Stai leggendo: Scandal 7: la prima scena del settimo episodio

Letto: {{progress}}

Scandal 7: la prima scena del settimo episodio

Stasera, su FoxLife, è di scena Scandal 7 con il settimo episodio dell'ultima stagione: ecco la prima scena.

1 condivisione 0 commenti

Un inizio al cardiopalma quello del nuovo episodio di Scandal 7, in onda stasera su FoxLife. L'inconsapevole 'vittima' è Quinn, che la scorsa settimana abbiamo visto infuriata con Olivia Pope e sconvolta dalla morte del Presidente Rashad e di sua nipote.

Lo stesso episodio si era concluso con la futura sposa, in abito bianco, mentre si dirigeva nel palazzo dove sono soliti incontrarsi i gladiatori. Qualcosa non va, e appare subito chiaro che Quinn Perkins è in grave pericolo. L'ultima scena ci mostrava Olivia e Jake a domandarsi chi mai potrebbe aver fatto del male alla donna.

La prima scena del settimo episodio aiuta a capire cosa potrebbe esserle successo. Incinta, con indosso l'abito nuziale, Quinn entra nell'ascensore del famigerato edificio della Pope & associati, solo per ritrovarsi, momenti dopo, bloccata. Ciò che segue sono attimi di panico: nel buio, la donna viene aggredita e rapita da qualcuno. E a nulla servono le sue grida mentre cerca di dimenarsi.

Cosa pensate possa esserle accaduto? Quinn Perkins è in pericolo di vita?

La settima stagione di Scandal è anche l'ultima per il political drama di Shonda Rhimes. La serie si è infatti conclusa lo scorso aprile, dopo 124 episodi trasmessi in totale.

Per scoprire il destino di Quinn, non resta che attendere l'episodio di Scandal 7, in onda stasera su FoxLife, canale 114 si Sky, alle ore 22:00 dopo l'appuntamento col finale di The Resident.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.