Stai leggendo: Le serie TV che nel 2018 compiono vent'anni

Letto: {{progress}}

Le serie TV che nel 2018 compiono vent'anni

Vent'anni è un periodo di tempo interminabile, soprattutto per chi è cresciuto con le serie TV uscite all'alba del nuovo millennio. Ecco quelle che nel 2018 compiono l'anniversario: le ricordate tutte?

8 condivisioni 0 commenti

Vent'anni fa, alcuni di noi erano dei bambini, altri adolescenti, e altri ancora forse non erano ancora nati. Nel 1998, il cinema ci ha regalato cult per tutti i palati. Dai film di fantascienza come Armageddon, a quelli romantici, - Shakesperare in Love - capolavori come Salvate il Soldato Ryan e il meglio dell'animazione Disney - con Mulan.

Alle soglie del nuovo millennio, il 1998 ha rappresentato un anno importante anche per il piccolo schermo. In questo anno hanno debuttato serie TV cult, alcune tornate in vita dopo la loro fine, come Will & Grace, altre rivisitate e adattate agli adolescenti di oggi, come Streghe. Dopo aver parlato di cinema, facciamo un salto indietro di vent'anni per rivivere i drammi sentimentali e non di queste serie TV cult.

Dawson's Creek

Sogni, speranze e primi batticuore di tre ragazzi di provincia, la cui vita viene stravolta dall'arrivo della bella newyorkese Jen Lindley. Questa la premessa di Dawson's Creek, trasmessa per la prima volta negli Stati Uniti nel 1998 - in Italia arrivò qualche anno più tardi - per poi concludersi nel 2003, dopo sei stagioni. Le vicende di Dawson, Joey, Jen e Pacey nell'immaginaria Capeside hanno conquistato i giovani di tutto il mondo, che ogni settimana non perdevano un appuntamento davanti lo schermo per cantare la sigla di Paula Cole.

Guardare ora questa serie TV potrebbe confonderci, perché probabilmente saranno in pochi ad avere un linguaggio forbito come il giovane Dawson, che sognava di diventare un regista famoso come Steven Spielberg. Di recente, in occasione dell'anniversario della serie, i protagonisti si sono ritrovati per festeggiare un compleanno speciale, e c'erano tutti (o quasi): James Van Der Beek, Katie Holmes, Michelle Williams, Joshua Jackson e Busy Philips (Audrey nelle ultime due stagioni).

Felicity

Il 1998 era l'anno in cui i teen drama raggiungevano il culmine. In coppia con Dawson's Creek, c'era Felicity, serie TV in onda negli States fino al 2002 - nel nostro Paese, ha debuttato in quell'anno. Uscita dal liceo, la protagonista interpretata da Keri Russell, contro il volere della famiglia, sceglie di seguire il ragazzo di cui è sempre stata innamorata, abbandonando i suoi piani di diventare medico. Felicity si trova così a New York, ad affrontare da sola una realtà che non si aspettava: Ben non ricambia i suoi sentimenti, e deve adattarsi alla nuova facoltà di arte.

Più che teen drama, Felicity è un racconto di formazione. La serie ha lanciato numerosi volti del piccolo schermo, tra cui la già citata Keri Russell (protagonista di The Americans), Scott Speedman (il nuovo amore di Meredith in Grey's Anatomy?) e Scott Foley (Jake Ballard di Scandal).

Sex and the City

Una serie rivoluzionaria unica nel suo genere. Sex and the City ha da poco compiuto vent'anni, e ancora oggi rappresenta uno dei capisaldi per tutte le donne. In sei stagioni, le protagoniste Carrie Bradshaw, Miranda Hobbes, Samantha Jones e Charlotte York ci hanno insegnato un nuovo modo di rappresentare il sesso femminile - che non è affatto quello debole! - tra citazioni cult, modi di dire, e libertà di espressione.

Il loro look glamour ha ispirato donne di mezzo mondo, che, a cavallo tra il vecchio e nuovo millennio, erano alla ricerca del proprio io. Tutte, almeno una volta, abbiamo sognato di essere spregiudicate come Samantha, sognatrici come Charlotte, in carriera come Miranda, o scrittrici (e con un armadio pieno di scarpe) come Carrie. Senza dimenticare la ricerca del vero amore.

Streghe

Un cult del fantasy uscito nel 1998 è Streghe, conosciuto negli Stati Uniti col titolo originale di Charmed. Le storie delle sorelle Halliwell (interpretate da Shannen Doherty, Holly Marie Combs e Alyssa Milano; dalla quarta stagione Rose McGowan in sostituzione della Doherty) hanno animato il nostro schermo per otto stagioni, concludendosi negli States nel 2006. Streghe è la serie fantasy più popolare di sempre: potete chiedere a chiunque, anche a una bambina, se conosce la frase cult 'Il potere del trio coincide col mio', e vi saprà rispondere citando Il libro delle Ombre.

Alla serie va anche il merito di aver introdotto alcune tra le creature più spaventose del folklore quali wendigo, banshee e angeli bianchi. Ed è grazie a Streghe se abbiamo avuto gli incubi per notti intere. A vent'anni dal suo debutto, il network The CW manderà in onda il reboot della serie, che ha fatto già indignare i nostalgici di Streghe: e voi lo guarderete?

That '70s Show

Come si chiama quello show ambientato negli anni Settanta? Questo è più o meno il pensiero di tutti che nel 1998 si trovarono a guardare That '70s Show, comedy targata FOX, tra le più longeve trasmesse sul network americano. Nel corso delle otto stagioni, la serie ha saputo raccontare la vita degli adolescenti in quel mitico decennio, attraverso brillanti stratagemmi: la presenza di guest stars che hanno vissuto in quegli anni, musiche azzeccate, e l'uso velato di sostanze (mediante l'utilizzo del 'cerchio', in cui i protagonisti si riunivano dando sfogo ai loro pensieri più strani).

La comedy è stata un trampolino di lancio per attori come Laura Prepon (la troviamo tra le protagoniste di Orange Is the New Black) e Topher Grace (era il Venom nel terzo film di Spider-Man diretto da Sam Raimi). Ashton Kutcher e Mila Kunis, oggi marito e moglie, si sono conosciuti proprio grazie a That '70s Show. L'attrice, 15enne nell'anno del debutto, dichiarò di aver dato il suo primo bacio proprio al futuro padre dei suoi figli. 

Will & Grace

Nel 1998, il network NBC mandò in onda una comedy, forse tra le pochissime di quegli anni, in cui i protagonisti non erano una coppia. Anzi, sono amici e coinquilini: lei è un'arredatrice di interni, nevrotica e talvolta impacciata. Lui è un avvocato di successo, pronto ad aiutare gli altri. Sarebbero perfetti insieme, se non fosse per un particolare: lei è etero, lui è gay. Will & Grace ha rappresentato a pieno la comunità LGBTQ in un periodo storico in cui c'erano pochissimi personaggi omosessuali sul piccolo schermo.

Grazie a un'ironia e un sarcasmo mai volgare, Will & Grace ha raccontato l'America di ieri e di oggi attingendo alla satira politica, a un linguaggio fresco e originale, in grado di rinnovarsi continuamente. Il merito va allo straordinario cast, in forma smagliante anche oggi: Eric McCormack, Debra Messing, Megan Mullally e Sean Hayes. Undici anni dopo la fine della serie originale, NBC ha deciso di riportarla in vita con un revival già rinnovato per la prossima stagione. La formula resta la stessa, e funziona: l'umorismo si adatta alla perfezione all'era di Donald Trump. E il pubblico ringrazia.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.