Stai leggendo: I borghi più belli dell'Emilia Romagna: i posti magici di questa regione

Letto: {{progress}}

I borghi più belli dell'Emilia Romagna: i posti magici di questa regione

I borghi più belli dell'Emilia Romagna: Santarcangelo di Romanga, Grazzano Visconti, Fontannellato, Brisighella e Dozza.

I borghi più belli dell'Emilia Romagna iStockphoto

14 condivisioni 0 commenti

L'Emilia Romagna è una regione generosa che offre lunghe spiagge dotate di ogni confort, vivaci centri balneari dove tirare l'alba tra un giro per negozi e un cocktail sorseggiato in uno dei tanti locali in riva al mare, ma anche un posti magici come antichi borghi che testimoniano il suo vastissimo patrimonio storico e culturale. Questa regione si distingue, anche, per le sue eccellenze culinarie preparate con tantissimi prodotti che hanno ottenuto i marchi di eccellenza DOP e IGP.

Grazie a tutte queste ragioni l'Emilia Romagna è stata, infatti, indicata come una delle migliori mete per il 2018 da Lonely Planet, la casa editrice delle guide di viaggio più autorevoli e famose al mondo.

Durante una vacanza in Emilia Romagna è, dunque, impossibile annoiarsi e se vi capita una giornata di tempo nuvoloso o se avete, solamente, voglia di allontanarvi per un po' dalla sua assolata costa, l'ideale è trascorrere qualche ora in uno dei suoi bellissimi borghi, dove ammirare antiche opere architettoniche, suggestivi scorci naturali e assaporare un'atmosfera d'altri tempi.

Scoprite, allora, i 5 borghi più belli dell'Emilia Romagna:

  1. Santarcangelo di Romagna, Rimini
  2. Grazzano Visconti, Piacenza
  3. Fontanellato, Parma
  4. Brisighella, Ravenna
  5. Dozza, Bologna

1 - Santarcangelo di Romagna, panorama sul mare e grotte sotterranee

Tra i più bei borghi dell'Emilia Romagna vi è quello di Santarcangelo di Romagna, che sorge a pochi chilometri a Nord di Rimini.

Passeggiando per questo borgo fortificato di origini medioevali adagiato sul Monte di Giove è possibile ammirare caratteristici palazzi, case, vicoli e piazzette e respirare un'atmosfera rilassata e d'altri tempi.

Il sottosuolo di Santarcangelo di Romagna è attraversato da una fitta rete di suggestive grotte tufacee, alcune aperte al pubblico, e salendo verso il Campanone e la Rocca Malatestiana che dominano il borgo è possibile vedere in lontananza il mare.

  • Come raggiungere Santarcangelo di Romagna: percorrere l'A14 e uscire a Rimini Nord, seguire poi le indicazioni. Questo borgo è facilmente raggiungibile anche tramite antiche vie di comunicazione come la Via Emilia e l'Aretina.
  • Dove mangiare a Santarcangelo di Romagna: La Sangiovesa in Piazza Simone Ballacchi al 4, un bellissimo ristorante con pietre a vista dove sono presenti alcuni oggetti che invitano a conoscere Tonino Guerra, poeta e sceneggiatore di fama internazionale, nativo del luogo.
Santarcangelo di RomagnaHDiStockphoto
Una vista dall'alto del borgo di Santarcangelo di Romagna.

2 - Grazzano Visconti, un gioiello dalla curiosa storia

Grazzano Visconti è un borgo in stile trecentesco voluto dal conte Giuseppe Visconti e costruito agli inizi del Novecento attorno al suo castello di famiglia.

Questo piccolo borgo per la particolarità della sua storia e la cura con cui è stato costruito per cui nessun dettaglio è stato lasciato al caso può essere, sicuramente, considerato uno dei posti magici dell'Emilia Romagna.

Non appena giunti in questo borgo ci si ritrova, infatti, catapultati in un'altra epoca fatta di case in mattoni con ampi portici, botteghe artigiane, un'incantevole chiesetta, scuderie e un palazzo comunale con loggia e torre.

  • Come raggiungere Grazzano Visconti: tramite A1 o A21 prendere l'uscita Piacenza Sud, seguire le indicazioni per “Stadio” sino alla fine della tangenziale, poi imboccare la SP 654 in direzione Valnure-Bettola-Grazzano Visconti. Il villaggio è completamente chiuso al traffico e bisogna parcheggiare in uno dei due grandi parcheggi costruiti ai suoi ingressi.
  • Dove mangiare a Grazzano Visconti: La Taverna del Castello, Via Anna Visconti 8, una location dal sapore medioevale dove gustare piatti tipici piacentini tra mura decorate con stemmi e balestre.

Grazzano ViscontiHDiStockphoto
Uno scorcio di Grazzano Visconti.

3 - Fontanellato, il borgo delle acque

Fontanellato è un borgo dell'Emilia Romagna che vanta il riconoscimento di Bandiera Arancione del Touring Club Italiano per la sua offerta turistica eccellente e l'ottima capacità ricettiva.

Il nome del borgo deriva dall'abbondanza delle acque sotterranee di questa zona, l'attrazione imperdibile di Fontanellato è, infatti, la suggestiva Rocca Sanvitale circondata da un ampio fossato colmo d'acqua.

  • Come raggiungere Fontanellato: prendere l'A1 uscendo a Parma Ovest e poi seguire le indicazioni.
  • Dove mangiare a Fontanellato: Trattoria al Teatro in Via Giuseppe Verdi al 5, un locale storico sito nel centro del paese che propone un ampio menù di piatti tipici parmensi.
FontanellatoHDiStockphoto
La maestosa Rocca Sanvitale di Fontanellato.

4 - Brisighella, scorci mozzafiato sulla campagna

Il borgo di Brisighella si trova all'interno del Parco Regionale della Vena del Gesso che si estende nell'entroterra romagnolo tra Imola e Faenza.

Questo antico paesino medioevale ha ottenuto la Bandiera Arancione dal Touring Club Italiano per la sua pittoresca bellezza data da un dedalo di viuzze acciottolate, tratti di cinta muraria, scale di gesso e l'antichissima “Via degli Asini” che offriva ricovero agli asini dei birocciai, i commercianti dell'epoca.

  • Come raggiungere Brisighella: percorrendo l'A1 uscire a Faenza o Imola, prendere poi la SS 9 Emilia / Statale 302 in direzione Firenze o la SS 3 bis 71-309 Internazionale E/45 e seguire le indicazioni per Brisighella.
  • Dove mangiare a Brisighella: Stryx in Piazza Giuseppe Marconi 11, un piccolo e raffinato ristorante dove assaggiare una cucina creativa che mescola tradizione romagnola, fiori e piante officinali.

BrisighellaHDiStockphoto
Una delle due torri di Brisighella che dominano il borgo dall'alto.

5 - Dozza, a passeggio tra i murales

Il borgo medioevale di Dozza si trova vicino a Imola ed è arroccato sul crinale della collina che domina la valle del fiume Sellustra.

Dozza è riconosciuto come uno dei borghi più belli dell'Emilia Romagna in quanto è un museo a cielo aperto, sui muri delle sue case artisti di fama nazionale e internazionale hanno dipinto incredibili murales tutti da ammirare.

Durante, una gita a Dozza è, inoltre, imperdibile una visita alla Torre Maggiore e alla Torre Minore, dalle quali si gode una meravigliosa vista panoramica sul borgo e sulla campagna circostante.

  • Come raggiungere Dozza: prendere l'A14 e uscire a Castel San Pietro Terme, se si proviene da nord, o a Imola, se si proviene da sud. Successivamente percorrere la Via Emilia fino al bivio per Dozza.
  • Dove mangiare a Dozza: La Scuderia in Via XX Settembre 53, un caratteristico ristorante ricavato dalle ex scuderie della Rocca Sforzesca dove assaggiare piatti tipici.

DozzaHDiStockphoto
Una delle caratteristiche viuzze di Dozza.

Vota anche tu!

Quale tra i borghi più belli dell'Emilia Romagna vorresti visitare?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.