Stai leggendo: Jason Momoa: 11 curiosità che (forse) non sapevate di lui

Letto: {{progress}}

Jason Momoa: 11 curiosità che (forse) non sapevate di lui

Sapevate come Jason Momoa si è procurato l’inconfondibile cicatrice sull’occhio sinistro? O quale sia il significato del nome del figlio? Ecco le risposte a queste e molte altre curiosità sul divo di Aquaman.

Jason Momoa nei panni di Khal Drogo HBO

2 condivisioni 0 commenti

Il nome Jason Momoa evoca immancabilmente l’immagine di Khal Drogo: l’attore americano è diventato un volto familiare grazie alla serie Il trono di spade, che l’ha consacrato come sex symbol a livello mondiale.

Ma Jason Momoa non è solo un uomo bellissimo, e in occasione del suo compleanno, il 1° agosto, vi raccontiamo qualcosa in più dell’attore che presto tornerà al cinema nei panni di Aquaman. Sapete ad esempio come ha conosciuto la moglie, Lisa Bonet? O come si sia procurato quell’inconfondibile cicatrice sul sopracciglio sinistro?

Ecco alcune curiosità su Jason Momoa.

1 - Jason e le Hawaii

Si dice spesso che Jason Momoa sia hawaiiano, e benché questo sia tecnicamente vero, è una verità che va ridimensionata. L’attore infatti, figlio di un pittore hawaiano e di una fotografa di origini tedesche, irlandesi e indiane (dei nativi d’America), è effettivamente nato ad Honolulu, ma è stato cresciuto dalla madre nell’Iowa. Solo molti anni dopo, durante l’università, ha deciso di riprendere contatti col padre Joseph, e dunque con la sua terra, che è diventata parte integrante della sua identità.

2 - Come ha conosciuto la moglie Lisa

Jason Momoa e Lisa BonetHDGetty Images

Jason e l’attrice Lisa Bonet si sono sposati nel 2007, ed insieme hanno auvuto due figli. Parlando con Katie Couric nel 2014, Momoa ha raccontato l’incontro con la futura ,oglie così: “Non sapeva che fossi uno stalker, ma lo ero”. L’attore infatti aveva una cotta per la donna fin da quando lei era una star del The Cosby Show negli anni ‘80. “Era la prima volta che dissi ‘Voglio quella lì, voglio lei. Me la prenderò”. Ecco perché quando l’ha consosciuta per lui sono stati “fuochi d’artificio”.

Lei mi disse ‘Ciao, sono Lisa’... dentro di me ero come una ragazzina, e ho cercato di darmi un contegno. Ora, dopo anni, ancora mi fa sentire timido.

3 - Il significato del nome del figlio

Emmet @prattprattpratt we love you #sdcc #legofolife aloha j

A post shared by Jason Momoa (@prideofgypsies) on

I figli di Jason Momoa e Lisa Bonet si chiamano Lola Iolani Momoa (11 anni) e Nakoa-Wolf Manakauapo Namakaeha Momoa (9 anni). Il significato di quest’ultimo è stato svelato dalla nonna Coni: Nakoa significa “guerriero”, Mana è “la forza, lo spirito”, Kaua significa “pioggia” mentre Po significa “scuro” (con riferimento al cielo nel giorno della nascita del bambino). Jason ed il figlio,inoltre, hanno lo stesso secondo nome, Namakaeha.

4 - Lui e Zoë Kravitz

Lisa Bonet ha un’altra figlia, Zoë, avuta dal matrimonio con la rockstar Lenny Kravitz e che è diventata a sua volta una star del cinema. La star di Big Little Lies ha raccontato che i rapporti tra il padre ed il patrigno sono ottimi, e ciascuno dei due uomini nutre profondo affetto per i figli dell’altro: “È una cosa bellissima”. Zoë e Jason hanno un legame molto stretto e spesso sui social vediamo foto -spesso condivise da loro stessi - che lo testimoniano, rivelando anche che usano tra di loro nomignoli affettuosi: lui è Papabear, lei Zozo. I due hanno anche un tatuaggio in comune!

5 - Baywatch: odi et amo

Il primo ruolo di Jason Momoa è stato in TV per la serie Baywatch, nella quale ha recitato per due anni la parte di Jason Ioane (ripreso anche nel film Baywatch - Matrimonio alle Hawaii del 2003). Questo ingaggio gli ha portato la prima ventata di fama, gli ha fatto capire che non avrebbe mai voluto fare altro nella vita, ma lo ha anche penalizzato. In un’intervista, infatti, disse: “Per colpa di Baywatch, la gente pensa che non sappia recitare. Quando ero stato scelto per Conan, la gente diceva: ‘Ma che avete assunto il tipo di Baywatch?’.Nessuno mi prendeva sul serio”. Ma l’attore non si è fatto scoraggiare.

Quindi sono andato a scuola, ho studiato recitazione, ho viaggiato per il mondo e finalmente ho cominciato a vedere i frutti.

6 - Si è fatto dare un pugno per il ruolo di Conan

A proposito di Conan The Barbarian: per provare al mondo di essere il tipo rude giusto, Momoa ha pensato di rovinare un po’ gli incredibili attributi che Madre Natura gli ha elargito, ed ha chiesto ad un amico di dargli un pugno in faccia. Raccontando l’episodio al Chicago Sun-Times, l’attore ha ricordato come l’amico in questione non se lo sia fatto ripetere due volte.

7 - Non solo un bel fisico

Tell me i need this 55 knotty Gretch BOOM I need to work harder

A post shared by Jason Momoa (@prideofgypsies) on

Nonostante la bellezza di Jason Momoa sia notevolissima, l’attore non è solo un gran bel tipo. Ha studiato biologia marina e zoologia in Iowa e Colorado, ha affinato le sue abilità di pittore a Parigi, si è interessato seriamente al buddismo dopo un viaggio in Tibet e si dedica anche alla musica: sa suonare la chitarra, la batteria e sta studiando piano con la figlia.

8 - Le scene di sesso con Daenerys

Non c’è dubbio che se l’immagine di Khal Drogo è rimasta così marchiata nelle menti di tanti spettatori, sia anche per la fortissima carica erotica del suo personaggio, espressa in diverse scene esplicite con Daenerys Targaryen (Emilia Clarke). L’attore, però, ha rivelato che girare quelle sequenza è stata la cosa più difficile del lavoro sul set de Il trono di spade.

Devi separare te stesso da quello che fai.

Ed ha raccontato anche che dopo le scene più brutali si trovava a cercare di compensare l’esperienza con ogni accortezza: “Un sacco di baci e di ‘mi dispiace’, dopo ogni volta”.

9 - È un amante degli sport estremi

Chi lo segue sui social lo saprà: Momoa ama gli sport adrenalinici, con particolare predilezione per l’arrampicata ed il surf, che cerca di praticare ad ogni occasione disponibile. Pare che anzi, la presenza di montagne tentatrici in Colorado sia stata la ragione per cui non riusciva a concentrarsi a dovere sui libri di università, che mollava spesso per darsi al climbing o allo snowboard.

Quando poi nel 1998 ha visto il film di surf In God’s Hands, ha sviluppato una passione enorme per questo sport, alimentata ancora di più dalla scelta di riprendere i rapporti col padre hawaiiano e con i familiari, tra cui alcuni surfisti famosissimi.

10 - La storia dell'inconfondibile cicatrice

Who drank all my Guinness???

A post shared by Jason Momoa (@prideofgypsies) on

Uno dei tratti somatici più evidenti del volto di Momoa è la cicatrice che solca il suo sopracciglio sinistro, dovuta ad un incidente pericoloso avvenuto nel 2008. L’attore si trovava in un bar a Los Angeles e durante quello che descrive come “una sorta di rito di iniziazione ad una gang”, un avventore ha infranto una pinta di vetro sul volto.

“Mi hanno messo qualcosa come 140 punti sul viso. È stato d’aiuto per essere ingaggiato in quei ruoli truci”. Il 21enne responsabile dell’aggressione si dichiarò innocente, all’epoca.

11 - È anche produttore e regista

Se vi stavate ancora chiedendo perché il suo username su Instagram sia “Prideofgypsies”, sappiate che si tratta del nome della sua compagnia di produzione, fondata nel 2010 con l’intento di sostenere tutti gli artisti e filmmakers che abbiano una storia da raccontare. Nel 2014, inoltre, Momoa si è cimentato nella regia di un film, Road To Paloma, scritto ed interpretato da lui stesso, e soprattutto realizzato tra amici, in condizioni ben lontane dalle produzioni milionarie cui ora è abituato. Altro exploit da regista è un cortometraggio realizzato per il brand Carhartt in cui Momoa descrive la sua vita ed il modo in cui il fondamentale rapporto con la natura influenzi il modo di educare i suoi stessi figli.

Tanti auguri a Jason Momoa!

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.