Stai leggendo: Cortisolo: l'ormone dello stress e come abbassarne i livelli

Letto: {{progress}}

Cortisolo: l'ormone dello stress e come abbassarne i livelli

I livelli di cortisolo, conosciuto come ormone dello stress, si possono abbassare adottando alcune buone abitudini e rimedi quotidiani, che permettono di vivere meglio e in salute.

Donna con livelli alti di cortisolo Pixabay

2 condivisioni 0 commenti

Il cortisolo è conosciuto come l'ormone dello stress perché se i suoi livelli sono troppo elevati, alterazione che può verificarsi in periodi di particolare tensione, può influire negativamente sullo stato psicofisico.

Secreto dalle ghiandole surrenali, sintetizzato tramite l'ormone ACTH o adenocrorticotropo, il cortisolo normalmente adibisce a funzioni come la regolazione del metabolismo, la diminuzione di eventuali infiammazioni, il controllo dei livelli di zucchero nel sangue. É quindi importantissimo purché mantenuto entro certi livelli.

Un suo scompenso ha infatti conseguenze negative a 360 gradi: oltre allo stress che ne risulta peggiorato, può portare un aumento dei valori glicemici, un abbassamento delle difese immunitarie e persino il blocco della risposta infiammatoria. Di seguito il sommario di tutto ciò che c'è da sapere sul cortisolo, l'ormone dello stress e su come abbassarne i livelli in caso di necessità:

Cortisolo: cos'è

Lo stress aumenta i livelli di cortisoloHDPixabay

Il cortisolo è un ormone steroideo secreto dalle ghiandole surrenali, sintetizzato tramite l'ormone ACTH, che viene prodotto dall'ipofisi. Esso svolge nell'organismo numerose funzioni:

  • mantiene sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue
  • regola il metabolismo
  • controlla i valori della pressione arteriosa
  • controlla il bilancio idrico ed elettrolitico
  • favorisce la memoria
  • contribuisce allo sviluppo regolare del feto in gravidanza
  • aiuta a diminuire eventuali infiammazioni

Nonostante sia fondamentale per il corretto funzionamento dell'organismo, in alcune circostanze può aumentare eccessivamente, creando diversi problemi come:

  • aumento dei valori glicemici
  • abbassamento delle difese immunitarie
  • blocco della risposta infiammatoria.

Succede soprattutto in condizioni di particolare stress o in seguito a sforzi fisici prolungati, e per questo viene anche chiamato ormone dello stress. Per verificare che il suo livello sia nella norma, è possibile effettuare un controllo delle urine o del cortisolo salivare o meglio ancora un prelievo del sangue, tenendo presente che normalmente i suoi valori sono più elevati al mattino presto e più bassi la sera tardi.

In via generale i valori normali in un campione di sangue sono i seguenti, dove mcg sta per microgrammi per decilitro:

  • 7-25 mcg/dL al mattino
  • 2-14 mcg/dL al pomeriggio

Cortisolo e stress femminile

Il cortisolo alto dipende dallo stress femminileHDPixabay

Nelle donne sottoposte a condizioni di vita stressanti spesso il cortisolo è in eccesso perché, come premesso, i suoi valori aumentano nelle persone che si sentono particolarmente tese. Lo stress può dipendere da vari fattori, dalla frenesia della vita quotidiana alla tensione accumulata in seguito a una malattia o a un trauma.

In questi casi, per farlo tornare ai livelli standard è importante modificare in primis alcune cattive abitudini, dal consumo eccessivo di caffeina alla sedentarietà, che peggiorano il problema. Altri accorgimenti per abbassare il cortisolo sono i seguenti:

  • dormire di più e meglio
  • rilassarsi con tecniche ad hoc come la meditazione o lo yoga
  • praticare attività fisica regolare, basta anche una passeggiata al giorno, purché la si esegua con costanza.

Cortisolo: sintomi

I principali sintomi dovuti al cortisolo altoHDPixabay

Quando i livelli di cortisolo sono elevati possono presentarsi alcuni sintomi quali:

  • ipertensione
  • debolezza muscolare
  • edema
  • irsutismo
  • amenorrea dovuta allo stress
  • osteoporosi
  • fratture 
  • fragilità a livello capillare
  • senso di fatica generalizzato
  • cefalea
  • difficoltà a cicatrizzare ferite
  • vertigini
  • apatia e senso di stanchezza
  • perdita di peso
  • iperglicemia
  • irritabilità
  • pressione bassa

Tutti questi sintomi possono essere facilmente confusi con quelli di altri disturbi e per questo è sempre opportuno eseguire esami del sangue in grado di rilevare con certezza livelli alterati di cortisolo. In ogni caso, se doveste riscontrarne la comparsa, è consigliabile rivolgersi subito al medico curante, che potrà eseguire una diagnosi più sicura.

Cortisolo: come abbassarlo

Metodi e buone abitudini per abbassare il cortisoloHDPixabay

In caso di livelli alterati di cortisolo, gli esperti consigliano di adottare alcune buone abitudini e rimedi "naturali", modificando in primis l'alimentazione. L'attività fisica è altrettanto importante perché la sedentarietà peggiora il problema, ma non bisogna nemmeno esagerare.

Altro aspetto fondamentale è il sonno, che dovrebbe prevedere ogni notte almeno 8 ore di riposo, evitando se possibile l'inversione dei cicli diurni. Meglio quindi andare a letto un po' prima di sera e svegliarsi al mattino presto, rispettando così i ritmi biologici.

Anche l'acqua è importante e chi soffre di cortisolo alto dovrebbe berne in quantità, almeno due litri al giorno, in modo da eliminare più rapidamente eventuali tossine. Come detto in precedenza, lo stress è una delle principali cause di alterazione nei livelli di cortisolo e pertanto, per abbassarlo, bisogna intervenire anche in tal senso, riducendo per esempio le ore di lavoro o evitando ritmi troppo frenetici.

Tecniche di rilassamento come lo yoga e la meditazione possono tornare utili per ritrovare il benessere psicofisico. Se necessario, su prescrizione medica, si può anche ricorrere a specifici farmaci in grado di regolarizzare i livelli dell'ormone nel corpo.

Cortisolo alto: dieta

La dieta è molto importante se soffrite di cortisolo alto e richiede l'introduzione o l'eliminazione di alcuni cibi. Innanzitutto vanno privilegiati gli alimenti a basso indice glicemico ed è opportuno fare più pasti, almeno 5, durante il giorno privilegiando verdure e frutta fresche, legumi e cereali integrali. Importante anche l'acqua, da bere in quantità durante tutta la giornata. 

Si consiglia di integrare nella dieta alcune sostanze utilissime per modulare il cortisolo fra cui si annoverano:

  • fosfatidilserina
  • omega3
  • vitamina C
  • rhodiola rosea
  • ginko biloba
  • tirosina
  • teanina
  • ginseng
  • estratto di radice di withania sonnifera

Da eliminare sono invece la caffeina e sostanze simili, in grado di stimolare il sistema nervoso centrale andando ad influire sulla produzione dell'ormone. Anche il consumo di alcol dev'essere drasticamente ridotto.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.