Stai leggendo: Come nella pittura così nella poesia: Chagall in mostra a Mantova

Letto: {{progress}}

Come nella pittura così nella poesia: Chagall in mostra a Mantova

Una mostra che svela lo stretto rapporto che c’era per Chagall fra pittura e scrittura, sia essa poesia o teatro.

Banner della mostra Mondadori Electa

6 condivisioni 0 commenti

In concomitanza con il celebre Festivalletteratura, a Mantova il 5 settembre inaugura Come nella pittura così nella poesia, la mostra dedicata a Chagall, che permetterà al pubblico di ammirare oltre 130 opere dell’artista bielorusso naturalizzato francese, tra cui anche il ciclo dei sette teleri da lui dipinti per il Teatro ebraico da camera di Mosca. Questi ultimi, fra le opere più rivoluzionarie di Chagall, sono in prestito dalla Galleria di Stato Tretjakov di Mosca: tornano in Italia dopo più vent’anni, quando nel 1999 furono esposti a Roma e prima ancora nel 1994 a Milano.

I teleri per il Teatro ebraico da camera di Mosca

Introduzione al teatro ebraicoHDThe State Tretyakov Gallery, Moscow, Russia © Chagall ®,
Introduzione al teatro ebraico, 1920 tempera e caolino su tela, 284 x 787 cm

I sette teleri saranno in un certo senso il fulcro della mostra, intorno a cui verrà ricostruito lo spazio del Teatro ebraico da camera: una superficie di 40 metri quadri che a suo tempo Chagall decorò non solo con questi teleri ma anche dipingendone il soffitto, il sipario e curando costumi e scenografie per tre opere teatrali. La scelta di riprodurre il volume del Teatro permetterà ai visitatori una sorta di esperienza immersiva, riuscendo a trasmettere l’emozione di vederli inseriti nel contesto per cui erano stati pensati.

L’idea che Chagall mise alla base di queste opere vedeva l’identificazione del teatro con la festa della rivoluzione russa, evento storico che Chagall visse in prima persona. Accanto a questo clima di apparente gioiosità e liberazione si avvertono però anche dubbi sulla nuova condizione conquistata dal genere umano.

Sulla parete desta si trovavano i quattro quadri raffiguranti le Arti: la Musica è da un violinista mefistofelico, la Danza una grandissima ballerina, il Teatro è raffigurato come il Badchan, l’animatore di matrimoni ebrei e, infine, la Letteratura è lo scriba-poeta.

Amore sulla scena, 1920 tempera e caolino su tela, 283 x 248 cm Galleria di Stato Tretjakov di MoscaHDThe State Tretyakov Gallery, Moscow, Russia © Chagall ®
Amore sulla scena, 1920 tempera e caolino su tela, 283 x 248 cm Galleria di Stato Tretjakov di Mosca

Dirigendosi verso l’uscita si trovava il dipinto Amore sulla scena, in cui Chagall costruisce un’immagine suggestiva, aperta a più letture.

Accanto a questi ci sarà una ricca selezione di opere chiave della produzione di Chagall, realizzate nella seconda e nella terza decade del XX secolo: fra queste, a testimoniare lo stretto rapporto che intercorre nella poetica di Chagall fra arte e letteratura e a giustificare il titolo della mostra, anche una serie di illustrazioni per le Anime morte di Gogol, per le Favole di La Fontaine e per la Bibbia.

Sopra la città, 1914/1918 olio su tela , 139 x 197 cm Galleria di Stato Tretjakov di MoscaHD© The State Tretyakov Gallery, Moscow, Russia © Chagall ®
Sopra la città, 1914/1918 olio su tela , 139 x 197 cm Galleria di Stato Tretjakov di Mosca

La mostra, a cura di Gabriella Di Milia in collaborazione con la Galleria di Stato Tretjakov di Mosca, è promossa dal Comune di Mantova e organizzata insieme alla casa editrice Electa.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE