Stai leggendo: Batman è ateo, la rivelazione shock nei fumetti DC

Letto: {{progress}}

Batman è ateo, la rivelazione shock nei fumetti DC

Il cavaliere oscuro di Gotham non crede a Dio... non come prima, e a dichiararlo nero su bianco è l'autore Tom King nell'albo DC Comics Batman #53.

Copertina di Batman #44 DC Comics

3 condivisioni 0 commenti

Batman è ateo, lo ha svelato l’autore di fumetti Tom King nell’albo Batman #53 pubblicato da DC Comics.

La rivelazione giunge alla fine dell’arco narrativo incentrato (attenzione agli spoiler!) sul matrimonio tra Catwoman e l’uomo pipistrello: da quando lei ha lasciato il protettore di Gotham all’altare, Batman è tornato a vivere pienamente la sua altra identità, quella di Bruce Wayne, che si trova a far parte della giuria in un processo in cui l’imputato è proprio il suo alter-ego mascherato.

Proprio mentre Bruce si trova a provare che Batman non è perfetto, il miliardario confida agli altri giurati questa sua convinzione personale importante. Bruce Wayne si dichiara dunque ateo, chiarendo un aspetto di sé che era rimasti finora poco certo. L’orientamento religioso del personaggio è infatti stato modificato diverse volte nel corso degli anni: perlopiù è stato ritratto come cristiano (che fosse cattolico o protestante). Ma è necessario inquadrare la dichiarazione nella cornice degli eventi recenti della sua storia. 

Nell’albo in questione, Bruce spiega infatti di essere stato salvato da una grande fede nella figura di Batman (era proprio Wayne che aveva detto: “Dio è sopra di noi. Ed indossa un mantello”). Ora però le cose sono cambiate: il mondo del protagonista è stato capovolto dalla fine della storia con Catwoman, e questo disastro è diventato per Bruce la prova che Batman alla fine non è Dio. È solo un uomo, capace di commettere errori, essere ferito, insomma una figura vulnerabile ed imperfetta come qualunque altra.

Il fatto che il personaggio dichiari chiaramente di non credere in Dio è una scelta importante dell’autore, che esplicita un tratto rimasti latente a lungo, cambiando la percezione del mitico eroe. Una scelta che serve a dare la misura di quanto il personaggio sia stato colpito dagli eventi recenti, abbia perso tante certezze: deve riprendersi dallo shock e nel frattempo è diventato un eroe molto più fragile e per questo affascinante.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.