Stai leggendo: Una guida per scoprire cause e rimedi del mal di testa in gravidanza

Letto: {{progress}}

Una guida per scoprire cause e rimedi del mal di testa in gravidanza

Una guida per scoprire quali sono le principali cause e i migliori rimedi, naturali e non, del mal di testa in gravidanza, disturbo che colpisce numerose donne incinte.

Una guida per scoprire cause e principali rimedi del mal di testa in gravidanza Pixabay

1 condivisione 0 commenti

Il mal di testa in gravidanza è un disturbo molto diffuso specialmente nelle prime settimane, ma quali sono le cause principali e quali i rimedi naturali e non? In generale si tratta di un disturbo dovuto ai cambiamenti ormonali in corso, ma possono subentrare anche altre motivazioni, per esempio stress o mancanza di sufficienti zuccheri nel sangue.

I rimedi variano a seconda delle cause scatenanti e se in casi estremi, può essere necessario ricorrere a farmaci, solitamente bastano i rimedi naturali e un po' di sana prevenzione. Difatti alcuni fattori possono incidere negativamente, per esempio la disidratazione o una dieta squilibrata che può causare scompensi a livello fisico.

Di seguito scopriamo le cause del mal di testa in gravidanza trimestre per trimestre e i rimedi migliori a seconda dei casi:

Le cause del mal di testa in gravidanza a seconda del trimestre

Le cause del mal di testa in gravidanzaHDPixabay

Il mal di testa in gravidanza è normale perché spesso dipende dai cambiamenti ormonali in corso legati all'aumento degli estrogeni, che colpiscono le gestanti soprattutto nelle prime settimane. L'importante è che il disturbo non si presenti con troppa frequenza e in modo particolarmente acuto. Inoltre, c'è da considerare che a seconda del trimestre, cause e sintomi possono un po' variare.

Cause primo trimestre

Se da un lato l'aumento di estrogeni tipico della gravidanza può aumentare il mal di testa nelle donne che non ne soffrivano prima di rimanere incinte, in quelle soggette può causare la situazione opposta, andando a diminuire il disturbo. Estrogeni a parte, altre cause possibili nel primo trimestre sono:

  • Disidratazione
  • Stress e ansia
  • Difficoltà del sonno
  • Spossatezza
  • Vomito gravidico che può portare a disidratazione
  • Sospensione di farmaci antidepressivi se venivano utilizzati prima della gravidanza.

Cause secondo trimestre

Nel secondo trimestre il mal di testa di solito non è più dovuto agli estrogeni perché il corpo si è ormai abituato alla nuova situazione, semmai potrebbe dipendere da leggera anemia, da disturbi di tipo circolatorio o da un aumento della pressione. In caso di anemia è bene intervenire sull'alimentazione facendo in modo di aumentare l'apporto di ferro.

Un'altra causa possibile nel periodo compreso fra la 14esima e la 27esima settimana di gestazione è rappresentata dalla preeclampsia o gestosi, specialmente se il sintomo è accompagnato da gonfiore agli arti e lampi di luce agli occhi. Questo è un disturbo che si riscontra quando la pressione arteriosa sistolica è maggiore di 140 mmHg e/o la pressione arteriosa diastolica è maggiore di 90 mmHg. Altre possibili cause del mal di testa in questa fase sono:

  • Stipsi
  • Insonnia
  • Difficoltà digestive

Cause terzo trimestre

Nel corso del terzo trimestre le cause di mal di testa principali possono essere le seguenti:

  • Postura scorretta a causa del peso del pancione
  • Stress e ansia
  • Insonnia
  • Stitichezza
  • Disidratazione
  • Ipertensione arteriosa.
  • Preeclampsia.

Quando preoccuparsi? In linea di massima solo se il mal di testa è persistente e acuto, situazione che dovrebbe indurvi immediatamente a consultare il medico.

I rimedi per il mal di testa in gravidanza

Riposare come rimedio contro il mal di testaHDPixabay

Esistono diversi rimedi per il mal di testa in gravidanza, alcuni naturali, altri a base di paracetamolo, uno dei pochi farmaci che si possono assumere durante i 9 mesi. L'assunzione degli uni o degli altri dipende dall'entità del disturbo, se per esempio è insopportabile il paracetamolo può rivelarsi molto utile, in altri casi può bastare Madre Natura o un minimo di prevenzione

A tal proposito ricordatevi di:

  • Bere molto durante la giornata, almeno un litro e mezzo d'acqua, evitando il rischio di disidratazione.
  • Evitare alcolici.
  • Seguire una dieta varia ed equilibrata in grado di mantenere equilibrati i livelli di zucchero nel sangue.
  • Eseguire un po' di sport ogni giorno, per esempio nuoto, yoga o camminate all'aperto, che aiutano a produrre endorfine in grado di agire come antidolorifici.
  • Riposarsi.
  • Fare piccoli pasti distribuiti nel corso della giornata anziché abbuffarsi solo a pranzo e a cena, facendo attenzione anche alle ore di digiuno prolungate, che sono a rischio mal di testa.
  • Evitare cibi troppo grassi.
  • Fare un bagno caldo.

I rimedi naturali

Rimedi per il mal di testa in gravidanzaHDPixabay

I rimedi naturali per il mal di testa in gravidanza sono da preferire rispetto ai farmaci, incluso il paracetamolo, sempre che il disturbo non sia troppo acuto e quindi insopportabile, evenienza che richiede in ogni caso il consulto medico. Ecco i principali:

  • Massaggiare il collo senza premere troppo utilizzando un olio naturale.
  • Fare una passeggiata all'aperto per prendere un po' d'aria.
  • Bere un po' di acqua per idratare l'organismo.
  • Mangiare qualcosa di zuccherato per aumentare i livelli di zucchero nel sangue, se il problema è dovuto a un calo degli stessi.
  • Bere una tisana alla lavanda o alla melissa utili per la loro azione rilassante.
  • Fare impacchi freddi avvolgendo delle fette di limone in un panno bagnato e premere l'impacco sulla fronte o sulla parte dolorante.
  • Riposare per qualche ora in un luogo silenzioso.
  • Bere una tazzina di caffè perché la caffeina ha un effetto vasocostrittore che può dare sollievo.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.