Stai leggendo: Rose McGowan sotto accusa per droga: per lei è opera di Weinstein

Letto: {{progress}}

Rose McGowan sotto accusa per droga: per lei è opera di Weinstein

In queste ore, Rose McGowan è stata incriminata per possesso di droga, in seguito a un episodio risalente a più di un anno fa. L'attrice non ha dubbi: è vittima di un complotto ordito da Harvey Weinstein, di cui è stata la prima accusatrice.

Rose McGowan Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Rose McGowan è stata una delle prime donne di Hollywood a denunciare pubblicamente le malefatte di Harvey Weinstein.

L'attrice di Streghe, tra le più ferventi sostenitrici di #MeToo, sta affrontando in queste ore un momento particolarmente delicato. Secondo quanto riferito da TMZ, potrebbe essere condannata per possesso di droga: nel gennaio 2017, Rose McGowan venne fermata dalla polizia dell'aeroporto di Washington Dulles cinque ore dopo il suo arrivo, perché sull'aereo venne trovato un suo portafogli - accidentalmente dimenticato - con delle piccole quantità di cocaina.

La McGowan venne rilasciata su cauzione, ma pare che le accuse nei suoi riguardi siano state riportate in Tribunale.

Una vecchia foto di Harvey Weinstein con Rose McGowanHDGetty Images
Una vecchia foto di Harvey Weinstein con Rose McGowan

Sin da subito, l'attrice ha manifestato di avere una propria teoria in merito a quanto accaduto: per lei si è trattato di un complotto, finalizzato a farla tacere, e dietro tutto questo ci sarebbe proprio il produttore/predatore Weinstein.

Come riferito dal suo avvocato a Fox News, Rose McGowan continuerà a dichiararsi innocente:

Rose difende la sua innocenza. Queste accuse non sarebbero mai state portate avanti se non fosse stato per il suo attivismo e per la sua denuncia che ha fatto da voce per le donne di tutto il mondo.

L'avvocato Jessica Carmichael ha poi avvalorato la tesi complottista della McGowan:

È ormai noto a tutti che Weinstein impiegava tattiche subdole per 'mettere a tacere' le sue vittime.

Alcune indagini, infatti, hanno confermato che il produttore ingaggiasse spesso investigatori privati per scovare le donne che lo avevano accusato di maltrattamenti.

Come finirà questa storia?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.