Stai leggendo: Il preservativo: tutte le regole per scegliere quello più adatto

Letto: {{progress}}

Il preservativo: tutte le regole per scegliere quello più adatto

Il preservativo è l'unico metodo anticoncezionale che garantisce una protezione sia dalle malattie sessualmente trasmissibili, che dalle gravidanze indesiderate. È dunque fondamentale imparare ad usarlo correttamente. Ecco a voi un piccolo vademecum!

1 condivisione 0 commenti

Siamo nel 2018 e ciò che vi stiamo per ricordare dovrebbe essere scontato, eppure, in realtà, non lo è affatto. Il profilattico è l'unico metodo valido per proteggersi dalle malattie sessualmente trasmissibili e nonostante sia il secondo contraccettivo più usato dopo la pillola (che però protegge solamente dalle gravidanze indesiderate e non dalle malattie a trasmissione sessuale) i dati al riguardo sono piuttosto sconcertanti.

Infatti, solamente il 49% degli uomini lo adopera. Un 35% di utilizzatori ha avuto esperienze di rotture o sfilamento e un 21% non è a conoscenza del fatto che i condom abbiano diverse misure, un po' come gli abiti. 

Cerchiamo dunque di fare un po' di chiarezza e di capire come usarlo al meglio, evitando incidenti e vivendone l'utilizzo nella maniera più serena possibile. Ricordandovi anche che il condom ha un 98% di successo contro le gravidanze indesiderate.

Il preservativo: come si mette

Compagno fedele della nostra sessualità, il preservativo spesso incute una certa soggezione. Tanti uomini e tante donne - specialmente tra coloro che sono alle prime armi - hanno dichiarato di vergognarsi ad acquistarli, a proporne l'utilizzo al proprio partner o ad indossarli.

Eppure basta conoscere alcuni semplici passaggi.

Innanzitutto il profilattico è contenuto in una bustina che è importantissimo aprire in maniera corretta, ovvero senza usare bocca, denti, forbici, o qualunque altra cosa che potrebbe intaccare il condom. Controllate sempre la data di scadenza e, una volta estrattolo dalla confezione, premete delicatamente sul serbatoio per eliminare l'aria, mentre con l'altra mano lo srotolate - sempre con delicatezza - fino alla base del pene.

Terminato l'atto sessuale, sfilatelo con attenzione per non far uscire il liquido seminale. Poi fate un nodo e gettatelo.

PreservativiHDBru-nO @Pixabay

Riassumendo, ecco le 5 regole per un corretto uso:

1) conservarlo adeguatamente

2) controllare data di scadenza

3) aprirlo con attenzione

4) eliminare l'aria

5) estrarlo con cautela

Il preservativo: tipologie varie

Ad oggi sul mercato esistono diversi tipi di condom, adatti alle esigenze più disparate. Oltre agli standard, ci sono i ritardanti, che contengono benzocaina, ovvero un anestetico presente in dose ridotta, destinato a chi vuole contrastare disturbi di eiaculazione precoce.

Ci sono poi i profilattici stimolanti, caratterizzati da sottili venature in rilievo mirate a favorire il piacere femminile. Oltre ai quelli colorati o aromatizzati alla frutta, esistono anche preservativi spray. Si tratta di un prodotto che va spruzzato direttamente sul pene in erezione, o nelle parti intime femminili.

PreservativiHDKlausHausmann @Pixabay

Dunque, una volta ottenuta un po' di dimestichezza, potrete scegliere tranquillamente la tipologia che più combacia con le vostre necessità.

Il preservativo: come scegliere la taglia

Per non incorrere in spiacevoli incidenti, o anche solo per non sentirsi a disagio, è importante scegliere la taglia giusta del profilattico e per questo, vi occorrerà conoscere le misure del vostro pene. Per misurarne la cinconferenza, vi conviene focalizzarvi sulla base, che è il punto più largo. Per quanto riguarda la lunghezza, calcolatela con il pene in erezione, partendo sempre dalla base.

Riguardo alla scelta della taglia, ecco una tabella che può esservi d'aiuto. La taglia più comune in Italia è la M.

Circonferenza in mm 70/90 taglia XS larghezza in mm 47/49

Circonferenza in mm 90/105 taglia S larghezza in mm 49/52

Circonferenza in mm 105/120 taglia M larghezza in mm 52/54

Circonferenza in mm 120/135 taglia L larghezza in mm 54/56

Circonferenza in mm 135/159 taglia XL arghezza in mm 56/60

Circonferenza in mm 150/170 taglia XXL larghezza in mm 60/64+

Il preservativo: perché si rompe?

Come accennato sopra, al 35% degli utilizzatori abituali di profilattici, è capitata una rottura o uno sfilamento. Per evitare la prima eventualità, ci sono alcune regole semplici da seguire.

Tenere il preservativo lontano da fonti di calore

Guai a lasciarlo nel portafoglio o nel cruscotto della propria automobile. I profilattici devono essere conservati al riparo da calore, luce diretta o umidità.

Infilare il preservativo correttamente

Come vi abbiamo spiegato sopra, indossare correttamente il preservativo è di vitale importanza. Togliete sempre l'aria dal serbatoio e siate delicati nello srotolarlo. Occhio a unghie lunghe, cinturini di orologi o tutto ciò che possa graffiarlo durante l'applicazione.

Adoperare la taglia corretta

Utilizzare un condom della taglia sbagliata può avere diverse conseguenze, da una sensazione di disagio ad una vera e propria rottura o sfilamento. Trovate quindi la vostra misura!

PreservativoHDBru-nO @pixabay

A costo di sembrare ripetitivi, vi ricordiamo che il preservativo è l'unico metodo anticoncezionale che vi protegge dalle malattie sessualmente trasmissibili. Non lasciatevi dunque suggestionare o convincere da chi vi dice che se ne può fare a meno o che è solo una rottura di scatole.

Non è così e con un po' di pratica, il suo utilizzo entrerà tranquillamente a far parte della vostra routine sessuale.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.