Stai leggendo: Eurovision: la vincitrice Netta Barzilai accusata di plagio per la sua 'Toy'

Letto: {{progress}}

Eurovision: la vincitrice Netta Barzilai accusata di plagio per la sua 'Toy'

Il brano Toy di Netta Barzilai che ha vinto l'Eurovision Song Contest 2018 sarebbe molto simile alla hit dei White Stripes, 'Seven Nation Army'.

La vincitrice dell'Eurovision netta Barzilai Getty Images

3 condivisioni 0 commenti

La canzone vincitrice dell’ultimo Eurovision Song Contest, ovvero il brano Toy dell’israeliana Netta Barzilai, secondo alcuni media del paese vincitore potrebbe presto valere agli autori del pezzo una citazione in giudizio da parte di Universal Music.

Toy, infatti, avrebbe troppi elementi in comune con la hit dei White Stripes Seven Nation Army, come riporta Keshet TV. Lo stesso canale ha rivelato che gli autori Doron Medalie e Stav Beger avrebbero ricevuto, un paio di settimane fa, una lettera dalla Universal contenente l’accusa di violazione di copyright per le evidente somiglianze tra le due canzoni.

Il manager della Barzilai, Ofer Menahem, ha però commentato ufficialmente la notizia dicendo: “Non è stata ricevuta alcuna comunicazione legale, ma solo una lettera preliminare per chiarire il problema”. Doron Medalie ha invece fatto sapere al sito di news Haaretz che non può rilasciare commenti al riguardo, vista la natura legale della questione.

Universal, una delle più grandi etichette discografiche al mondo, ha firmato contratti con diversi autori israeliani, tra cui Asaf Avidan ed il duo Static and Ben El Tavori, e lo scorso marzo, sulla scia della vittoria, ha distribuito Toy negli Stati Uniti. Le regole dell’Eurovision prevedono che ogni brano presentato in gara debba essere assolutamente originale, e se quindi dovesse essere provato il plagio, Netta Barzilai potrebbe essere squalificata, perdendo il titolo e impedendo che la celebrazione della competizione canora si tenga in Israele l’anno prossimo.

La somiglianza tra i due brani sarebbe particolarmente evidente nel verso di Toy in cui l’artista canta “I’m not your toy, stupid boy”, ed era già stata sottolineata durante lo svolgimento della gara. Ecco un video che mette a confronto le canzoni.

Secondo voi, ci sono gli estremi per un’accusa di plagio?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.