Stai leggendo: Grease compie 40 anni: 14 curiosità sul musical cult

Letto: {{progress}}

Grease compie 40 anni: 14 curiosità sul musical cult

A quarant'anni dalla sua uscita, Grease rimane uno dei film più amati di sempre ed una pietra miliare del genere musical. Ecco alcune curiosità sulla famosa produzione con John Travolta e Olivia Newton-John.

John Travolta e Olivia Newton John in Grease Paramount Pictures

25 condivisioni 0 commenti

Fin dall’attacco inconfondibile della canzone di Barry Gibb e Frankie Valli ed i titoli d’inizio con i cartoni animati, Grease è un musical che si rivela immancabilmente accattivante, ed il fatto che siano passati ben quarant’anni dal suo debutto al cinema non hanno minimamente intaccato il suo appeal. Il film che ha consacrato la carriera di John Travolta immortalandolo insieme Olivia Newton-John in ruoli iconici è ancora oggi il titolo di riferimento quando si parla di musical, e non c’è produzione teatrale, per quanto sconosciuta, che non tenga presente la pellicola di Randal Kleiser come modello di riferimento. Torniamo allora a tuffarci nel mondo di Grease alla scoperta di alcune curiosità che forse non tutti conoscono.

1) Danny Zuko avrebbe potuto essere… Fonzie!

La parte di Danny Zuko fu originariamente offerta a Henry Winkler, la star di Happy Days: facile capire perché si pensò a lui per un personaggio spaccone con la giacca di pelle. Ma proprio per la paura di non potersi più scrollare di dosso quel tipo di ruoli, Winkler rifiutò, e fu la fortuna di Travolta!

2) La scelta di Travolta

Quando Winkler rifiutò, i produttori rivolsero la loro attenzione a John Travolta, che all’epoca era famoso per aver interpretato il belloccio Vinnie Barbarino in Mr. T and Tina ma soprattutto aveva incantato il mondo con le sue doti di ballerino in Saturday Night Fever. Travolta aveva anche già recitato una parte di Grease: quella di Doody in una produzione teatrale in cui non aveva potuto interpretare Danny perché non era abbastanza grande. Quando gli fu offerta la parte nel film, non se lo fece dire due volte.

3) Marie Osmond avrebbe potuto essere Sandy

Anche Olivia Newton-John non è stata la sola attrice in lizza per il ruolo di Sandy: c’era anche Marie Osmond, all’epoca famosa per un varietà della ABC intitolato Donny and Marie. L’attrice era famosa per la sua immagine “pulita” e non gradiva il fatto che il personaggio alla fine si trasformi in una ragazzaccia.

4) Olivia Newton-John ha insistito per uno screen test

La cantante ed attrice non era convinta di essere giusta per la parte, quindi insistette per fare un provino insieme a John Travolta: i due girarono la scena nella macchina di Danny al drive-in. Il resto è storia.

5) Sandy non avrebbe dovuto essere australiana

Nella versione finale della sceneggiatura il cognome di Sandy è OIsson, ma in quella originale era Dumbrowski, ed era una ragazza americana. La modifica è stata fatta per accomodare la Newton-John, che non si sentiva molto a suo agio all’idea di fingere un accento americano.

6) Una giacca significativa

Nella prima scena del film conosciamo Danny e Sandy che stanno vivendo gli ultimi momenti di una storia d’amore estiva al mare. Danny ha una giacca sportiva blu che fu scelta per omaggiare un altro ribelle, James Dean, che ne indossa una quasi uguale, ma rossa, in Gioventù Bruciata.

7) L’omaggio a Elvis Presley

Quando Rizzo canta “Look At Me I’m Sandra Dee” intona un verso che dice “Elvis Elvis, let me be. Keep that pelvis far from me”. Quelle parole furono introdotte nella canzone al posto del riferimento contenuto nella versione originale a Sal Mineo, la co-star di James Dean in Gioventù bruciata, a seguito della sua tragica morte nel 1976.

8) John Travolta ha preteso di cantare Grease Lightning

Nella versione orginale di Grease il brano Grease Lightning è cantato da Kenickie, ed in effetti si tratta della sua macchina che viene aggiustata. Così era anche nel copione del film, ma Travolta convinse i produttori a farla cantare dal suo Danny Zuko.

9) L’angelo Elvis Presley

Il mitico Elvis fu considerato per interpretare la parte dell’Angelo che appare a Frenchie nella scena di Beauty School Dropout, ma sul grande schermo finì Frankie Avalon, che in gioventù era stato un idolo delle teenagers. Che sia stata una scelta provvidenziale, visto che Elvis sarebbe poi morto nel 1977, mentre Grease era in piena fase di riprese?

10) 'Hopelessly Devoted' ha rischiato di non finire nel film

La canzone Hopelessly Devoted To You non doveva comparire nel film, ma fu aggiunta per dare alla Newton-John una ballad importante. Tutta la scena in cui Sandy canta quella melodia struggente è stata infatti girata dopo la fine delle riprese, e ne è valsa la pena: il brano fu nominato come miglior canzone originale agli Oscar.

11) La dedizione del cast

Durante l’anniversario dei 20 anni del film Didi Conn (Frenchie nel film), aveva rivelato che il cast rimaneva nel personaggio tra una ripresa e l’altra, arrivando anche a chiamarsi con i nomi dei rispettivi ruoli.

12) L'ardore di Kenickie

Sempre in occasione del 20mo anniversario ri Grease Stockard Channing rivelò che i succhiotti esibiti dalla sua Rizzo nella scena del pigiama party con le amiche erano veri. E bravo Jeff Conaway (Kenickie), davvero un attore che segue il Metodo.

13) Olivia Newton-John ed un incidente di guardaroba

Senza dubbio una delle scene più iconiche del film è quella in cui Sandy appare alla festa di fine anno totalmente trasformata in una ragazza sexy e misteriosa, fasciata da una tuta che è come una seconda pelle. Pare che quei pantaloni fossero davvero molto aderenti, tanto che la zip si ruppe e i costumisti dovettero cucirli addosso al corpo dell’attrice. Durante le interviste per i 20 anni del film la star raccontò che durante le riprese era preoccupata di come gestire l’eventualità di dover andare al bagno!

14) Grease non ebbe fortuna con la critica

Quando il film uscì al cinema nel giugno del 1978 (da noi arrivò ad agosto) le recensioni non erano positive, ed alcune furono anzi brutali. Il Time diceva che il regista non sembrava avere idea di cosa stesse facendo. Altri parlarono di “cibo spazzatura per gli occhi”, o che la recensione sarebbe dovuta apparire nella pagina dei necrologi. Ancora, ci fu chi disse che era un musical “atroce” e che la Newton-John sembrava una “vacca stonata”. Eppure il film non solo fu il maggiore incasso dell’anno, ma rimase anche il musical di maggior successo di sempre finché, 30 anni dopo, non arrivò Mamma Mia!. Bella rivincita, non trovate?

Qual è la vostra scena preferita di Grease?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.