Stai leggendo: Mamma Mia 2: tutto quello che c'è da sapere sui camei degli ABBA

Letto: {{progress}}

Mamma Mia 2: tutto quello che c'è da sapere sui camei degli ABBA

Come nel primo film, anche in Mamma Mia: ci risiamo! i due componenti maschili della band svedese ABBA compaiono velocemente nel film, in due piccoli camei.

I membri degli ABBA Björn Ulvaeus e Benny Andersson Getty Images

1 condivisione 0 commenti

Mamma Mia: ci risiamo! sta per riportare sul grande schermo le avventure di Donna, Sophie, Sky, e tutti gli altri colorati personaggi i cui destini si erano incrociati nell’immaginaria isola greca di Kalokairi. Tra loro, ci sono anche i due componenti degli ABBA Björn Ulvaeus e Benny Andersson.

Infatti, i musicisti svedesi le cui canzoni sono la colonna portante di questi film, avranno due camei nel sequel, proprio come era successo dieci anni fa, quando Andersson era apparso nel numero di Dancing Queen suonando il pianoforte su un pontile, ed Ulvaeus si era divertito ad interpretare un dio greco nel mezzo di Waterloo, sui titoli di coda.

Quest’anno, oltre all’impegno dietro le quinte, per cui hanno riscritto alcune parole delle loro hit famosissime e supervisionato la registrazione della colonna sonora, li vedremo anche in due scene del film: Björn Ulvaeus interpreta un compassato professore di Oxford nella canzone d’apertura (“When I Kissed the Teacher”), mentre Andersson suona nuovamente un pianoforte, stavolta in un cafè di Parigi, sulle note di Waterloo.

Il regista Ol Parker ha detto che l’esperienza di girare i camei è stata molto diversa, per il tempo che hanno richiesto. Nonostante infatti entrambi siano stati “enormemente generosi e disposti ad aiutare”, secondo Parker Ulvaeus si è rapidamente annoiato nei due giorni di riprese:

Björn era stupefatto dalla quantità di tempo necessaria, e dalla noia del processo.

Il regista ha poi continuato: “È sempre complicato quando qualcuno che non è abituato a questo mondo si offre volontario come comparsa e tu vorresti dirgli ‘Guarda, dovrai stare un sacco seduto ad aspettare’”. Per l’altro musicista, invece, le cose sono andate molto meglio: “È stato facile per Benny in Waterloo, stava seduto al pianoforte e l’abbiamo inquadrato brevemente. Ma Bjorn è dovuto rimanere per due giorni, seduto a reagire a Lily James, cosa che secondo me non avea considerato”.

Ad ogni modo, Parker è comunque entusiasta del risultato, che include una sequenza in cui Bjorn Ulvaeus danza con un boa di piume di struzzo che purtroppo è finito nelle scene tagliate. “È stato grandioso. L’ha adorato. Ero un po’ preoccupato dall’idea di far fare un cameo ad una celebrità a tre minuti dall’inizio del film. Sembrava una cosa un po’ arrogante. Ma era la cornice perfetta per lui, ed è stato molto divertente”.

L’apparizione di Andersson è più in linea con il suo ruolo di autore delle canzoni, e per l’attore che è il principale cantante del numero Waterloo, Hugh Skinner (colui che interpreta la versione giovane del personaggio di Colin Firth), è stata un’esperienza divertente ma anche snervante: “Se quella fosse stata la prima volta che lo incontravo, probabilmente sarei crollato, ma ci eravamo incontrati nello studio di registrazione”

Una cosa straordinaria, cantare canzoni degli ABBA ad uno degli ABBA.

Skinner ha proseguito: “Ovviamente è un genio totale ed un autore fenomenale. Ha scritto tutte queste canzoni senza tempo, ma soprattutto - ed è quasi fastidioso - è una persona incredibilmente adorabile e gentile e generosa, il che rende il tutto ancora più spaventoso, perché non vuoi deluderlo”.  Il direttore della fotografia Robert D. Yeoman racconta poi che Andersson si è divertito moltissimo, se non di più, nelle pause tra un ciak e l’altro: “Eravamo pronti a girare e lui stava seduto al piano”

È un tipo birichino ed ha cominciato a suonare Rule Britannia perché la troupe era tutta inglese. Gli si sono fatti tutti attorno ed hanno cominciato a cantare.

Ed ha continuato: “Tutti ridevano e si divertivano un mondo. È stata una delle cose che succedono sul set che la rendono un’esperienza indimenticabile, davvero magica”.

Björn Ulvaeus e Benny Andersson alla premiere di Mamma Mia: Here We Go AgainHDGetty Images

Ora avete tutte le coordinate per avvistare gli ABBA nel film: impazienti di tuffarvi al cinema?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.