Stai leggendo: Millie Bobby Brown lascia Twitter per alcuni orribili meme su di lei

Letto: {{progress}}

Millie Bobby Brown lascia Twitter per alcuni orribili meme su di lei

Sdegnata da alcuni meme omofobi e razzisti che la riguardano, attribuendole comportamenti che non le appartengono, Millie Bobby Brown ha deciso di abbandonare Twitter.

Millie Bobby Brown Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Millie Bobby Brown è costantemente sotto i riflettori, complice l'incredibile popolarità riscossa con la serie TV ormai cult Stranger Things.

Pur essendo ancora una ragazzina, Millie ha sempre dimostrato di essere un modello per i suoi fan prendendo parte a cause sociali importanti e facendosi promotrice di valori assolutamente positivi. Eppure, dallo scorso novembre la Brown si trova a fare i conti con uno dei lati più amari della popolarità nell'epoca dei social: il cyberbullismo.

A causa di svariati meme creati ad arte con Photoshop che la tacciano di essere omofoba e razzista, Undici di Stranger Things ha deciso di abbandonare Twitter proprio in queste ultime ore.

Facciamo un passo indietro. Tutto è cominciato quando una presunta ragazza musulmana ha condiviso su Twitter la sua storia. @KelsFiona - è questo il suo account sui social - ha dichiarato di aver incontrato l'attrice e di essere stata vittima di una sua aggressione: Millie le avrebbe strappato il velo insultandola per il suo credo religioso.

Ovviamente, si trattava di un fake. Tuttavia, questo assurdo racconto è bastato per dare vita a un vero e proprio movimento chiamato #TakeDownMillieBobbyBrown che da allora raccoglie aneddoti e meme che tacciano di razzismo e di omofobia la giovanissima attrice.

Ne abbiamo raccolti alcuni:

Millie Bobby Brown non ha rilasciato alcun commento ufficiale in merito alla sua decisione di abbandonare Twitter.

im alright, but even better w u 🌊

A post shared by MBB (@milliebobbybrown) on

Da qualche tempo, mossa dall'insofferenza, la 14enne ha anche disattivato i commenti dei suoi follower su Instagram. Questa storia si è spinta fin troppo oltre.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.