Stai leggendo: Come gestire figli di età differenti con i consigli di Tata Roberta

Letto: {{progress}}

Come gestire figli di età differenti con i consigli di Tata Roberta

La quotidianità quando si hanno più figli di età molto diverse può essere complicata. Ecco i consigli di Tata Roberta.

1 condivisione 0 commenti

La gestione dei figli può essere complicata, soprattutto se ne avete più di uno e i due o più fratelli hanno età diverse. La quotidianità può essere caotica, ognuno ha le sue esigenze e spesso dare a tutti attenzione può risultare difficile. È però molto importante che riusciate a trovare il modo di valorizzare ciascuno dei vostri figli, non solo perché questo consolida il vostro rapporto e favorisce l’autostima, ma anche per evitare conflitti tra fratelli.

Ecco allora i consigli di Tata Roberta su come gestire figli di età differenti.

Come gestire figli di età diverse: Un momento solo per voi

Mamma e figlioHDKatie Emslie on Unsplash

Ricordate di dedicare a ciascuno dei vostri figli dei momenti di qualità da passare singolarmente solo con voi. Possono essere semplicità attività o piccole attenzioni, ma sono molto importante perché dicono a ciascun figlio che lui, proprio lui, è importante. Potete andare a prendere vostro figlio a scuola e invece che tornare dritti a casa, passare a prendere un gelato senza il fratellino nel passeggino che, come è naturale catalizza le vostre attenzioni. Oppure potete andare al cinema solo voi due, sottolineando che è il vostro momento speciale. Oppure ancora, mentre il fratello maggiore è a scuola o gioca con gli amichetti, potete dedicare qualche ora di gioco insieme al vostro bambino più piccolo. Le possibilità sono tantissime e non necessitano per forza di incastri e organizzazioni complesse: basta poco perché ognuno dei vostri figli si senta speciale.

Come gestire figli di età diverse: Non per forza compagni di giochi

BambiniHDAshton Bingham on Unsplash

Certo, è comodo “piazzare” a vostro figlio più grande il fratellino piccolo, chiedergli di giocare insieme mentre voi pulite casa. Ma chiedetevi se è giusto. In questo modo, sicuramente, da un lato responsabilizzate il più grande e il più piccolo, non ci sono dubbi, sarà felice di giocare con lui, ma la verità è che hanno esigenze diverse. È importante che due fratelli, anche di età diverse, leghino e stiano insieme, ma non deve diventare un obbligo o una costante richiesta perché per voi è più comodo a livello organizzativo. Un bambino di due anni ha delle preferenze che annoiano di sicuro un fratello più grande. Lasciate che si avvicinino e rispettate i loro tempi: magari tra qualche anno saranno inseparabili, ma se a vostro figlio più grande annoia giocare con il fratellino, non insistete costantemente.

Come gestire figli di età diverse: A ciascuno il suo

GiochiHDMarkus Spiske on Unsplash

Collegato al punto precedente c’è quest’ultimo. Ricordatevi che età diverse hanno esigenze diverse, quindi differenziate attività e giochi per fascia d’età, di modo che i vostri figli non si annoino e non si vadano poi a stuzzicare. Per esempio, un bambino di uno o due anni si diverte con cubi di cartone, magari un puzzle semplice e alcuni sonagli, mentre il più grande apprezzerà di più giocare a un gioco da tavolo in vostra compagnia. Differenziare le attività dando a ognuno ciò di cui ha bisogno è un modo per far sì che i due fratelli stiano più tempo e più volentieri insieme a giocare.

E voi, come gestite i vostri figli di età diverse? Ci sono dei trucchi che volete condividere con le altre mamme?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.