I villeggianti a Venezia 75HDGetty Images

Questa non è una casualità, dato che la location de I villeggianti si ispira alla villa al mare che aveva la sua famiglia. Il film è infatti ambientato in una proprietà in Costa Azzurra, un posto dove si ha la sensazione di trovarsi fuori dal mondo e al tempo stesso protetto da esso.

È qui che ha deciso di rifugiarsi Anna (Valeria Bruni Tedeschi) per staccare la spina e concedersi qualche giorno di vacanza con la figlia. Le due però non saranno sole, perché ci saranno anche parenti, amici e il personale di servizio.

Anna non sta vivendo un momento facile, perché si è separata di recente e deve scrivere ancora il suo nuovo film, quindi ha bisogno di trovare la giusta ispirazione. E queste giornate si riveleranno confusionarie, ma anche preziose per confrontarsi con il mistero della propria esistenza.

Così Valeria Bruni Tedeschi spiega la genesi del suo film:

Faccio film da anni e ogni volta mi chiedono quanto ci sia di autobiografico. Ogni volta cerco di trovare delle risposte nuove, ma la verità è che parto dalla realtà e ci lavoro sopra per creare della finzione.

Valeria Bruni Tedeschi con la madre e la zia al photocall di Venezia 75HDGetty Images

L'amore si infila tra le trame del film e, quando si chiede alla regista-attrice se lei si sente amata, risponde:

Penso di essere fortunata, perché ho intorno a me persone che mi capiscono e mi vogliono bene. Non parlo solo di rapporti familiari, ma anche di amicizia come quella con Valeria (Golino) che sta diventando lunga e intima. Questo mi rende davvero felice.

E con gli uomini come la si mette? Lei cerca di stare vaga, ma confessa (con una dolcezza disarmante):

Un pochino mi sento già amata, ma se lo fossi un pochino di più sarebbe ancora più bello.

Valeria Golino al photocall di Venezia 75HDGetty Images

Valeria Golino ha solo belle parole per l'amica:

Ci frequentiamo volentieri anche fuori dal set e sono sempre entusiasta all'idea di lavorare con lei, perché so che sarà un'esperienza unica. Con lei ci si libera da limiti e paure. Lei ha un talento meraviglioso.

E ammette:

A volte mi diverto a farla arrabbiare e a non voler assolutamente fare quello che mi chiede.

Presente alla conferenza stampa anche Riccardo Scamarcio, che racconta:

Ho conosciuto Valeria (Bruni Tedeschi) tempo fa e l'impressione è che venissi subito catapultato in un film. Mi ritrovo sempre disarmato di fronte a lei e finisco per fare sempre quello che vuole.

E svela:

È per questo che non volevo fare questo film e che, per la prima volta, ho dato buca a ben due provini. Però io non sapevo di averli già superati, dato che il mio personaggio finiva proprio per scappare.

La parola poi passa a Marisa Borini, che era già stata diretta dalla figlia in È più facile per un cammello..., Actrices e Un castello in Italia:

Stavolta non avevo un ruolo difficile, perché ha ricostruito il nostro angolo estivo e quindi è stato tutto naturale. Mi ha ricordato tante cose realmente vissute come quel tavolo intorno al quale parlavamo, ridevamo e litigavamo spesso, tanto che è un miracolo che stia ancora in piedi oggi!

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.