Stai leggendo: Il tè verde: una ricerca dimostra che protegge da infarti e inctus

Letto: {{progress}}

Il tè verde: una ricerca dimostra che protegge da infarti e inctus

I ricercatori inglesi di Lancaster e Leeds hanno individuato una molecola del tè verde utile nella prevenzione di infarti e ictus. Leggi i risultati della ricerca.

Tè verde Pixabay

1 condivisione 0 commenti

L’Università di Lancaster e l’Università di Leeds hanno annunciato un importante risultato nella ricerca sulla prevenzione di infarti e ictus. Gli scienziati hanno scoperto una molecola del tè che potrebbe essere di grande aiuto nei soggetti a rischio.

La molecola in questione è denominata EGCG (epigallocatechina-3-gallato) e si trova nel tè nero, nel tè bianco e in quello verde. La quantità maggiore, però, è contenuta proprio nelle foglie essiccate di tè verde. L’EGCC agisce su una proteina presente nelle placche responsabili dell’aterosclerosi, una delle principali cause di infarti e ictus. Le placche, infatti, si depositano nelle arterie coronariche e diventano pericolose per la regolarità della circolazione sanguigna.

Al momento è presto per affermare che bere tè verde potrebbe aiutare contro infarti e ictus i soggetti a rischio. Il professore David Middleton, coautore della ricerca, ha dichiarato:

Dobbiamo studiare questa molecola con più attenzione e capire come possiamo adattarla per renderla più disponibile al corpo quando viene assunta e dobbiamo capire come consegnarla alle placche.

Il tè verde e le sue proprietà benefiche

La ricerca non ha previsto dei partecipanti in carne e ossa e gli scienziati hanno solo analizzato la molecola del tè verde contenuta in soluzioni della bevanda riscaldata al microonde.

Lo studio ha dimostrato che, in presenza di eparina, l’EGCG si lega alla proteina apoA-I responsabile della formazione delle placche proteiche che si depositano lungo le pareti dei vasi sanguini. Le placche proteiche di apoA-I diventerebbero così più piccole e solubili, finendo per essere un ostacolo meno serio al flusso sanguigno.

In realtà, un altro studio dell’Università di Newcastle aveva già mostrato gli effetti positivi dell’EGCG sulle placche responsabili dell’Alzheimer.

Entrambi gli studi raccomandano cautela nell’attribuire alla bevanda proprietà che vanno ancora testate sugli essere umani e analizzate con attenzione. Entrambi gli studi, però, raccomandano di scegliere un regime alimentare più sano, accompagnato anche da una buona tazza di tè verde.

Foglie di tè verdePixabay

Questa bevanda viene usata da secoli dalla medicina cinese e le ricerche moderne sembrerebbero avvalorarne le proprietà. Puoi renderti conto dei benefici del tè dando un’occhiata alla lista qui sotto:

  • aiuta a perdere peso
  • riduce il colesterolo
  • rafforza denti e gengive
  • aiuta la digestione
  • combatte i segni dell’età grazie al contenuto di antiossidanti
  • favorisce il rilassamento e riduce l'intensità degli stati di ansia e stress

Conoscevi già le proprietà del tè verde? Lo bevi abitualmente?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.