Stai leggendo: Pesche sciroppate: la ricetta con la frutta di stagione di giugno

Letto: {{progress}}

Pesche sciroppate: la ricetta con la frutta di stagione di giugno

Profumate, dolci e croccanti: le pesche sciroppate sono perfette tutto l'anno. Scopri la ricetta per prepararle nei tipici barattoli in vetro sottovuoto.

Pesche sciroppate Getty Images

1 condivisione 0 commenti

Le pesche sciroppate sono la classica conserva che ti permette di gustare un sapore estivo tutto l’anno. Potrai mangiarle in autunno e in inverno e sentire il sapore e il profumo dell’estate. La preparazione è semplice, ma devi stare attenta alla qualità delle pesche. Le migliori sono le percoche dalla polpa soda e dura. A differenza delle altre varietà, non si ammorbidiscono troppo in cottura e mantengono una bella consistenza anche dopo la conservazione in barattolo. Se preferisci una polpa meno compatta, scegli le pesche a pasta gialla.

Dovrai usare qualche accorgimento in più solo per la sterilizzazione dei vasetti in vetro. Prima di utilizzarli, falli bollire in una pentola d’acqua per almeno 60 minuti. Purtroppo, i vasetti potrebbero rompersi durante la bollitura. Per evitare questo effetto collaterale, usa un canovaccio e immergilo nella pentola insieme ai vasetti in vetro.

Dopo aver messo le pesche in vetro, sottoponi i vasetti alla seconda fase della bollitura, avendo sempre l’accortezza di avvolgerli in un canovaccio. C’è un semplice trucco per verificare se hai ottenuto il sottovuoto. Una volta raffreddati i vasetti, schiaccia con un dito il centro del tappo e mettiti in ascolto.

Se senti il tipico click, il sottovuoto ti è riuscito. Conserva le pesche sciroppate in dispensa e usale come frutta a fine pasto oppure come ingrediente principale di torte e crostate. Allora pronta a preparare le tue pesche sciroppate? Ricordati solo di conservarle sempre in un luogo fresco.

Informazioni

Ingredienti

  • Pesche percoche 2 kg
  • Acqua 1l
  • Zucchero 500 gr

Preparazione

  1. Porta a bollore una pentola piena d’acqua, immergi i vasetti con il canovaccio e lasciali bollire per circa 60 minuti.

  2. Nel frattempo metti un altro tegame pieno d’acqua sul fornello e lava le pesche. Quando l’acqua bolle, immergile per 2 minuti. La polpa deve rimanere soda.

  3. Togli le pesche dall’acqua, lasciale scolare per qualche minuto e raffreddale sotto l’acqua corrente. Dopodiché, privale della buccia con un coltello, dividile a metà, estrai il nocciolo e adagiale su un tagliere.

  4. Trascorsi i 60 minuti di bollitura, togli i vasetti dall’acqua e falli scolare. Riempi i barattoli con le pesche lasciando almeno un centimetro dal bordo del vasetto.

  5. Ora puoi preparare lo sciroppo versando l’acqua e lo zucchero in un tegame. Mettilo sul fuoco e mescola fino a completo scioglimento dello zucchero. Una volta pronto, versa lo sciroppo nei barattoli coprendo totalmente le pesche.

  6. Comprimi leggermente le pesche con un pressello per evitare le bolle d’aria, chiudi il barattolo con il tappo e procedi alla bollitura. Immergi i vasetti in acqua avvolti dal canovaccio e falli bollire per 30 minuti.

  7. Al termine dei 30 minuti, lascia raffreddare i vasetti nella loro acqua di cottura. Verifica che il sottovuoto sia andato a buon fine con l’espediente del click e riponili in un luogo fresco e buio. Abbi l’accortezza di far risposare le tue pesche per circa un mese prima di consumarle.

Vota la ricetta

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.