Stai leggendo: Estate 2018: i film più belli da rivedere al cinema sotto le stelle

Letto: {{progress}}

Estate 2018: i film più belli da rivedere al cinema sotto le stelle

I Beatles a Milano, 2001: Odissea nello spazio a Bologna, Favola a Torino. Questa estate il cinema si gusta nelle arene estive, tra piazze e monumenti.

Il cinema Bianchini: film con vista sul Duomo di Milano Cinema Bianchini - Ufficio stampa Sottocorno

3 condivisioni 0 commenti

Nel primo semestre del 2018, solo in Italia sono uscite oltre 200 pellicole mentre nell’intero 2017 la cifra raggiunta è stata di 554. Un numero cospicuo di titoli che, ad eccezioni dei kolossal o di vincitori di festival, la maggior parte delle volte fatica a rimanere in cartellone più di una settimana. In questo meccanismo perverso di novità a getto continuo, è difficile mantenere il ritmo e riuscire a non farsi sfuggire quel film consigliato da amici, tanto bello ma distribuito solo in due sale d’essai. 

In estate, poi, il mondo del cinema va in vacanza, convinto di essere trascurato dai suoi appassionati spettatori che, in realtà, non sono mai sazi di storie e vorrebbero continuare a sedersi in poltrona davanti al grande schermo anche ad agosto. Per gli stakanovisti cinefili, il rischio astinenza è per fortuna scongiurato grazie ai cinema all’aperto, splendide realtà che si ritagliano spazio nelle piazze, in storiche dimore, nei luoghi di villeggiatura offrendo allo sguardo tutto il cinema del mondo sotto le stelle.

Abbiamo lasciato momentaneamente da parte i più conosciuti Dogman, L’ora più buia, Chiamami col tuo nome, Il filo nascosto, La forma dell’acqua, Tre manifesti a Ebbing, Missouri e selezionato magnifici titoli alternativi da recuperare e da rivedere, storie sorprendenti, cult, documentari preziosi, musica trascinante da gustare nelle arene estive più suggestive dello stivale.

  Ecco i film da vedere questa estate e in quale cinema all'aperto sono programmati.

I cinema all’aperto

Da nord a sud, i cinema all’aperto si trovano praticamente in ogni centro urbano, aggiungendo alla bellezza della settima arte altrettanta bellezza respirata nei chiostri segreti, in monumentali palazzi e lungo le splendide vedute di sere d’estate. Impossibile elencarli tutti ma, tra i più frequentati, ci sono quelli di Torino, Milano, Firenze, Genova, Bologna, Roma, Napoli. La città sabauda sceglie l’aristocratica cornice della corte d’onore di Palazzo Reale e la vivace realtà del Cineteatro Baretti, in collaborazione con l’Associazione Museo Nazionale del Cinema, dislocata in ben 11 location, da San Salvario a Parco Mirafiori.

A Milano, il cinema Bianchini offre una vista super esclusiva dai tetti del Duomo e una programmazione di grandi classici; la puntuale rassegna Arianteo abbraccia la maestosità di Palazzo Reale, la dinamica modernità di CityLife e gli antichi chiostri dell’Umanitaria e Incoronata. Una menzione per Il Cinemino, felice micro realtà urbana con pellicole di grande spessore e un luogo d’incontro ben radicato nella convivialità meneghina. Se volete organizzare un evento estivo nel vostro quartiere con tanto di romantica sala cinematografica, potete noleggiare la cinemobile del Mic - Museo Interattivo del Cinema di via Tabacchi: una Fiat 618 d'epoca perfettamente restaurata, con moderno proiettore laser, che dagli anni '30 portava i film in tutte le piazze e i paesini d'Italia. 

La Fiat 618 della Cineteca di Milano, furgoncino restaurato da noleggiare per eventi HDSito Cineteca di Milano

Firenze si divide tra Le Gallerie degli Uffizi e l’Arena di Marte mentre Genova vive la sua estate a Palazzo Ducale e il suo cinema sotto le stelle. Bologna è un tutt’uno con il cinema: fino al 31 luglio Piazza Maggiore domina la scena con la stupefacente offerta gratuita curata dalla Cineteca, tra opere restaurate e in lingua originale.

A Roma con tre arene c’è solo l’imbarazzo della scelta: a Trastevere in Piazza S. Cosimato ritornano le iniziative dei ragazzi del Cinema America così come al Porto Turistico di Ostia e Tor Sapienza mentre l’Arena nuovo Sacher continua la sua programmazione d’essai. All’isola tiberina, il cinema sul Tevere è un’esperienza unica al mondo e sa anche di buono con l'iniziativa La magia del cinema entra in ospedale. Nata nel 2010 in collaborazione con la struttura Fatebenefratelli, per tutta l'estate verranno proiettati film per i pazienti e le loro famiglie. Ultima ma non ultima, a Napoli si vive al cinema sotto il Vesuvio a San Giorgio a Cremano, nella Certosa di San Giacomo a Capri e alla Mostra di Oltremare.

Piazza Vittorio

Il regista Abel Ferrara sceglie il mercato storico di Roma di piazza Vittorio per raccontare e mostrare la possibile integrazione tra etnie diverse in uno dei quartieri simbolo della città eterna. Una bizzarra, divertente e a tratti commovente galleria di volti di vario colore e nazionalità, fotografia di un'Italia contemporanea tra problemi di convivenza, spirito libero e nuove possibilità.

Tra gli intervistati anche il regista di Dogman, Matteo Garrone, che abita da anni in zona e Willem Dafoe, attore feticcio del regista italo-americano, che vive a Roma da molti anni. Il film, presentato fuori concorso all'ultimo Festival del cinema di Venezia sarà proiettato a Torino, al cinema di Palazzo Reale di Torino e introdotto dallo stesso Abel Ferrara

Puoi vederlo a: Torino (Palazzo Reale, 1 settembre) 


Favola

Diretto da Sebastiano Mauri, interpretato da Filippo Timi e tratto dalla sua opera teatrale, Favola è una commedia dal mood anni ’50 ma con tematiche molto, molto attuali. La storia è quella di una donna tradizionale di un sobborgo americano alto borghese che sembra uscito dai film di Doris Day, la cui vita apparentemente perfetta nasconde un segreto davvero insospettabile. Il film ha inaugurato l'edizione numero 32 del Festival Mix Milano di cinema gay lesbico e queer culture. 

Puoi vederlo a: Torino (Palazzo Reale, 24 luglio); Milano (Il cinemino, 12,14,15 luglio) 


La ruota delle meraviglie

L’ultimo lavoro – e capolavoro – di Woody Allen, regista di culto i cui ultimi bagliori di carriera rischiano di essere offuscati da antiche e nuove accuse di violenze nei confronti della figlia minore, è un dramma d’impianto teatrale e velato da un pessimismo senza redenzione. Protagonista di La ruota delle meraviglie è l'eccellente Kate Winslet.

L'attrice interpreta Ginny, una donna intorno ai 40 anni, ex attrice di belle speranze, sposata a Humpty, giostraio ruvido e forte bevitore (Jim Belushi) che intreccia una relazione con il giovane bagnino di Coney Island (Justin Timberlake). L’arrivo della figlia di Humpty complicherà le loro difficili esistenze fino al doloroso e malinconico finale.

Puoi vederlo a: Roma (Villa Lazzaroni, 8 luglio); Firenze (Arena di Marte, 14 luglio); Milano (18 luglio, Chiostro Incoronata- 27 luglio Umanitaria).


Visages Villages

La regista della Nouvelle Vague, Agnès Varda e l’artista JR, uno street artist e fotografo che intrecciano le loro vite mettendole a disposizione di un’opera a quattro mani tra documentario e road movie. Un viaggio attraverso la Francia più rurale e selvaggia di oggi dona ai due artisti mutevoli e commoventi incontri con persone, paesaggi, storie e frammenti di realtà e una riflessione sul passato e il presente.

Puoi vederlo a: Genova (Palazzo Ducale, 17 luglio); Milano (Chiostro Incoronata 19 luglio); Torino (Palazzo Reale, 28 agosto)


L’ordine delle cose

Il regista Andrea Segre porta sul grande schermo una storia tristemente attuale e, con uno spirito d’osservazione e lungimiranza non comune, racconta il dramma morale di Corrado, alto funzionario del Ministero degli Interni italiani (l’ottimo Paolo Pierobon) alle prese con il delicato compito di trovare, in Libia, modalità e accordi allo scopo di ridurre gli sbarchi sulle coste italiane. L’anima di Corrado verrà sfiorata da Swada, donna somala che sogna di scappare e raggiungere il marito in Europa. L'incontro potrebbe dare un nuovo ordine alle cose, scompaginare quel potere tribale che cova anche nella più civile delle società. 

Puoi vederlo a: Roma (Arena Nuovo Sacher, 30 luglio); a Torino (Cinema Baretti, 17 luglio)


A Hard Day's Night

Un ritratto scanzonato del gruppo musicale più famoso di Dio - John Lennon dixit – A Hard Day’s Night è un documentario diretto da Richard Lester che racconta due giorni e una notte nella vita dei Beatles. John, Paul, George e Ringo si raccontano, vengono inseguiti dalle scatenate fan, compongono le canzoni più belle di sempre e fotografano la loro personale Dolce vita degli anni ’60 e il loro stesso mito.

Puoi vederlo a: Milano (prossimamente al cinema Bianchini)


Tutto quello che vuoi

Tutto quello che vuoi è la bella sorpresa cinematografica del 2017 e un film italiano, diretto da Francesco Bruni, tra i più apprezzati da pubblico e critica. Il prolifico sceneggiatore di Ferie d’agosto e Il commissario Montalbano, dopo il successo di Noi 4 e Scialla! torna dietro la macchina da presa con una storia che colpisce al cuore, un gruppo di attori giovani da tenere d’occhio e Giuliano Montaldo, una leggenda del cinema. Alessandro (Andrea Carpenzano) ha 22 anni, vive a Roma e ancora non ha capito che cosa fare da grande.

Ha una relazione con Claudia (Donatella Finocchiaro) madre del suo amico Alessandro (Arturo Bruni) e passa le giornate al bar, a escogitare qualche cosa di poco raccomandabile per guadagnare dei soldi. L’incontro con Giorgio (Montaldo), anziano malato di Alzheimer, distinto poeta dall’animo nobile che cela un antico segreto, cambierà per sempre la sua esistenza. Uno sguardo nitido e privo di retorica su una delle malattie degenerative più diffuse e un efficace e divertente ritratto di un prolifico incontro tra due generazioni assai distanti, eppure mai cosi vicine. 

Puoi vederlo a: Roma (Fatebenefratelli, 9 luglio)

L’insulto

Candidato agli Oscar 2018 nella categoria miglior film straniero, l’insulto di Ziad Doueiri è un fulgido esempio di come il cinema sia in grado di raccontare, più di stanchi talk show e oscuri libri di saggistica, la complessa situazione politica a Beirut dopo la guerra civile. Tony, cristiano libanese, sposato e in attesa di un figlio, ha un banale alterco con il rifugiato palestinese Yasser per una semplice tubatura.

Un insulto lanciato nell’aria porta a conseguenze impreviste in cui le incomprensioni del passato e il pregiudizio travalicano il semplice litigio ma rimandano a un vissuto doloroso di un popolo diviso in due che soffre, in modo diverso, sotto il medesimo cielo.

Puoi vederlo a: Roma (Arena Nuovo Sacher, 18 luglio); Milano (Incoronata 16 luglio. Il cinemino 13,15 luglio); Genova (Cinema sotto le stelle, 30 luglio); Napoli (Cinema intorno al Vesuvio, 30 luglio).

EX LIBRIS - New York Public Library

Frederick Wiseman, considerato uno dei più importanti registi del cinema documentario, con EX LIBRIS - New York Public Library esplora, come attitudine, una porzione di tessuto urbano, la storica libreria pubblica di Manhattan e l’interazione con i suoi frequentatori. Nascono così, ritratti realistici e non manipolati dall’esercizio di montaggio che raccontano la grande importanza culturale nell’epoca digitale, di una struttura che custodisce un vero patrimonio di carta e inchiostro.

Puoi vederlo a: Roma (Arena Nuovo Sacher, 11 luglio)

10. Il prigioniero coreano

L’ennesimo capolavoro del regista coreano Kim Ki-Duk (Ferro 3 – La casa vuota, 2004) arrivato sul grande schermo con ben due anni di ritardo, è un commovente, durissimo racconto politico in cui mette in evidenza, in forma drammatica, l'assurda divisione delle due Coree. Per denunciare questa ferita utilizza un povero pescatore del Nord (Ryoo Seung-Bum) che, per sfamare la sua piccola e unita famiglia, sconfina per errore nelle acque territoriali del Sud.

Catturato e portato a Seul dove viene interrogato nei modi più assurdi, a tratti ridicoli, viene prima accusato di essere una spia poi, per scopi propagandistici, cercano di corromperlo promettendogli una nuova, lussuosa vita, più facile e progressista rispetto a quella dittatoriale e arcaica del Nord. Tornato finalmente a casa, viene sottoposto nuovamente a uno sfiancante interrogatorio da parte dei suoi stessi concittadini che lo credono un traditore e spia, ricominciando l’amaro gioco al massacro che mostra, con amara ironia, le due facce della medesima medaglia.

Puoi vederlo a: Milano (Umanitaria, 31 luglio)

Muse: Drones World Tour

Per soli due giorni – 12, 13 luglio – la band britannica Muse passa dal palcoscenico al cinema con un evento esclusivo, il tour mondiale del 2016. Dai più grandi successi di Matthew Bellamy e compagni – Psycho, Knights of Cydonia, la splendida cover I’m Feeling Good – ai racconti dei protagonisti fino alla scoperta della mastodontica macchina organizzativa con tanto di riprese con droni, il film concerto è un omaggio e testimonianza del loro talento e sensibilità musicale. Distribuito da Nexo Digital.

Puoi vederlo: nelle migliori sale cinematografiche il 12 e 13 luglio e nelle arene estive di Milano (Arianteo Palazzo Reale 12 luglio; Arianteo Citylife 13 luglio).

2001: Odissea nello spazio

Tra i più complessi lavori di Stanley Kubrick, 2001: Odissea nello spazio torna al cinema, a Bologna sul grande schermo di Piazza Maggiore in una copia concessa da Warner Bros. Il film del 1968, nato dalla collaborazione tra il regista e lo scrittore britannico Arthur C. Clarke, travalica il genere fantascienza e contiene oscure, visionarie, titaniche immagini che raccontano l’evoluzione e tutta la filosofia dell’essere umano, tra destino imponderabile e progresso tecnico. In autunno, uscirà anche in formato 4K.

Puoi vederlo a: Bologna (Piazza Maggiore, 27 luglio). 

Siete pronti per un'estate a tutto cinema? Quale, tra questi film, sceglierete per una serata sotto le stelle? 

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.