Stai leggendo: Kyoto: viaggio nella foresta di bambù

Letto: {{progress}}

Kyoto: viaggio nella foresta di bambù

Pianificare un viaggio in Giappone necessita di fare tappa a Kyoto: a Sagano, nella regione montuosa di Arashiyama, c'è un luogo magico che ogni anno attrae milioni di turisti e fotografi.

La foresta di bambù di Arashiyama, nei pressi di Kyoto Pixabay

4 condivisioni 0 commenti

Se state pianificando un viaggio per Kyoto, non potete perdervi la magica foresta di bambù di Arashiyama. Questo luogo suggestivo è da anni la meta prescelta da turisti, fotografi e poeti. Tanto che il governo giapponese lo considera come la colonna sonora indispensabile per ogni viaggio in Giappone, classificato come uno dei “Cento suoni del Giappone da preservare”. Una vera oasi immersa nel verde in cui intraprendere lunghe passeggiate in solitaria o da percorrere su un risciò per sentirsi davvero trasportati in un altro mondo.

Una donna in kimono tra i bambù di ArashyiamaHDiStock

Kyoto: La foresta di bambù di Arashiyama

Tra giganteschi bambù che si protendono verso il cielo sarete sorpresi dal suono del vento che si addentra e passa tra le canne, rendendo questa passeggiata ancora più suggestiva e romantica. Questo è uno dei siti più fotografati di Kyoto, insieme al Santuario di Fushimi Inari-taisha e al tempio buddista di Kinkaku-ji.

Tutti cercano di immortalare la luce del sole che qui filtra tra le canne emanando dei suggestivi raggi e scintillii tutto intorno. Tuttavia le foto non potranno mai restituire l'emozione avvolgente e sonora che proverete nel percorrere questo cammino spirituale nella natura.

Proseguendo, oltre la foresta, potrete raggiungere la zona Okusaga, luogo in cui i grandi poeti venivano a rifugiarsi per trascorrere periodi di eremitaggio. Si tratta di un'unica via principale, lungo la quale troverete anche diverse possibilità di pernottamento, come gli alberghi Hoshinoya e Suiran o il bellissimo Arashiyama Benkei, un ryokan – albergo tipico giapponese - i cui prezzi di pernottamento sono tuttavia molto elevati.

Kyoto: Cos'altro vedere ad Arashyiama

Lungo il percorso della foresta sorge il tempio di Tenryu-ji, luogo spirituale dichiarato patrimonio Unesco e uno dei 5 più grandi templi di Kyoto. Costruito nel IX sec., si tratta di un complesso che nel suo periodo di massimo splendore ospitava 150 edifici in 330.000 metri quadrati. Qui potrete visitare l'edificio principale e il giardino zen, oggi quartier generale della scuola di Buddismo Zen Rinzai.

Il tempio Tenryu-ji ad Arashyiama e il suo giardino Sogen PondHDiStock

All'altro lato della foresta c'è la Villa Okochi-Sanso, un tempo casa della star di film muti Denjiro Okochi. Anche qui troverete un piccolo tempio, uno studio e un museo sulla vita dell'attore.

Per finire, proseguendo dopo la foresta e attraversando il ponte che sovrasta il larghissimo fiume, potrete addentrarvi in un parco davvero unico nel suo genere: il parco delle scimmie giapponesi. Si tratta di un luogo in cui vivono circa 140 esemplari di scimmie senza alcuna restrizione o costrizione. Potrete ammirarle nel loro habitat naturale o comprare loro del cibo in un punto di ristoro all'interno del parco.

Il parco delle scimmie giapponesi all'interno della foresta di bambù di HarashyiamaHDPixabay

Kyoto, la foresta di Arashiyama: Curiosità e leggende

Le foreste di bambù sono molto popolari in Asia perché si riteneva che proteggessero le persone dal diavolo. Per questo in tutto il Paese ce ne sono diverse. Quella di Arashiyama copre una superficie di 16 chilometri quadrati, con bambù alti fino a 50 metri. Questa pianta, erroneamente identificata con il termine albero, appartiene in realtà alla famiglia delle piante grasse e può crescere fino a 100 cm in sole 24 ore. 

La leggenda vuole che Thomas Alva Edison, nel 1870, fosse alla ricerca di piante di bambù da utilizzare per i suoi primi esperimenti sulla lampadina. Gli vennero allora suggeriti due luoghi in cui reperirle, tra cui proprio la foresta di Sagano: fortunatamente, tuttavia, optò per l'altro luogo che pare fosse la montagna di Otokoyama.

Informazioni utili

La foresta è aperta 7 giorni su 7 per 24 ore e non prevede alcun costo di ingresso. Noi consigliamo di recarsi alle prime luci del mattino o in tarda serata - e di evitare assolutamente i weekend - per poter godere al massimo dell'esperienza, senza troppi turisti.

Il tempio di Tenryu-ji e la Villa Okochi-Sanso sono invece a pagamento. Il primo ha come orari 8:30-17:30 ad un costo di 500 yen, mentre per la Villa il costo di ingresso è di 1000 yen dalle 9.00 alle 16.00.

Per visitare la foresta potrete optare per una passeggiata o un giro in risciò, come abbiamo già detto. Tuttavia esistono anche altre possibilità, come il noleggio di bici oppure il Sagano Romantic Train. Si tratta di un piccolo treno a vapore in stile retrò che parte ogni ora dalle 9:00 alle 17:00 - eccetto il Mercoledì e dal 30 Dicembre al 28 Febbraio, periodi in cui è fermo - dalla stazione di Sagano Torokko e percorre 7 km lungo il fiume. La corsa dura circa 30 minuti.

A post shared by Becky Peng (@bekkkkkahhh) on

Se invece volete optare per l'acqua, potrete salire a bordo di un'imbarcazione della Hozu River Boat: un viaggio di 2 ore e 16 chilometri da Kameoka ad Arashiyama. Le barche partono dalle 9:00 alle 15:30 tutto l'anno ma dal 1 Dicembre al 1 Marzo riducono le loro corse.

Kyoto: Come raggiungere Arashyiama

Il modo più semplice per arrivare ad Arashyiama è prendere un treno della linea JR Sagano – anche conosciuta come linea JR Sanin. Il percorso dalla stazione di Kyoto a quella di Saga-Arashiyama dura circa 15 minuti. Dopodiché bastano 5-10 minuti a piedi per raggiungere la foresta.

Oppure optare per la Keifuku Electric Railroad, servita dalla Keifuku Arashiyama Line. Salite nella stazione di Shijo-Omiya, nella zona centrale di Kyoto, e in 20 minuti arriverete alla stazione di Arashiyama.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.