Stai leggendo: Tredici Pietro, il figlio di Gianni Morandi, si dà alla trap con Pizza e fichi

Letto: {{progress}}

Tredici Pietro, il figlio di Gianni Morandi, si dà alla trap con Pizza e fichi

Testo e video di Pizza e fichi, il primo pezzo trap di Tredici Pietro, il figlio di Gianni Morandi, al suo debutto nel mondo della musica.

Primo piano di Tredici Pietro con una tuta rosa e blu davanti a un canestro Video

1 condivisione 0 commenti

Se vi diciamo Tredici Pietro probabilmente non vi viene in mente niente. E allora proviamo con Pietro Morandi. Ebbene sì, è proprio lui, il figlio di Gianni e della moglie Anna Dan. Che ha deciso di ripercorrere le orme del padre, almeno "a grandi linee". È appena uscito, infatti, il primo pezzo del 22enne figlio d'arte: Pizza e fichi. Ma niente di più lontano dalle canzoni del padre: Tredici Pietro - è il suo nome d'arte - è figlio degli anni Duemila e, come ogni ventenne che si rispetti, si è dato alla trap.

Droppa una 🍕 se vuoi il Tredici su Spotify!

A post shared by TREDICI PIETRO (@tredicipietrotredici) on

Che il giovane Pietro fosse un appassionato della trap già lo sapevamo. Era stato proprio lui a dirlo, in una diretta Facebook del padre: Dark Polo Gang, Izi, Tedua erano i suoi artisti preferiti.

Tornando a Pizza e fichi, il pezzo ha giù un videoclip, che potrete vedere di seguito, girato da Marco Bonalumi & Matteo Gianino. La canzone è stata pubblicata senza nessun lancio, nessuna news, ma immediatamente ha fatto schizzare alle stelle il contatore delle views di YouTube. E poi è sufficiente il suo testo, che di per sé è già un biglietto da visita per il ragazzo: "Tredici Pietro / Sono l'ultimo arrivato / Ma anche l'ultimo ad andarsene / Sono alla tua festa ma non mi avevi invitato / Non sai quanto me ne sbatte a me".

Viaggio senza mamma... @annadan94

A post shared by Gianni Morandi (@morandi_official) on

E c'è già chi sogna un featuring col papà Gianni. D'altra parte, dopo il duetto con Rovazzi, perché no?

Il video di Pizza e fichi di Tredici Pietro

Il testo della canzone Pizza e fichi

Mica pizza eh, Tredici Pietro, mica pi- eh
Yeah, yeah
Questo è Tredici Pietro, mica pizza e fichi
Mica pizze e fichi, mica pizza e
Mica pizze e fichi, yeah
Mica pizze e fichi, no no, no no è
Tredici Pietro, mica pizza e fichi
Mica pizze e fichi, mica mi capisci
Mi capisci? Mi capisci? Ehi
Mica pizze, ehi, okay, okay
Metto fuori la testa dal buco, okay
Guardo cosa succede qui intorno okay
Mastro sta' attento a tutti e nessuno, okay
Sguardo sfocato, vedo il contorno ma non
Resto fermo con le mani in mano, in mano
In tasca mio fratello come talismano
Fumo dentro agli occhi, fumo Cali piano
Tutto il resto è noia, sembra Califano
Pietro mica nato biondo
Come Mr Monkey, lui è nato biondo
Appena arrivato sfondo
La tua testa di cazzo corto
Ci sei già rimasto sotto
Pietro contro ogni divieto
Non voltarti di dietro
Quante volte mi ripeto
Diego con la palla tra i piedi
Riempi questi bicchieri, brindiamo ai carabinieri
Che ci stiano lontani, che ne nascano meno
Corro come la Nascar se mi affianca uno scemo
Che ci stiano lontani, che ne nascano meno
Corro come la Nascar se mi affianca uno scemo
Tredici Pietro, sono l'ultimo arrivato
Ma anche l'ultimo ad andarsene
Sono alla tua festa ma non mi avevi invitato
Non sai quanto me ne sbatte a me
Tredici Pietro, sono l'ultimo arrivato
Ma anche l'ultimo ad andarsene
Sono alla tua festa ma non mi avevi invitato
Non sai quanto me ne sbatte a me
Guarda, guarda, come arrivo
Quatto quatto, sto in una 4x4
Siamo in quattro per quattro
Io sì che provo a scriverlo 'sto messaggio
Ma non so se poi mandarlo se sei tu il destinatario
Se non riesci riprova
Se non cresci coltiva
E continua lo sbatto
Mi ritrovi alla tredicesima ora
Mi credi crazy ma non hai mai raggiunto il mio linguaggio
Stendo tutti con 'sti colpi
Non ho una Beretta ma ho già finito tutti 'sti polli
Senti la mitraglia, è tredici secondi
Che ti restano a scappare quindi, corri quindi
Fatti di nebbia, fatti da parte
Tredici Thalys, tredici charter
Qui per farti muovere le chiappe
Quindi muovi il culo in fretta, devi andartene
Fatti di nebbia, fatti da parte
Tredici Thalys, tredici charter
Qui per farti muovere le chiappe
Quindi muovi il culo in fretta, devi andartene
Tredici Pietro, sono l'ultimo arrivato
Ma anche l'ultimo ad andarsene
Sono alla tua festa ma non mi avevi invitato
Non sai quanto me ne sbatte a me
Tredici Pietro, sono l'ultimo arrivato
Ma anche l'ultimo ad andarsene
Sono alla tua festa ma non mi avevi invitato
Non sai quanto me ne sbatte a me

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE