Stai leggendo: Insta Novels: i capolavori della letteratura diventano Stories di Instagram

Letto: {{progress}}

Insta Novels: i capolavori della letteratura diventano Stories di Instagram

'Alice nel paese delle meraviglie' è stato il libro di esordio, nei prossimi giorni verranno pubblicate anche le pagine digitalizzate di altri due capolavori della letteratura mondiale.

Applicazione Instagram. Pixabay

4 condivisioni 0 commenti

In un mondo sempre più smart è possibile, ora, trovare e leggere su Instagram i capolavori della letteratura mondiale. Quel che fino a qualche giorno fa poteva sembrare poco verosimile, è diventato realtà proprio nelle ultime ore. Mettendo le nuove tecnologie al servizio della cultura.

Tutto merito della New York Public Library - tra le cinque più rinomate biblioteche degli Stati Uniti - artefice di un progetto innovativo e quanto mai funzionale. Si chiama Insta Novels e permette di leggere i libri attraverso le Stories di Instagram. Il tutto, grazie alla collaborazione con l’agenzia pubblicitaria Mother di NY, accompagnato da video e immagini realizzati per l’occasione da artisti e designer di fama internazionale.

Come funziona? Basta accedere al profilo ufficiale della biblioteca su Instagram e scegliere le Stories in evidenza. La lettura delle digitalizzazioni avviene come ormai siamo abituati da tempo: con un click sulla parte sinistra dello schermo si torna alla pagina precedente, cliccando a destra si procede. Tenendo premuto il dito, invece, si rimane fermi.

L’esordio è stato segnato da 'Alice nel paese delle meraviglie' di Lewis Carroll, le cui parti grafiche sono state curate dall’artista Magoz. Nei prossimi giorni toccherà a 'La carta da parati gialla’' di Charlotte Perkins Gilman e a 'Le metamorfosi' di Franz Kafka.

L’obiettivo di Insta Novels è quello di divulgare e far conoscere i più importanti romanzi e novelle della letteratura alle nuove generazioni, usando uno dei social network più frequentati.

Il nostro desiderio è far capire alle persone che le biblioteche non sono luoghi noiosi e pieni di libri polverosi, ma posti innovativi

ha spiegato Christopher Platt, responsabile della sede principale della New York Public Library.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE