Stai leggendo: Le principesse Disney: punti di forza e debolezza di tutte

Letto: {{progress}}

Le principesse Disney: punti di forza e debolezza di tutte

Dopo averle rivalutate in chiave #Metoo, le principesse Disney sono pronte a sottoporsi ad un'ultima valutazione, quella che riassume i loro pregi e difetti. Chi sarà la vostra preferita?

Da Ralph Spacca Internet: le Principesse Disney Ralph spacca internet, Disney

3 condivisioni 0 commenti

Alla riflessione su chi fosse la principessa più rappresentativa in quest’era post #Metoo, è sopraggiunta l’ironia grazie ad una clip dal film Ralph spacca internet (al cinema dal 22 novembre 2018), dove le principesse ironizzano su tutti i difetti a loro affibbiati negli anni, dal complesso di Cenerentola alla sindrome di Stoccolma di cui teoricamente soffrirebbe la francese Belle.

Cosa rimane? la piena accettazione di queste eroine per ciò che sono ed hanno rappresentato ed una lista finale dei loro pregi e difetti per imparare ad amarle sempre e comunque e scegliere la nostra preferita.

Ecco le schede e la classifica delle principesse Disney a seconda di pregi e difetti.

Biancaneve - Biancaneve e i sette nani, 1937

Biancaneve e i Sette Nani HDWalt Disney Pictures
Biancaneve e i Sette Nani

È sempre stata tra le principesse meno amate, almeno nella sua versione originaria del 1937, perché considerata come la più indifesa di tutte, la più vittima di tutte. Non è colpa sua se è la più bella del reame e la sua matrigna, la gelosa regina Grimilde, la vuole uccidere per questo. In fondo è finita a lavorare come sguattera dopo che suo padre, il Re, è morto. L'ingenuità è il suo più grande difetto ma è anche il suo più grande pregio. Biancaneve dà infatti fiducia a tutti, agisce e pensa in buona fede.

Per questo rischierà di morire due volte per mano di quella strega della sua matrigna ma troverà anche degli amici fedeli, il cacciatore le risparmierà la vita e un principe si innamorerà di lei, del suo candore, della sua voce e della sua gentilezza e la salverà dal sonno eterno causato dal veleno.

Molto più bad ass le versioni live action non Disney che hanno portato sul grande schermo Biancaneve in carne ed ossa. A dare un volto alla candida eroina, Lily Collins prima e Kristen Stewart poi, sempre nel 2012. Seppur senza il benestare Disney, le due hanno tentato di dare più intraprendenza ed irriverenza alla bella Snowwhite ma con scarsi risultati. Biancaneve, nel nostro immaginario, continua a rimanere l’ingenua e bellissima Principessa che ha dato il via a tutte le altre. Prendere o lasciare.

  • Difetti: Ingenua ai limiti dell’intollerabile
  • Pregi: Capelli neri come l’ebano, bocca rossa come una rosa e la carnagione bianca come la neve. Bontà incondizionata

Cenerentola, 1950

CinderellaHDWalt Disney Pictures
Cenerentola

Come Aurora, anche Cenerentola alimenta una bella serie di stereotipi ma i suoi difetti sono più che perdonabili se le si affiancano i numerosi pregi. Innanzitutto come nel caso di Biancaneve, non è colpa sua se suo padre ha fatto la scelta di risposarsi superficialmente e dettata dalla necessità di non rimanere solo. Lady Tremaine magari all'inizio poteva sembrare una buona scelta. Le sue due figlie sarebbero potute essere due brave sorelle per Cenerentola. Non è andata così ma non si può incolpare la bella principessa bionda che può insegnarci una buona serie di lezioni.

La prima è sicuramente quella del perdono, elemento non passato inosservato nel live action Disney del 2015 diretto da Kenneth Brannagh con Lily James nei panni di Cenerentola. Quando la sua vita finalmente sta prendendo la piega desiderata la bella e gentile ragazza perdona la matrigna e le sue sorellastre per tutto il male fattole pur mandandole in esilio fuori dal regno. In più a differenza di molte donne ed anche uomini, "Cenerella" parla con gli animali e si trova piuttosto bene in compagnia di topini ed anche ratti. Coraggiosa no?

  • Difetti: Eccessivamente educata e sottomessa, troppa fiducia nel prossimo
  • Pregi: Ideale di positività, parla con gli animali e i sogni son desideri 

Aurora - La Bella Addormentata nel bosco, 1959

Elle Fanning - Aurora in MaleficentHDWalt Disney Pictures
Maleficent - Elle Fanning

Siamo quasi riusciti a dimenticarci dei pregi di Aurora ormai persi all’interno di discorsi sul fatto che riguardando il film al giorno d’oggi, il bacio che risveglia dall’eterno riposo arrivi senza il consenso di Aurora e quindi alimenti la cultura dello stupro, la rape culture. Ora, esagerazioni a parte, non si può negare che la povera Aurora sia rimasta una fanciulla allegra e gioviale nonostante per ben 16 anni tutti le abbiano negato la sua vera identità ed il pericolo che ci cela nel suo destino. Il difetto di Aurora è che non riesce ad evitare neanche una delle maledizioni a lei riservate? la risposta è sì. Ha avuto abbastanza tempo per rendersi conto di chi è e quale sia la cosa giusta da fare? no. Quindi scagli la prima pietra chi si sente di biasimarla totalmente. Al pregio di essere bella, bionda e ammaliatrice dalla voce soave, l’elemento pulzella in pericolo è un po’ troppo preponderante ma perdonabile.

In soccorso alla versione classica Disney della bella principessa narcolettica, è arrivato Maleficent, live action incentrato sulla strega Malefica, interpretata da Angelina Jolie che apre uno spiraglio sul perché delle azioni della cattiva dalla maledizione facile e dona anche spazio per rivedere Aurora sotto una luce diversa. Una ragazza dolce, tenera e dal cuore sempre disposto ad amare chiunque, anche una fata dalle ali spezzate. Il sequel di Maleficent lo stanno girando in questi giorni, quindi chissà che altro scopriremo presto sulla principessa che dormiva troppo.

  • Difetti: Narcolettica, impulsiva
  • Pregi: Voce suadente, morbidi capelli biondi, empatia

Ariel - La Sirenetta 1989

Ariel , La SirenettaHDWalt Disney Pictures
La Sirenetta

Forse non tutti sanno o hanno calcolato bene i tempi per capire quanto Ariel sia stata importante per l’affermazione delle eroine Disney e di tutto il franchise delle principesse. Dopo Cenerentola si sono susseguiti film Disney in cui le donne e soprattutto le principesse erano assenti. Parliamo di ben 30 anni di distanza da La Bella Addormentata. Grazie a La Sirenetta, le principesse entrano nuovamente nell'immaginario di bambini ed adulti e danno vita ad una lenta ma sicura emancipazione. Oltre a questo indiretto pregio di Ariel, la ragazza ne ha tanti altri.

Il primo fra tutti è ciò che la rende la capostipite di un diverso modo di guardare alle protagoniste dei cartoni e non solo. Ariel è la prima a prendere decisioni per se stessa senza preoccuparsi delle conseguenze. Per questo, per amore di Eric, mette nei guai tutti e rischia di condannare suo padre e non solo ad una vita da larva, prigioniero della strega del mare Ursula. Non le si può certo dire che sia stata con le mani in mano. Un difetto? Tra i tanti, oltre ad agire impulsivamente e senza freni, c’è l’incapacità, essendo senza voce, di trovare almeno una penna per comunicare con Eric. Ma il film allora sarebbe finito subito e che gusto ci sarebbe stato?

Di live action se n’è parlato tanto e l'ultima notizia, dopo l'abbandono di Chloë Grace Moretz da protagonista, risale a dicembre con una semiconferma che a dirigerlo ci sarebbe pronto Rob Marshall. È lui infatti il regista anche del sequel di Mary Poppins con Emily Blunt nel ruolo della famosa tata: Il Ritorno di Mary Poppins.

  • Difetti: Spericolata, immatura, ribelle, impulsiva
  • Pregi: Irriverente, coraggiosa, autonoma, voce magnifica

Belle - La Bella e La Bestia, 1991

La Bella e La BestiaHDWalt Disney Pictures
Belle

Sono troppi i pregi di Belle per ridurla semplicemente ad una donzella affetta da sindrome di Stoccolma. Fin dalla sua prima apparizione nel cartone, Belle si distingue dalle altre principesse Disney per quella voglia innata di distaccarsi da ogni cammino prestabilito ci si aspetti da lei. Non vuole vivere in quel paesino, preferisce la lettura e l'avventura ad una vita subordinata a marito e figli. La prepotenza e il maschilismo di Gaston non la attirano per nulla, segno che non è questo il tipo di uomo che vuole accanto a sé. Belle ha spirito di ribellione e per amore è pronta a sacrificarsi ed a combattere, lo fa sia per suo padre quando accetta di diventare lei prigioniera della Bestia sia quando corre a proteggere il suo principe bestiale dall’attacco degli invasati cittadini del paese. Altro che Sindrome di Stoccolma, Belle semplicemente riesce a guardare oltre l’apparenza e l’aspetto fisico e dare sempre una seconda possibiità a chiunque gliela chieda.

Il live action del 2017 con Emma Watson, riproducendo fedelmente la versione animata, rafforza le positività di Belle e del film già elencate conferendogli un tocco di realtà e realismo in più grazie a scene aggiuntive chiarificatrici che fanno da raccordo. 

  • Difetti: Leggermente snob
  • Pregi: Pre-nerd, intellettuale, avventurosa

Jasmine - Aladdin, 1992

L’unica principessa Disney a non essere protagonista del proprio film, Jasmine ha come pregio fondamentale proprio quello di attirare su di sé l'attenzione dello spettatore con il suo modo di essere controcorrente e combattiva nei confronti della tradizione che la vorrebbe sottomessa al volere del proprio padre, il sultano, e sposa di un qualsiasi subdolo nobile arrivista. Non dimentichiamo che Jasmine scappa dal palazzo, incontra un ladruncolo come Aladdin, se ne innamora ed alla fine riesce anche a far cambiare le regole a corte per sposarlo. Che cosa le si può chiedere di più?

  • Difetti: Ribelle e testarda
  • Pregi: ... ribelle e testarda!

Pocahontas, 1995

È l’eroina Disney che si basa su un personaggio realmente esistito e questo le da qualche responsabilità in più a causa di una rappresentazione un po’ troppo patinata e poco attenta del colonialismo che l’ha sicuramente penalizzata. Pocahontas però, oltre ad essere spiritualmente in sintonia con la natura e a mettere il bene del suo popolo avanti ai suoi desideri ed interessi personali, è anche la prima principessa ad avere più di un interesse amoroso (la prossima sarà Anna, la sorella di Elsa). Oltre al capitano John Smith, nel sequel del film, uscito solo in Home Video, per la bella principessa ci sarà il marinaio John Rolfe.

  • Difetti: Non rappresenta del tutto il personaggio storico che vorrebbe narrare
  • Pregi: Leader ed eroina naturale

Mulan, 1998

Mulan - GuerrieroHDWalt Disney Pictures
Mulan

Le è ormai riconosciuto universalmente, Mulan ha dimostrato, combattendo da uomo e meglio di un uomo, che si può amare, essere donna e salvare anche la Cina se solo lo si desidera e che non vi è barriera di genere che possa definire veramente il nostro carattere.

Questo personaggio Disney è perfetto in questo momento post #Metoo in cui servono sempre più esempi di eroine trasversali, capaci di rappresentare ogni donna ed è per questo che il live action è ormai in lavorazione e Mulan avrà il volto e le fattezze dell’attrice, cantante e modella americana di origine cinese Liu Yifei anche conosciuta con il nome d’arte di Crystal Liu.

  • Difetti: Imprudente, le piacciono i palestrati come Li Shang, il classico omaccione dal fisico a imbuto
  • Pregi: Coraggiosa, combattente, eroina del popolo

Tiana - La principessa e il ranocchio, 2009

Tiana, La Principessa e il ranocchioHDWalt Disney Pictures
Tiana

Simbolo di determinazione e duro lavoro per ottenere un risultato, Tiana rappresenta una svolta nella famosa frase di Cenerentola “i sogni son desideri”. Il suo è quello di aprire il ristorante che suo padre desiderava tanto e per farlo non si perde mai d’animo e lotta tra incantesimi e trasformazioni in rospo per realizzarlo. In più, l’insegnamento più grande che porta con sé la storia della bella Tiana di New Orleans è che bisogna essere attive e fattive nel cercare di realizzare i propri sogni, senza cercare l’aiuto di un principe azzurro.

  • Difetti: Non lascia mai spazio ai sogni poco concreti
  • Pregi: Determinazione, caparbietà, eroina della working-class

Rapunzel - Rapunzel - L'intreccio della torre, 2010

Rapunzel e L'intreccio della torreHDWalt Disney Pictures
Rapunzel e L'intreccio della torre

Nel trailer di Ralph spacca internet, è lei a pronunciare la fatidica frase: “Pensano tutti che i tuoi problemi siano spariti perché è spuntato un uomo alto e possente?". Non possiamo biasimarla, la storia di Raperonzolo è da sempre la quintessenza della sindrome da Principe Azzurro, un uomo la salva dalla prigionia nella torre e la rende libera.

Bisogna ricordare che però Rapunzel si riscatta presto da questo stereotipo e una volta scoperto il mondo, se ne appropria pian piano fino a diventare una coraggiosa e determinata brunetta dai capelli corti. Insegnamento? Si può partire da una situazione di disparità apparente: ladro/prigioniera, fanciulla in pericolo/uomo alto e possente ma con la condivisione di un’avventura o un obiettivo si può arrivare alla parità ed a una unione degna di nota.

  • Difetti: Si confronta con gli uomini e risolve i problemi a suon di padellate
  • Pregi: Adattabilità, pazienza, coraggio, le donano i capelli biondi e anche quelli castani

Merida - Ribelle - The Brave, 2012

MeridaHDWalt Disney Pictures
Merida _Brave

Ci ha messo un po’ per essere riconosciuta come una principessa Disney, visto che nasce come appartenente alla più adulta Pixar ma la ribelle per eccellenza, Merida, alla fine l’ha spuntata. C’è chi l’ha definita una Ariel con le gambe e l’accento scozzese. Con La Sirenetta condivide i capelli rossi (quelli di Merida sono, però, come lei, indomabili) e uno spiccato senso di indipendenza che la porta a rompere qualsiasi catena con tutto ciò che la società impone, soprattutto ad una nobildonna.

A differenza di Ariel però, Merida non ha nessun uomo a distrarla, solo il suo desiderio di rompere ogni schema. Per fare questo si contrapporrà alla madre e dovrà anche assumersi la responsabilità delle proprie azioni, scontandone le conseguenze sulla propria pelle.

  • Difetti: Capelli indomabili, cocciutagine e iperattività
  • Pregi: Forza, abilità nel tiro con l'arco degno di Katniss Everdeen di Hunger Games, Legolas di Il Signore Degli Anelli ed il cugino Disney Robin Hood

Anna - Frozen - Il regno di ghiaccio, 2013

FrozenHDWalt Disney Pictures
Anna - Frozen

È la sorella della glaciale ed epica Elsa e per questo quella leggermente meno famosa del franchise di Frozen. Nonostante ciò, la cara Anna, in un percorso di crescita più convenzionale e parallelo rispetto a quello di Elsa, ci ha aiutato a combattere ogni stereotipo di genere, compresi quelli involontariamente alimentati da Disney. Ci si può mai fidanzare e sposare con uno conosciuto da poche ore? No? infatti. Anna impara a capirlo grazie ad Hans il traditore. Così per Anna arriva la delusione, la disillusione e la presa di coscienza che ha il nome e il viso dell’impacciato ma concreto Kristoff.

  • Difetti: Impulsiva, dormigliona
  • Pregi: Entusiasta, si prende sempre cura di famiglia e amici 

Elsa - Frozen - Il regno di ghiaccio, 2013

Come Mulan per certi versi e anche Merida, Elsa è il contrappunto della sorella Anna e insieme sono un duo magnifico e le due facce della principessa perfetta. Glaciale e fredda non per sua volontà ma per paura di ferire gli altri, Elsa è la regina dal cammino più difficile. Costretta a testare i propri limiti ed a vivere in una estrema solitudine, voterà almeno l’inizio della sua vita adulta al bene della sorella e del suo popolo. Non ci sono principi che salvano principesse in Frozen e questa è la liberazione più grande. Ci sono donne, persone, che si confrontano con i propri difetti per poter finalmente crescere.

  • Difetti: Glaciale, solitaria
  • Pregi: Magica, impavida, canta la miglior canzone All’Alba sorgerò e miglior treccia a spiga di sempre

Vaiana - Oceania, 2016

Anche se Elsa non fa parte del franchise della Principesse Disney, ha comunque contribuito a rendere Vaiana, ultima principessa in ordine cronologico, un personaggio indipendente, finalmente, da ogni sorta di aiuto dal fronte principesco (al massimo un semidio con cui non è coinvolta romanticamente).

Come per Elsa infatti ed anche per Pocahontas, per Vaiana il bene del suo popolo è l’obiettivo primario e il pensiero del principe azzurro non è neanche nei progetti futuri. Nonostante il suo destino sia governare la sua terra, Vaiana non si accontenta di farlo nel modo in cui l'hanno fatto i suoi genitori prima di lei e garantisce al suo popolo una nuova primavera grazie al suo coraggio ed al suo guardare un po’ più in là del suo naso e non arrendersi al primo ostacolo.

  • Difetti: Ci mette un po’ a capire il suo ruolo nel mondo
  • Pregi: Coraggio, legame con l’acqua e la terra, umiltà

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.