Stai leggendo: Roma vista dagli inglesi nella mostra fotografica “Eternal city"

Letto: {{progress}}

Roma vista dagli inglesi nella mostra fotografica “Eternal city"

Arrivano da Londra gli scatti su Roma nella collezione fotografica del Royal Institute of British Architects. Le mille sfumature della Capitale attraverso l'occhio stupito del mondo anglosassone.

La veduta del gianicolo attraverso lo scatto fotografico di Ralph Deakin  Ufficio Stampa

9 condivisioni 0 commenti

Al Vittoriano arriva “Eternal City”, la mostra fotografica dedicata esclusivamente alla città eterna. Fino al 28 ottobre 2018 romani e turisti provenienti da tutto il mondo potranno scoprire una Roma inedita, ritratta tra la metà dell’Ottocento e l’età contemporanea.

 Edwin Smith, Roman Forum, with the Arch of Septimus Severus in the foregroundUfficio Stampa

La mostra, a cura di Gabriella Musto e Marco Iuliano, realizzata in collaborazione con Valeria Carullo, curatrice per il RIBA della Robert Elwall Photographs Collection, espone 200 fotografie provenienti dalla collezione del Royal Institute of British Architects di Londra. Nato nel 1834 promuove l’educazione alla qualità dell’architettura, dentro e fuori la Gran Bretagna, e possiede un’immensa collezione fotografica di 1,7 milioni di immagini.

Roma vista dagli inglesi

Ufficio Stampa

Le foto selezionate in mostra sono state realizzate tutte dai fotografi britannici che hanno interpretato i monumenti, proponendo uno sguardo diverso sulla Capitale. Attenti al particolare, al paesaggio architettonico e ai soggetti protagonisti sono riusciti ha immortalare scorci, dettagli di Roma dall’archeologia alla street photography privilegiando uno sguardo ampio e profondamente narrativo.

Il visitatore può osservare la città eterna e condividerne gli sguardi, i volti e costumi dell’epoca. Una Roma più conosciuta, da cartolina, tra decadenza e incanto, ma anche in continuo movimento e trasformazione sociale.

Gli scatti

Ufficio Stampa

La mostra espone 200 scatti. Da James Anderson a Richard Pare, noto per aver documentato l’architettura sovietica e che ritrae la scala di Trinità dei Monti nel 1985. L’immagine dei fidanzati che passeggiano in via dei Fori Imperiali nel 1961 di Monica Pidgeon. E poi Tim Benton, Richard Bryant, Ralph Deakin, Edwin Smith e la coppia Ivy and Ivor de Wolfe. Dai tempi dei grandi viaggi, i Grand tour in Europa, che l’Italia è una meta sognata, desiderata e immortalata con la macchina fotografica da artisti e viaggiatori. E Roma ne è l’espressione storica e culturale assoluta.

La mostra

Ufficio Stampa

La rassegna si divide in quattro sezioni: antichità, modernità, paesaggi e atmosfere. Ed è un viaggio che regala riflessioni architettoniche, urbanistiche, politiche e sociali attraverso l’occhio critico e stupito del mondo anglosassone. Roma antica, moderna con i suoi mille volti che si riflettono nel Tevere e nelle cupole al tramonto, stimola da sempre l’immaginario collettivo. Soggetto ideale per i pittori e scultori. Apprezzatissima dagli stranieri che rimangono incantati dalla sua straordinaria e immutata bellezza dai secoli.

ETERNAL CITY Roma nella collezione fotografica del Royal Institute of British Architects
Dove: Monumento a Vittorio Emanuele II – Il Vittoriano
Sala Zanardelli Roma, Piazza d’Ara Coeli
Quando: Fino al 28 ottobre 2018

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.